lifestyle

Economia Circolare: Prendiamoci Cura del Mondo

lunedì, gennaio 23, 2017Manuela Vitulli


Durante i miei viaggi incontro culture estremamente differenti dalla nostra.
Ho viaggiato in Paesi in cui la povertà è un demone con cui ci si scontra quotidianamente. Dove la povertà non è un evento lontano, ma la realtà.
E in questi Paesi ho realizzato veramente cosa significa fare economia. Economia non intesa come risparmio, ma come riutilizzo dei beni.
Riciclo.
In queste terre fare economia è un’esigenza vitale.

Sono questi i viaggi che io considero educativi. Già. In queste occasioni ho riflettuto a lungo non tanto sulla fortuna di essere nati nel lato “giusto” del mondo, quanto sullo sperpero delle risorse che, ahimè, si ripete costantemente laddove c’è benessere.
E così ho particolarmente a cuore tutti i progetti che prevedono il riutilizzo degli scarti di lavorazione, alimentari o industriali.
Il mondo del web, legato a quello dei viaggi, mi ha permesso di incontrare (anche solo virtualmente) persone che quotidianamente si impegnano in questa battaglia.
Poco tempo fa sono stata contattata da un ragazzo toscano che da tempo porta avanti un progetto davvero lodevole: realizza bracciali in alluminio utilizzando gli scarti e i ritrovamenti del materiale rimasto dopo gli intesi bombardamenti in Laos durante gli anni 60-70. Un progetto speciale che rispecchia la mia idea di economia.

Pensate che l’economia circolare – si chiama proprio così l’economia che si basa sul riutilizzo dei materiali – consentirebbe di risparmiare ogni anno ben 604 miliardi di euro alle imprese europee. Applicando questo sistema potremo porre termine all’effimero ciclo del “prendi, produci, usa e getta” che finirebbe per distruggere irreversibilmente il pianeta. E lo sappiamo bene.
Dovremmo invece puntare a un tipo di economia sostenibile che badi al benessere dell’ecosistema e, di conseguenza, dell’uomo.

Questo è ciò che sta provando a fare Enel Future-E mediante un concetto allargato di economia circolare adattato al settore energetico.
Innovazione, sostenibilità e competitività si mescolano per partorire nuovi modelli di sviluppo che rientrano nella Circular Economy.
L’Economia Europea, ben conscia dell’importanza di questo tema, ha avviato un piano strategico che, nel corso di sette anni, prevede il passaggio dall’economia lineare a quella circolare.
Nel 2020, dunque, l’economia circolare dovrebbe essere regolarmente presente in tutti i Paesi aderenti all’UE.

 A tal proposito voglio segnalare un bel progetto del brand svedese H&M: “H&M Conscious”. Mediante questa linea, l’azienda si impegna attivamente a rendere la moda sostenibile realizzando dei capi a partire da tessuti di secondo utilizzo. Sono quei capi che – se siete clienti H&M li avrete certamente visti – sono contraddistinti da un’etichetta verde. Verde, simbolo di natura e sostenibilità. E non solo: l’azienda invita i clienti a portare in negozio i capi usurati affinché le fibre possano essere riciclate.
Una bella iniziativa che funge sicuramente da esempio per molti altri brand del fashion e di altri settori.

BioTrimmings è un altro interessante progetto fashion che prevede la realizzazione di capi (borse, indumenti, bottoni…) a partire da scarti alimentari domestici.
Insomma, sembra che sempre più aziende si stiano muovendo verso un concetto di economia circolare.
E io lo spero vivamente.
Spero che il mondo vada sempre più in questa direzione.


ENEL

You Might Also Like

8 commenti

  1. Cara Manuela, passo per augurarti una buona settimana, e per dirti se ai un minuto di passare da me, per il brindisi della mie nozze di Diamante, non mancare!!!
    Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. sai che con H&M lo faccio smepre? ho portato diversi capi smessi e sono stata felice di fare anche io la mia - piccolissima - parte!
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
  3. Questa tendenza sta sempre più diffondendosi e spero possa diventare col tempo uno stile di vita. Dal cibo biologico a km 0, al riutilizzo di vecchio mobilio e vecchi utensili per creare arredi di stile. La grande distribuzione ci fa dimenticare il vero valore delle cose (oltre la loro funzione). Gli oggetti dovrebbero comunicarci creatività e passione di chi produce, non spersonalizzazione. Ed i braccialetti di cui parli sono un esempio.
    Speriamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo spero tanto anche io, davvero tanto! Spero che il mondo rallenti, che si torni ad apprezzare il valore dell'essenziale e delle piccole cose.. e del riciclo, ovviamente. Io adoro ad esempio gli oggettini creati col materiale riciclato, ne vado pazza!

      Elimina
  4. I think future will be brighter thanks to the new generation!

    RispondiElimina
  5. Un articolo diverso, un piccolo input per riflettere su quello che sta accadendo attorno a noi. Purtroppo io sono diventata troppo pessimista e credo che ormai siamo arrivati a livelli tali che un recupero del nostro pianeta sia impossibile. Siamo coinvolti in meccanismi economici, consumistici ed egoisti che sono più grossi di noi. Possiamo solo fare la nostra piccola parte, ma come reagire quando scopri che in alcuni comuni d'Italia mescolano tutti i rifiuti che i cittadini con coscienza etica hanno differenziato a casa? Mi cadono le braccia per terra. Spero con tutto il cuore che avvenga un cambiamento prima che sia troppo tardi... 😢

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna dove dormire Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Massachusetts Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna Sri Lanka storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: