riflessioni

Ci vediamo al mare

lunedì, agosto 06, 2018Manuela Vitulli


Scrivo questo post per due motivi: per me stessa, perché scrivere è sempre stata la mia cura (insieme al mare e alla musica), e per chi mi legge, affinché le mie parole possano fungere da monito.
Alla fine dello scorso anno avevo scritto un post dedicato all’AIRC.
Un post che è strato straletto e condiviso da chi, come me, stava vivendo (o aveva già vissuto) una situazione difficile.
Un post scritto col cuore perché l’AIRC inconsapevolmente mi ha scelto per questa campagna di sensibilizzazione proprio pochi giorni dopo che ho saputo di papà.
Sì, qualche giorno prima mentre ero in Oman avevo saputo che mio padre aveva una grave neoplasia. Che non riesco nemmeno più a chiamarla col suo nome più comune.

Potrei raccontarvi dei miei pianti sul volo di sette ore Muscat-Milano (mi è sembrato il più lungo della storia).
Potrei raccontarvi di tutte le partenze col cuore in gola, quando salutavo mio padre con gli occhi lucidi e con la speranza di poterlo riabbracciare al mio rientro.
Potrei raccontarvi di tutti questi mesi dell’umore altalenante, mesi di lotta e incertezze, di paura e coraggio.
Potrei raccontarvi del mio breve studio sulle reazioni del genere umano in questi casi: delle grandi e inaspettate dimostrazioni d’amore e empatia ricevute, delle altrettanto grandi e inaspettate delusioni. Non è stato facile essere compresi vivendo una situazione del genere ed esponendomi sui social per raccontare i viaggi e il bello del mio lavoro.
Quando si ha la fortuna di viaggiare e fare un lavoro così “interessante” è facile pensare che tutto vada bene e che i problemi non esistono, solo perché non vengono raccontati sui social.
Ma non è affatto così.
C’è una vita che scorre anche oltre i social, che non si racconta ma si affronta. 

Sui social ho deciso di dedicarvi la parte migliore di me un po’ perché non ho mai amato piangermi addosso e un po’ perché credo che alcune cose debbano essere affrontate nel privato.
Non sarebbe stato giusto raccontarvi l’evoluzione del mio dolore, anche se qualcuno è riuscito a percepire quella tristezza, a leggere tra le righe.
Non ho mai nascosto che stavo vivendo un periodo difficile, ma ho sempre cercato di affrontare tutto con positività. Di vivere col sorriso scacciando i momenti bui (che ovviamente non sono mancati).

E tornando a quel post scritto mesi fa.
Subito dopo averlo pubblicato ho scoperto tantissime storie di vita.
In tantissimi mi hanno scritto la loro esperienza immedesimandosi nelle mie parole e probabilmente trovando in me una persona vicina, capace di capire.
Tutte queste storie mi hanno fatto pensare a quanto poco si parli del dolore che generano queste patologie non solo in colui che ne è affetto, ma anche in coloro che gli stanno accanto.

Posso anche dirvi che per quanto una malattia riesca a togliere brutalmente, è anche capace di donare. Di donare la percezione reale della vita, di ridimensionare la nostra concezione del tempo e di come questo vada vissuto.
In questi ultimi dieci mesi ho compreso più che mai il valore del tempo.
Ho compreso più che mai il valore della famiglia e quanto faccia bene passare del tempo con mia sorella e i miei genitori.
Ho compreso più che mai l’importanza del vivere momenti speciali da trasformare in ricordi indelebili.

Mi sembra assurdo che quando tutto va bene non si riesca a sfruttare a pieno il tempo che la vita ci ha donato. Diamo sempre tutto per scontato, con la convinzione di essere eterni.
E invece siamo tutti di passaggio su questa terra e quello che conta è lasciare una traccia, qualcosa di buono.
Ed è anche per questo che vi dedico questo post.
Perché possa ricordarvi l’importanza della famiglia, del tempo ben speso.
Che spesso il lavoro e la frenesia quotidiana prendono il sopravvento e nemmeno ce ne accorgiamo. E invece no, non può essere sempre così.
Ritagliamoci delle giornate da dedicare a chi amiamo.
Un anno fa non avrei mai potuto credere che oggi, a un giorno dal suo cinquantasettesimo compleanno, non avrei più potuto abbracciare mio padre.

La vita è davvero un soffio, un attimo.
Facciamo sì che quel soffio sia speciale, sia profondo, intenso, unico. 

Viviamo al massimo, sempre. 
E impariamo a fregarcene di tutto quello che è effimero e materiale,  impariamo a fregarcene delle apparenze e di quello che pensano gli altri. Facciamo quello che davvero amiamo. 
È una cosa che ho sempre pensato e scritto, ma adesso lo dico con maggiore convinzione, col cuore aperto.
Lo dico conscia che la vita è una sola e può durare 30, 40, 50, 80 anni.
Ma quel che conta davvero è il modo in cui scegliamo di viverla, non la sua durata.

Era da tempo che non scrivevo un post personale perché non avevo più le forze per farlo.
Avevo così tanto dentro che non avrei saputo da dove iniziare.
Adesso sento che è arrivato il momento di ripartire, che ho bisogno di scrivere di nuovo di me.


E questo è per te, papà. 
Quando ascolterò la playlist che ho creato per te su Spotify, ti penserò.
Quando guarderò il mare ti penserò.
Ti incontrerò nuotando nel mare, sarà il nostro appuntamento.
E anche se la vita va avanti, ti penserò. Sempre.
La vita andrà avanti proprio per te, perché ovunque tu sia continuerai a essere fiero di me. ​

Ci vediamo al mare, pà.

You Might Also Like

11 commenti

  1. Ancora una volta a distanza di anni sei un esempio, sei tenacia, sei fonte di ispirazione...
    Non cambiare mai.

    Twin

    RispondiElimina
  2. Mi dispiace, so che ormai avrai per sempre un vuoto dentro che difficilmente sparirà e capisco che scrivere serva tanto.
    Hai ragione, questo tuo post è una cura anche per chi ti legge.
    Vale poco ma ti mando un grande abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Carissima Manuela,
    ho letto questo post con le lacrime agli occhi di chi sa. Il dolore è straziante, non te ne capaciti, ma come hai detto tu, in un momento così delicato, riesci anche a capire tante cose e far sì che la tua vita prenda un'altra piega.
    Sarà una ferita che porterai sempre sul cuore, ma che sarà in grado di donarti un'altra prospettiva della vita, credimi.
    Sei meravigliosa e sono sicura che il tuo papà, sarà sempre con te e continuerà ad essere fiero della persona che sei.
    Non smettere mai di illuminarci con quel sorriso pazzesco che hai! ti mando un altro abbraccio virtuale.
    Letizia

    RispondiElimina
  4. Mi piace leggerti perché hai sempre scritto con il cuore. Spero che le tue parole arrivino al cuore di tante persone che non capiscono il valore della vita e l’importanza della famiglia.

    RispondiElimina
  5. Manu, grazie per questo post. Sei una persona speciale, sensible e forte. Tuo papá ti ha fatto un grande regalo: ogni volta che ti sommergerai in un mare, sará come ricevere un suo abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Manuela, sono in viaggio ma sono giorni che ti penso e mi sento vicina a te più che mai. Sto capendo il valore del tempo come ci hai detto di fare tu... Quello che mi sento di dirti è che le parole non saranno mai abbastanza, é il cuore ed i sentimenti sono ciò che conta... Tieniti strette le persone che ti fanno sorridere il cuore, che te lo curano, che siano della tua famiglia o i tuoi amici più stretti. Potrai perdere il tuo sorriso per un po', ma poi tornerà. Sei una bella persona, Manu. Il tuo papà è e sarà sempre fiero di te, ed ora ti guarda dal tuo amato mare.
    Alessandra

    RispondiElimina
  7. Posso dirti che conosco la malattia e quanto riesce a toglierci e quanto riesce a darci. Posso dirti che nel tuo post hai già fatto enormi passi in avanti. Ricordando solo il bello, non vivendo di sensi di colpa. Ed è così che devi fare. Ricordare solo il bello. Perché è quello che conta. Un abbraccio a te.

    RispondiElimina
  8. Che belle parole Manuela, mi hanno fatto emozionare. Dobbiamo ricordarcelo più spesso, di quello che vale veramente nella vita! Ti auguro tanta felicità :)

    RispondiElimina
  9. Ciao Manu, con le lacrime agli occhi dopo aver letto questo immenso e toccante post ti dico che ti voglio bene. E lo sai. Se non hai capito chi sono, guarda la mia email. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Sei una donna speciale e questo fatto doloroso ti ha resa ancor più forte.
    Ti auguro una vita piena di gioie e felicità allo stato puro.
    Tantissimi abbracci

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Aruba Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria California cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Colorado Corea del Sud Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna dove dormire Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie Indonesia instagram intervista Irlanda Ischia Israele Istria Italia jamaica kenya Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Massachusetts Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Oman Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia singapore snapchat snorkeling Sorrento Spagna Sri Lanka storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: