riflessioni

Destinazione felicità

lunedì, dicembre 28, 2015Manuela Vitulli


Dicembre. Mancano pochissimi giorni alla fine dell’anno.
Siamo agli sgoccioli, siamo giunti all'epilogo di questo 2015 che è volato forse troppo in fretta, almeno per me.
Un epilogo che ha però il sapore della speranza, di tutte quelle speranze e quei desideri che si ripongono nel nuovo anno.


A Dicembre si riavvolge il rullino dei 12 mesi trascorsi, si tirano le somme e si fanno progetti.
E a proposito di progetti per il nuovo anno, oggi voglio parlarvi di una tematica particolare. La felicità.
No, non occorre aspettare Dicembre per ricordarsi di essere felici, ma forse quello dei buoni propositi per il 2016 è un ottimo pretesto per iniziare a fare sul serio, per mettere sotto l’albero la felicità.
Felicità intesa come sollievo dell’anima, ascolto interiore, amore per se stessi.
Felicità intesa come benessere per il corpo e per l'anima.
Una tematica che ho particolarmente a cuore, basti pensare che ci sto lavorando da circa due anni.
Sto cercando di ascoltare me stessa, ciò di cui ho realmente bisogno.
Sto cercando di non farmi abbacinare da futilità, stereotipi e falsi miti.
Mi sto impegnando a fuggire dalla routine per fare ciò che mi fa star bene, a circondarmi di persone preziose, a dedicare del tempo a chi può regalarmi qualcosa.
E per regalo intendo un abbraccio, un sorriso, una passeggiata nella natura. Insomma, un dono immateriale capace di scaldare il cuore anche dopo anni.


Il benessere. Da dove nasce la necessità 

Sono certa che molti penseranno che è troppo facile parlare di benessere e felicità nel mio caso.
Per una "sempre in giro" è facile essere felice, è scontato.
E invece no.
Dietro i social, dietro i filtri applicati alle foto e alla vita, dietro i racconti e le parole si cela un’abbondante dose di stress, ansia, tensione.
Amo quello che faccio – sia chiaro – ma non nascondo i molteplici nei di questa attività, in primis l’utilizzo smoderato dei social network che spesso può sfociare in una vera e propria dipendenza.
A questo va aggiunta la necessità di trascorrere ore e ore davanti allo schermo del computer, di tenere a mente scadenze e consegne, di incastrare i vari impegni tra un volo e l’altro.
Questo folle mix di movimento e sedentarietà porta inevitabilmente ad un accumulo di stress, ansia, tensione.
Non l’ho mai scritto né sul blog né sui social, ma prima del mio ultimo viaggio in Thailandia ho pensato che se avessi continuato a vivere di corsa, tra un continente e l’altro, sarei crollata.
La Thailandia mi è servita a riprendere coscienza e rammentare quello che davvero conta per me. Ancora una volta. Ho realizzato che il viaggio sì, è importante, ma non è tutto.
Il viaggio non ha senso senza il giusto equilibrio interiore, un equilibrio che io avevo perso.
Non riuscivo più a vivere intensamente quello che avevo davanti perché già stavo pensando a quello che avrei fatto di lì a poco.
Così al rientro dalla Thailandia mi sono fermata per un po’.
Ho ripreso possesso dei miei ritmi, della mia routine fatta di viaggi ma anche di meritate pause, di tempo da dedicare a me, di tempo per scrivere, per respirare a pieni polmoni.
Ho fatto ordine nella mia camera per riuscire a fare ordine nella mia testa.

E adesso? Adesso sto bene. Ho capito che è bello cimentarsi in nuove esperienze e buttarsi nelle avventure, ma ogni cosa va ponderata, va stabilita in base ai miei bisogni.
La vita ci offre un incredibile ventaglio di opportunità, ma questo non significa dover diventare uno Yes Man (sì, proprio come nel film di Jim Carrey), non significa non dover mai rinunciare a qualcosa. A fin di bene.


I social network 

Con i social network il discorso cambia.
I miei canali social, soprattutto la pagina Facebook, Snapchat e Instagram, sono diventati quasi un diario in cui condivido i momenti salienti della mia vita. Faccio realmente fatica a sparire per giorni, a non dare notizie di me.
Eppure sto imparando, sto imparando a capire quando ci vuole il silenzio anche sui social, quando dovrei dedicarmi solo a me stessa, essere connessa esclusivamente offline.
Sono i momenti in cui decido di spegnere lo smartphone e di tornare alla semplicità, di dedicarmi alla bellezza.
Osservare il mare, ammirare un tramonto, passeggiare nel verde. Sono i momenti in cui la natura ci ricorda il valore inestimabile di quello che abbiamo, ci ricorda che siamo fortunati, che dovremmo essere grati.


La gratitudine 

La gratitudine è un altro importante tassello del puzzle della felicità.
Essere grati sia per le grandi opportunità che per le piccole cose, per quello che facciamo quotidianamente, non solo ci fa star bene, ma mi azzarderei a dire che è linfa vitale.
Non si può essere felici senza essere grati. Prima di andare a letto cerco di fare mente locale ripercorrendo le tappe della mia giornata e ringraziando per tutti quei momenti in cui mi sono sentita felice.
Perché ogni giornata, anche la più nera, ci dà almeno un buon motivo per sorridere.
Andare a dormire sereni e con almeno un ricordo felice aiuta a svegliarsi carichi e pieni di energia positiva.
 A fine Dicembre, inoltre, cerco sempre di tirare le somme e fare una lista di tutto quello che l’anno mi ha regalato.
Io lo faccio scrivendo un articolo corredato di foto, ma lo si può fare anche con un semplice taccuino, anche solo con la mente.
Potrà sembrare banale, ma vi assicuro che questo esercizio aiuta a ricordare quanto è meravigliosa la nostra vita.

E questo è solo uno dei mille esercizi che ci aiutano a star bene.
Su Stile Benessere trovo sempre tanti contenuti preziosi per il benessere della mente e dello spirito. Per la felicità.
Un utile supporto per riacquistare il giusto equilibrio è il nuovo ebook di Stile Benessere "10 consigli per l’anima che ti rendono felice", una piacevole lettura creata con il cuore per rendere migliore la nostra vita. All'interno troverete le tematiche che ho affrontato in questo post (sviluppate molto meglio) accompagnate da esercizi pratici per mettersi subito alla prova.

Voglio condividere con voi una delle frasi lette nell'ebook di cui voglio far tesoro: Partire dalle piccole cose è semplice; proseguire nel percorso del “sentirsi” e del “volersi bene” sarà uno dei viaggi più belli mai intrapresi. 

Insomma, un ebook creato affinché impariamo a volerci bene.
Io ve lo consiglio, anche come regalo di buon auspicio per il prossimo anno. Per gli altri e per voi stessi.


Vi auguro di terminare questo 2015 con tanto splendore e maggiore consapevolezza.
E vi lascio con un breve video che ho realizzato mescolando tutto quello che mi fa star bene. Tutto quello che io associo alla felicità.
La mia casa, il mare, la natura e tante altre piccole cose che, messe assieme, costruiscono la mia idea di benessere.

E per voi? Cos’è la felicità?

You Might Also Like

22 commenti

  1. Manu, anche io ho provato lo stress da aspettative e poi mi sono fermata, mi sono detta: no, non ci siamo. Non possiamo rischiare che le nostre passioni ci perseguitino fino a diventare dei limiti! La ricerca della felicità, quella dì è già di per sè un motivo per essere felici! Buon 2016!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefy, so che tu mi comprendi :)
      Il tempo passa, le passioni restano ma cambiano le priorità, cambiano le necessità. Ed è giusto che sia così.
      Un abbraccio e buon - felice - 2016!

      Elimina
  2. Bello leggere questo post di lunedì mattina e dopo le feste!! Condivido quello che hai scritto. Sebbene mi sia immerso, relativamente da poco rispetto a te, in questo mondo blogger un po' particolare, comprendo benissimo ciò che scrivi perchè è possibile traslare i tuoi concetti nella vita di tutti i giorni. Indipendentemente dal blog, quante volte tralasciamo aspetti più importanti perchè siamo offuscati da un obbiettivo? Purtroppo molte. Una professione in carriera od anche semplicemente un hobby particolare, spesso ci distolgono da cose più importanti. Io per primo sono un "focalizzatore" e quando mi accordo che sto sbagliando, decelero e cerco di riassaporare quello che ho intorno. Però, sai, se sei fatto/a in un certo modo, difficilmente riesci a cambiare. L'unica cosa è, come hai scritto giustamente tu Manuela, fermarsi, riflettere e cercare di smussarsi un pochino. E mi piace anche ciò che hai scritto in merito al fatto che anche le giornate più brutte ti possono insegnare e regalare qualcosa. Sono convinto che sia sempre necessario guardare il bicchiere mezzo pieno, essere sempre positivi e cercare di vivere la vita con il sorriso!! Always Laugh!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piace il tuo modo di pensare!
      Ti ho "scoperto" da poco ed è bello trovare il tuo commento qui, davvero.
      Penso che la vita sia una e - nel bene o nel male - sia giusto prendere il buono, ogni giorno.
      Sorridere, cercare la felicità, non rincorrere falsi miti, essere "semplicemente" felici.
      Ecco tutto :)
      Always Happy!

      Elimina
  3. la felicità per me è nelle piccole cose, senza tante aspettative arriva all'improvviso :)) ancora tanti auguri e un grande 2016! ciao Andrea :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed è un bel concetto di felicità! :)
      Tanti auguri e buon anno Andrea!

      Elimina
  4. Come sempre emozioni Manu... ti auguro tanta felicità nel 2016 (e tanti viaggi!) :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia cara! Tanti viaggi (super) e buon 2016 anche a te! :D

      Elimina
  5. Cara Manu, sai che mi ritrovo in tutto quello che hai scritto, per ciò ti capisco, e ti do ragione!
    Ti auguro di chiudere in bellezza questo fantastico 2015, nel quale hai rispleso come una stella cometa, e di fare altrettanto nel 2016. Io non ho dubbi :) un abbraccio forte <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mia dolce Pam, mi hai scritto una cosa bellissima! Lo spero tanto e auguro il meglio anche a te splendore! Ti abbraccio forte forte! <3

      Elimina
  6. Bello leggere questo post, e anche i commenti delle altre persone. Voglio evidenziare alcune cose che hai scritto e che rimangono impresse nella mia mente. "Il viaggio non ha senso senza il giusto equilibrio interiore. Perché ogni giornata, anche la più nera, ci dà almeno un buon motivo per sorridere. Impariamo a volerci bene. Tornare alla semplicità. Gratitudine."
    Ed io ti ringrazio. Perchè appena ho letto questo post, e più mi convinco di essere sulla strada giusta, ormai da un po'. Volersi bene, sempre!

    Alessandra

    http://appuntidiconsapevolezza.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volersi bene, sempre!
      Grazie a te Alessandra, parole preziose le tue! :)

      Elimina
  7. Siamo un pò tutti alla ricerca di questa felicità, forse l'errore sta proprio qui? Nella sua ricerca? Che c'è da ricercare? Le filosofie orientali dicono sempre di vivere il momento totalmente, forse è quella la soluzione? Che poi questo momento sia uno splendido viaggio con la persona amata o trovarsi soli in un'isoletta deserta di 10 metri cosa cambia?
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vivere il momento totalmente? Sì, credo sia forse l'unica via per la felicità (se di vie si può parlare). Cercare di non pensare troppo al poi, al futuro. Semplicemente VIVERE :)

      Elimina
  8. Grazie Manuela per condividere con noi la tua idea di felicità. Nel 2015 ho scoperto che per me la felicità è essere consapevole del qui e ora. Dedicare la mia attenzione solo a una cosa per volta che sia al lavoro oppure no e allenarmi ad essa, attraverso l'attenzione alla respirazione, quando non ho niente in particolare da fare per evitare che la mente vada avanti e indietro rimuginando su quello che è stato, non è stato, che poteva essere o su false illusioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui e Ora. Hic et Nunc. Piace moltissimo anche a me :)
      Credo tu stia percorrendo la strada giusta, sai?
      Un forte abbraccio!

      Elimina
  9. Secondo me la felicità sta anche paradossalmente anche in una giornata storta perchè poi guardando bene in fondo anche "storto" è stato utile per qualcosa che non avevi visto.
    La felicità viene non serve cercarla e non si può cercare perchè in fondo non sai cosa ti farà felice perchè anche un qualcosa di programmato e sicuramente portatore di felicità potrà in fondo rivelarsi completamente diverso.
    Un abbraccio cara, buon Anno a te e famiglia e continua cosi perchè sei sulla strada giusta perchè quando si è convinti la felicità o altro e dietro l'angolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saggia, saggia Edvige!
      Un abbraccio e un caro saluto :)

      Elimina
  10. Ciao Manuela!
    Credo che le tue emozioni, e intendo quelle negative, siano frutto di una passione che ora sta diventando anche un lavoro, con tutto lo stress che ne possa derivare, e spero per te di capire che sia così. :) Pensa che davvero in tanti si trovano "appollaiati" davanti ad uno schermo (e magari anche per un anno intero finché non arriva agosto...), ma tu, come pochi altri, hai la fortuna di farlo per uno scopo differente e sicuramente migliore, ed in molti vorremmo essere nei tuoi panni.
    Io ti auguro di averlo anche nel 2016 quel tipo di stress (spero che non mi fraintenderai :D ), questo è il mio sincero augurio per tutti, perché in fin dei conti "non c'è luce senza buio", ecc...
    Buon anno nuovo da Futura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai fatto centro, alla grande Futura! :)
      Non fraintendo, ma al contrario apprezzo molto il tuo commento e il buono che vedi in questo tipo di stress.
      Grazie, buon anno cara!

      Elimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: