America featured

Messico e nuvole e sogni: la mia esperienza al Veraclub Royal Tulum

domenica, maggio 29, 2016Manuela Vitulli

La mia prima volta sulla spiaggia del Veraclub Royal Tulum, Messico

Ho sempre immaginato un Messico fatto di palme alte che svettano nel cielo terso, dall'azzurro interrotto solo da qualche timido batuffolo di nuvole.
Il mio arrivo in Messico è stato esattamente così: ho vissuto quello che avevo sempre immaginato, sognato, sperato.
E tutto questo grazie al progetto #inviatospeciale di Veratour, in collaborazione con Vanity Fair, che mi ha permesso di vivere la vacanza che avevo sempre desiderato, col fiato sospeso.
Emozione dopo emozione, meraviglia dopo meraviglia.


Per la prima volta ho vissuto un'esperienza da inviata "in incognito", mescolandomi tra gli altri ospiti dell'elegantissimo Royal Tulum.
Sembra passato tantissimo dal mio arrivo in aeroporto e poi nella hall, quando sono stata accolta prima da Giulia, poi da Silvia e Lollo dello staff Veratour.
Ricordo l'espressione incredula avanzando tra gli alberi del sentiero che conduceva alla mia camera. Incredula per l'inaspettata bellezza del posto, per l'atmosfera intima, per la sensazione di quiete assoluta, per il riverbero argentato del mare alla sera.
Da quel momento in poi, una sorpresa dopo l'altra. Dal buffet sorprendente, con una vasta scelta di piatti sia internazionali che tradizionali, fino al ristorante messicano, all'asiatico, al Grill e al mio adorato Beloved, affacciato sulla spiaggia, con un menù sofisticato alla carta.
Faticherò a dimenticare le cene in questo posto, accarezzata dalla brezza del mare e ammirando la luna alta nel cielo che si rifletteva nello specchio d'acqua.
Faticherò a dimenticare la salsa guacamole e i tacos gustati in questi giorni. La frutta tropicale divorata a colazione, la tequila, i margarita in riva al mare con il sale sul bordo del bicchiere mescolato alla salsedine.
Faticherò ad abituarmi a tornare a casa senza imbattermi nei tenerissimi coatì o nelle lunghe code delle iguane.
Faticherò a dimenticare l'impagabile sensazione di svegliarmi e correre in spiaggia per nuotare contro le onde e tuffarmi nell'acqua cristallina. Fregandomene dei problemi, dei troppi pensieri, di tutto il resto.
Staccando la spina.
Sì, in Messico ho finalmente staccato la spina dal mondo.
Complici le 7 ore di fuso che mi hanno fatto sentire così distante dall'Italia, complice il comfort dell'area exclusive - e non solo - del resort, complice soprattutto lo stato di Quintana Roo, la zona dello Yucatan in cui ho soggiornato, con le sue infinite bellezze che ho potuto scoprire grazie alle varie escursioni proposte dallo staff Veratour.
Quintana Roo è la zona del Messico che si affaccia sul Mar dei Caraibi, una commistione di storia e paradisi balneari.
Tra antichissimi siti Maya e isole spettacolari.
Uno dei luoghi più belli che io abbia mai visto, senza ombra di dubbio. Uno di quei posti così affini a me, al mio stile di vita, a quello che amo.
Il sole, il mare, la cultura, la semplicità, i colori, la musica nell'anima, i ritmi rilassati, la gente che ti sbatte in faccia il suo sonrisa. Il sorriso, che per me è fondamentale per affrontare la vita.
Amo questo Paese, e in fondo ho sempre saputo che sarebbe andata così.
Sono sempre stata vittima del richiamo del Messico, un po' come quando si è ipnotizzati dalla melodia di una canzone di cui ancora non si conoscono le parole.

assoluto relax nella piscina con idromassaggio al Royal Tulum
i teneri coatì al Royal Tulum
una delle bellissime creazioni realizzate con gli asciugamani nella mia camera
una delle pietanze del Beloved, al Royal Tulum
la piscina al mattino, Royal Tulum

Le escursioni proposte sono tantissime e selezionarne alcune non è stato semplice. Ho cercato di mescolare natura e cultura, in modo da avere un assaggio generale della zona. Tornassi indietro, le ripeterei tutte.
Ho scelto la giornata a Chichen Itza, imperdibile perché questa sorta di piramide Maya è divenuta ormai uno dei simboli del Messico nonché una delle 7 meraviglie del mondo moderno.
Ho scelto Tulum, famoso sito Maya affacciato sul mare, in abbinamento alla visita di un cenote, dove ho potuto nuotare nell'acqua dolce e gelida di quelle che un tempo erano considerate grotte sacre.
Ho esplorato Rio Lagartos, nel nord dello stato, dove ho visto i meravigliosi fenicotteri rosa, ho galleggiato nelle saline, mi sono ricoperta di fanghi purificanti per la pelle, ho pranzato in un villaggio di pescatori. A questa escursione è abbinata la visita di Ek Balam, un interessante sito Maya ancora poco conosciuto, con la scalata di un centinaio di gradini e la vista mozzafiato dall'alto, e la visita di un vero villaggio Maya.
Ho scelto anche l'escursione alla Biosfera di Sian Ka'an, patrimonio UNESCO, dove, in mare aperto, siamo andati alla ricerca degli animali. Abbiamo avuto la fortuna di vedere il dugongo, di assistere all'accoppiamento delle tartarughe e di vedere nuotare i delfini a un palmo di naso. Emozione dopo emozione, l'avevo detto.
Dulcis in fundo, ho scelto anche un'escursione interamente dedicata al mare e al relax. A bordo di una barca abbiamo raggiunto una zona in cui fare snorkeling e nuotare tra pesci angelo, coralli e barracuda. Abbiamo poi raggiunto la spettacolare Isla Contoy, un'oasi disabitata e circondata da mare cristallino. Questo posto mi ha rigenerato, mi ha caricato di positività.
E poi abbiamo fatto tappa a Isla Mujeres, affollata ma molto caratteristica. Insomma, il mio viaggio in Messico è stato intenso, emozionante, adrenalinico.
Una continua scoperta che no, non può finire qui.
Che sia l'inizio di un nuovo amore?
Ecco, in Messico ci torno. Prometido.

al cospetto di Chichen Itza, Messico
Isla Contoy, Messico
una porticina a Isla Mujeres, Messico
delfini alla Biosfera di Sian Ka'an, Messico
fenicotteri rosa, Rio Lagartos, Messico
nelle saline del Rio Lagartos, Messico
emozionata avvistando i fenicotteri rosa, Rio Lagartos
mamma e figlia in bici in un villaggio di pescatori a Quintana Roo, Messico
il piccolo Carlitos a suo agio su un'amaca, villaggio Maya
uno dei tantisimi tacos gustati in Messico
Tulum, Messico
Cenote de Dos Palmas, Messico 


Sul Veraclub Royal Tulum.

Perché sceglierlo? Perché non è il "classico" villaggio, ma molto di più!
Cucina varia, squisita e raffinata, ambienti curati fino al minimo dettaglio, personale sempre disponibile. Il posto perfetto sia per chi vuole semplicemente rilassarsi che per chi vuole abbinare il relax alla scoperta della zona con le escursioni, tutte organizzate in maniera impeccabile e accompagnate da guide carismatiche e preparate. È bello poter contare su qualcuno capace di spiegarmi quello che sto visitando, facendomi valicare il confine dello "spettatore ignorante", qualcuno capace di arricchirmi. In una settimana ho appreso una miriade di nozioni sui Maya, sulle usanze messicane, sulle comunità italiane in Messico, sullo stile di vita locale. È quello che io cerco in viaggio - anche nel viaggio più rilassante - e per questo devo ringraziare Lorenzo, Marco e Gianluca. Guide superlative, ognuna con un proprio stile.


Consigli per chi ha intenzione di intraprendere lo stesso viaggio: 

Proteggere la pelle. Il sole in Messico è davvero impressionante e anche chi, come me, ama prendere colore, è bene che non rinunci ai solari. Io ho utilizzato i solari Payot, di ottima qualità. Il risultato? Sono rientrata con una bella abbronzatura uniforme e non scottata.

Abbigliamento. Fresco, da vita da spiaggia. Fa davvero caldo. Ovviamente non dimenticate delle scarpe ginniche per affrontare le (eventuali) scalate che vi aspettano nei siti Maya. E non dimenticate di portare con voi uno zaino comodo (io ne ho utilizzato uno Eastpak, capiente e pratico).

Come andare dal Royal Tulum a Playa del Carmen: taxi (30 dollari) o colectivo, il minibus che passa ogni dieci minuti circa dall'ingresso del resort. Basta comunicare la destinazione e il gioco è fatto! Io ho usato il colectivo sia perché più economico (30 pesos, meno di 2 dollari a persona) che per provare un mezzo di trasporto locale e mescolarmi tra la gente del posto. Comodo e da provare.

Dove mangiare a Playa del Carmen: se vi fermate per cena nella brulicante Playa del Carmen, dopo aver fatto una passeggiata sulla famigerata Quinta Avenida, spingetevi fino all'avenida 30. Accanto al gigantesco supermercato Walmart troverete El Fugon, un ristorante messicano autentico e molto spartano, a due piani. L'ho adorato. Qui ho respirato la vera atmosfera del Messico, ho ascoltato musica locale dal vivo, ho mangiato tacos divini e l'ottima carne dell'arrachera especial. Da non perdere se volete vivere un frammento della quotidianità dei messicani.

You Might Also Like

14 commenti

  1. Azz che meraviglia! Le saline sono stranissime :D

    CervelloBacato

    RispondiElimina
  2. dalle tue parole emerge un Messico strepitoso! spero di andarci, prima o poi :D buona domenica cara :)

    RispondiElimina
  3. Che colori meravigliosi! Un contrasto pazzesco con la giornata piovosa di oggi... Mi hai illuminato la giornata ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il Messico è sole sole sole! Forse lo adoro anche per questo :)

      Elimina
  4. Manu che meraviglia <3 sai che tutto ciò che è mare per me è il paradiso!
    Voglio tanto vedere i delfini dal vivo *-* e i fenicotteri... stupendi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono certa che il Messico ti farà innamorare <3

      Elimina
  5. Non dovevo leggerlo questo post, proprio no..io che sogno il Messico da anni, che lo accantono per mille motivi, leggo questo, vedo foto bellissime, e bam! Quando si parte? Manu come sempre sai raccontare luoghi lontani con semplicità e colore, e ancora una volta mi hai fatto venire voglia di partire. Questo Messico si deve togliere dai travel dreams prima o poi ;) Buoni nuovi viaggi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie <3 con il Messico e il Veraclub Royal Tulum era troppo facile :D

      Elimina
  6. bellissimo questo viaggio, e poi so quanto lo sognavi il messico! splendidi i fenicotteri!
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quanto l'ho desiderato ^.^
      Grazie mille <3

      Elimina
  7. Le foto parlano... C'è poco da fare. Se a tutto questo aggiungiamo la tua meravigliosa esperienza non mi resta che preparare la valigia e partire!!! Che esperienza 😍

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: