lifestyle viaggiare

Viaggiare leggeri: come preparare il bagaglio

lunedì, novembre 21, 2016Manuela Vitulli


Ricordo il mio primo viaggio all'estero da sola. In Grecia.
Un trolley enorme in cui avevo messo di tutto. Avevo letteralmente svuotato l'armadio per trasportarlo con me. Una marea di capi inutili, vestiti che non avrei mai e poi mai indossato.
Con gli anni, dopo tanti viaggi, sono cambiata radicalmente.
Riesco a far entrare tutto in uno zaino da trasportare comodamente sulle spalle.
Se il viaggio dura meno di una settimana riesco a utilizzare solo il bagaglio a mano (che reputo sempre la soluzione più pratica) e a selezionare accuratamente i capi che possono essere riutilizzati senza che qualcuno possa pensare "Ah, ma Manuela si veste ogni giorno alla stessa maniera?".
Insomma, credo di essere diventata un'esperta, ormai.
E ne giova anche il peso del bagaglio, che è sempre al di sotto del limite imposto dalle compagnie aeree.
In questo post, quindi, ho deciso di dare qualche piccolo consiglio a coloro che mi ricordano com'ero io sette anni fa. A coloro che non partono se non hanno al seguito mezza casa.
Vediamo un po' come preparare il bagaglio per viaggiare leggeri.

1. Scegliere un bagaglio leggero
Molti, al momento dell'acquisto del bagaglio, sottovalutano l'importanza del peso.
E - vi assicuro - è un grave errore.
Ho tantissimi trolley a casa, alcuni davvero meravigliosi e originali, ma non tutti sono funzionali e comodi per un viaggio. Alcuni bagagli, infatti, presentano una struttura importante che non tiene conto dei limiti di peso delle compagnie aeree. Pensate, ho bagagli che, già da vuoti, pesano quasi 4 kg!
Ricordate: scegliere un bagaglio leggero è importante sia per non pagare i costi aggiuntivi per il superamento del limite di peso, sia per rendere più agevole il trasporto del trolley durante i vari spostamenti.

2. Ragionate in funzione della destinazione
Lo so, sembrerà scontato, ma non lo è. Vi assicuro che non lo è (e non lo era nemmeno per me).
Supponiamo che stiate partendo per la Finlandia in pieno inverno e abbiate voglia di portare con voi quel nuovissimo paio di ankle boots con tacco 12. Prima di inserirli in valigia occupando un quarto dello spazio, pensate "Mi serviranno?" e ripetetelo più volte nella vostra mente.
Vedrete, non appena realizzerete che l'unico appuntamento galante che vi potrebbe capitare è quello con Babbo Natale, beh, le riporrete nella scarpiera.

3. Preparare un beauty leggero
Il beauty, se non preparato al meglio, può rivelarsi uno degli oggetti più pesanti da mettere in valigia. Per evitare questo io consiglio di portare lo stretto indispensabile.
Se siete donne e non sapete rinunciare al make up (cosa non opinabile) riducete all'osso l'occorrente per il make up. Un solo rossetto, un solo ombretto, un solo eye-liner e un solo mascara. Ditemi, a cosa vi servirà quel gloss che non utilizzate da anni?
Se partite per pochi giorni lasciate a casa le grandi confezioni di shampoo, bagnoschiuma e balsamo. Utilizzate, invece, dei piccoli flaconi (100 ml) in cui travasare il vostro shampoo/balsamo/bagnoschiuma abituale. Io spesso sciacquo i flaconcini degli hotel e li riutilizzo così. In alternativa potete acquistare delle boccettine vuote nei grandi supermercati.
Se il viaggio dura solo una/due notti potete utilizzare anche i campioncini delle erboristerie.
Suggerimento unisex: utilizzate il deodorante in crema, in versione tascabile. Oltre ad essere più leggero, annulla la possibilità che la boccetta si apra sporcando gli indumenti in valigia.

3. Less is more - Ragionate in funzione dei giorni di viaggio
Se dovete star via solo tre giorni, a cosa serve il bagaglio da stiva?
A portare con sé della roba inutile, è chiaro (a meno che non dobbiate trasportare liquidi, ad esempio bottiglie di vino locale. In tal caso siete giustificati).
Appuntate mentalmente (o per iscritto) quali sono gli outfit più congeniali in base alle attività legate a ciascun giorno di viaggio. Selezionate quindi i capi più utili, uno per ogni attività (al massimo un paio di outfit per dì, uno per il giorno e uno per la sera).
Vi sembra troppo poco? Fate finta che il viaggio duri un giorno in più e aggiungete - al massimo - un altro paio di capi, uno da giorno e uno per la cena.

4. Spedite tutto ciò che non è facilmente trasportabile
Desiderate viaggiare leggeri ma dovete trasportare la vostra tavola da snowboard o da surf? Andate a trovare i vostri cugini in America e avete voglia di portar loro un po' di prodotti made in Italy?
Nessun problema. Con Packlink.it è possibile far arrivare tutto a destinazione con una semplice spedizione. Senza pagare costi aggiuntivi per il peso eccessivo del bagaglio e senza rischiare che il bagaglio speciale venga respinto.
Vi spiego meglio: Packlink PRO è una piattaforma di spedizione che rende semplici le spedizioni facendo risparmiare tempo e denaro.
Come?
Questa piattaforma permette di confrontare i prezzi di oltre 300 servizi di spedizione e spedire a prezzi scontati fino al 70%.
Inoltre Packlink Pro non comporta nessun costo fisso, quindi chi utilizza il servizio pagherà solo ed esclusivamente la spedizione.

E voi?
Viaggiate con bagaglio da stiva o solo con bagaglio a mano?
E che consigli avete per viaggiare leggeri?




You Might Also Like

17 commenti

  1. Ciao Manuela!
    Io sono una grandissima fan del bagaglio a mano e per ora ho sempre evitato bagagli tanto grandi da dover andare in stiva. Per 3/4 giorni riesco a mettere tutto in uno zainetto da 22l mentre per più giorni nel 50 l riesco a mettere tutto il necessario. Mi piace tenere le mani libere quindi abbasso i trolley e viva gli zaini :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sante! Due anni fa ho scoperto la bellezza di viaggiare con lo zaino ed è proprio vero! Impagabile!
      Tuttavia per alcuni viaggi continuo a preferire il trolley (brevi viaggi) :D

      Elimina
  2. Pensa, io ero abituato a fare entrare tutto in uno zaino, quando ero scout.
    Poi ho perso quella semplicità, per disabitudine ai viaggi.
    L'ultima volta che son tornato in Puglia, un mesetto fa, ho portato cose inutili. Ma riuscirò a tornare quello di prima; intanto... ottima guida^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Miki!
      Io ero proprio come te! :D

      Elimina
  3. Io me lo sono imposta ultimamente di selezionare bene i capi e piano piano ci sto riuscendo. Ho imparato, anche per i viaggi lunghi un mese, ad utilizzare le laundry (che poi in Asia sono super cheap) e le adoro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io ADORO le laundry asiatiche! Così economiche! Ahhh, meraviglia!

      Elimina
  4. Partire con le scarpe più comode e ingombranti, ad esempio gli stivali d'inverno e le scarpe da ginnastica d'estate, e portare solo un'altro paio di scarpe più leggere nel bagaglio. Devo ancora imparare ad alleggerire il beauty ma non perché mi trucchi troppo ma perché il fondotinta è liquido e poi le salviette per struccarti, e lo specchio, phon, piastra, etc...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravissima! Mi ero dimenticata la questione scarpe! Vero, anche io parto sempre col paio più ingombrante in valigia :)

      Elimina
  5. sai, non ho mai viaggiato da sola, ed ultimamente me ne è venuta una gran gran voglia... mi sa che mi organizzerò per andarmene da qualche parte, e magari partire solo con una sacca, comprando le cose che mi servono nel luogo in cui sono, ed abbandonandole lì... come una viaggiatrice che interloquisce con la propria voglia di viaggiare più che altro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bella questa cosa! Vero, viaggiare con roba semplice e abbandonarla prima di rientrare è un'ottima idea! Confesso che qualche volta mi sono disfatta di un po' di cose prima di rientrare (soprattutto per rientrare nel peso) :D

      Elimina
  6. Concordo! Anch'io ho imparato a dimunuire il bagaglio :) con grande soddisfazione personale..

    RispondiElimina
  7. Anche io con il tempo ho imparato a ridurre i capi in valigia. Ogni volta che tornavo a casa c'era sempre qualcosa che non avevo usato ed aveva solo occupato spazio. Basta pensare alle combinazioni giuste che possiamo fare con quei pochi vestiti e via! Fortunatamente non porto i tacchi quindi il problema degli stivali super ingombranti non l'ho mai avuto! Ahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. combinazioni giuste, quello che provo sempre a fare! Basta saper combinare in maniera assortita i propri abiti e il gioco è fatto :D

      Elimina
  8. A settembre ho acquistato il primo zaino bagaglio a mano e sono riuscita a farci stare l'occorrente per una settimana. Sono molto orgogliosa di me stessa, perché fino ad allora ero sempre stata la "ragazza con la valigia troppo grande". Devo ancora un po' lavorare sulla parte beauty, non so perché litigo sempre con i saponi :D

    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io travaso tutto in piccole bottigliette, oppure utilizzo i camioncini dell'erboristeria. Funziona davvero, ti rimane un sacco di spazio in valigia!

      Elimina
  9. Ciao Manu, rileggerò più volte il tuo articolo prima del mio viaggio per l'Asia! Dovrò comprare per la prima volta il mio "zaino in spalla" e spero di farcela! Anche io sono sempre stata abituata a mettere il mondo in valigia :) ,ma devo iniziare lavorarci su! E portare il minimo indispensabile e basta! :)

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: