Asia cambogia

Meraviglie del mondo: i templi di Angkor in Cambogia

lunedì, maggio 16, 2016Manuela Vitulli


Per me ogni viaggio è una meraviglia.
Ogni viaggio mi regala qualcosa e, finora, non mi è mai successo di tornare a casa profondamente delusa. Ogni luogo è una miniera, una scoperta.
E poi ci sono quei luoghi che si superano, che ti fanno sentire ai confini del mondo, spettatore di un prodigio.
I templi di Angkor, in Cambogia, sono una di queste meraviglie del mondo.

Ho aspettato tanto, troppo, per parlarne. Un intero anno.
Non so esattamente perché sia successo, probabilmente perché Siem Reap (un tempo Angkor, l'antica capitale dell'impero Khmer) e i suoi templi sono qualcosa di spettacolare, l'apoteosi dell'avventura, il sogno proibito di tantissimi viaggiatori. E mi mancavano le parole per descrivere cotanta bellezza.
A dirla tutta, faccio fatica ancora adesso.
Posso solo dirvi che è uno di quei posti in cui, credetemi, ognuno dovrebbe mettere piede almeno una volta nella vita.

Come arrivarci?
Con un volo per la Cambogia oppure, come ho fatto io, con un bus che, in dieci ore circa, porta da Bangkok a Siem Reap via terra (qui il mio racconto). Per chi vuole vivere l'avventura allo stato puro.

Come spostarsi?
I templi di Angkor sono tantissimi: centinaia di edifici meravigliosi distribuiti in un'area vastissima.
Per visitare i più importanti occorrono almeno due giorni pieni.
E, ovviamente, è impensabile spostarsi a piedi. I più sportivi possono girare in bici, anche se io consiglio il tuk tuk perché ci sono templi a oltre 30 km da Angkor Wat e pensare di raggiungerli con 35°C e sotto il sole cocente, beh, è un po' una follia.
Sia che scegliate la bici, sia che scegliate il tuk tuk, il mio consiglio è sempre quello di partire sereni, coperti dall'assicurazione di viaggio, scegliendo una buona polizza con dei costi abbastanza contenuti e dei massimali elevati, come quelle proposte da Viaggi Sicuri.

5 cose da fare ad Angkor
Non credo molto alle guide per la visita dei templi di Angkor. Ne ho lette tante prima di mettervi piede e vi assicuro che è molto meglio decidere l'itinerario sul posto, lasciarsi stupire, non fare troppi programmi. Lasciamo spazio all'imprevisto nella vita, sempre.
Quindi vi lascio solo 5 consigli, 5 cose che - secondo me - vale proprio la pena fare tra i templi di Angkor:

1. Ammirare l'alba ad Angkor Wat. 
Un must. Il cielo si tinge di rosa, di striature color pesca, di arancio. E la gente proveniente da tutto il mondo è lì, davanti al tempio più importante del sito archeologico col naso all'insù e il fiato sospeso.
Forse l'alba più incredibile della mia vita, assieme a quella in mongolfiera in Cappadocia.
Cercate di arrivare in anticipo, in modo da prendere posto senza dover sgomitare.

2. Perdersi tra i mille volti del tempio di Bayon. 
Sicuramente uno dei templi più belli e impressionanti dell'intero complesso archeologico. Molto affollato, ma per una buona ragione.

3. Spingersi fino al Banteay Srei.
Oltre i templi più blasonati, vi sono templi più lontani e altrettanto interessanti. Mi sono innamorara del tempio Banteay Srei, uno dei più antichi dell'intero sito, a circa 37 km da Siem Reap. Piccolino, ma estremamente mistico e poco frequentato.

4. Scattare una foto tra le finestre del tempio di Baphuon (come nella mia foto in copertina). 
Ogni tempio di Angkor ha una sua peculiarità che lo differenzia da tutti gli altri. il Baphuon è caratterizzato da più piani, una miriade di scalini e delle finestre all'ingresso che permettono di scattare foto - a mio avviso - uniche.

5. Vivere un momento amarcord ripensando a Tomb Raider all'interno del Ta Prohm. 
Lo ammetto. Da piccola ho fatto carte false per farmi regalare la Playstation e giocare a Tomb Raider. Dopo averla finalmente ottenuta da  Babbo Natale, ho scoperto di non avere nemmeno un'unghia del coraggio di Lara Croft, finendo puntualmente per avere il cuore a mille saltando tra le rovine di Angkor. E chi poteva immaginare che un giorno sarei finita davvero tra quelle rovine. Che un giorno avrei calpestato quel suolo. Assurda la vita.
Al di là di Lara Croft, il Ta Phrohm è uno dei templi più rappresentativi e spettacolari del complesso per la commistione tra l'operato umano e la natura. Gli alberi si intrecciano agli edifici, affondano le loro radici tra le finestre, affermano la loro supremazia convivendo con quanto creato dall'impero Khmer. Decisamente spettacolare.


 Vi lascio alle foto, sperando che possano esservi d'ispirazione :)



















You Might Also Like

13 commenti

  1. Domanda: ma perché viaggi tanto?
    Risposta: perché al mondo esistono posti come Angkor!
    Un saluto cara ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto! Meraviglie come Angkor! :) un caro saluto a te!

      Elimina
  2. Sono rimasta a bocca aperta di fronte le tue foto, che ho guardato per prime spinta dalla curiosità. Poi ho letto le tue parole e mi hai aperto anche il cuore, come al solito.
    Grazie per queste emozioni amica <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. amica, sono certa che la Cambogia ti emozionerebbe. Troppo!
      Ti voglio bene ami!

      Elimina
  3. Ma che bel visino dolce quel vecchiettino :) Voglio andare ad abbracciarlo! :D
    Foto a dir poco meravigliose che con le tue parole diventano incredibili capovalori ;)
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. era una donna :) una vecchina dolcissima!
      Grazie davvero cara

      Elimina
  4. Manu!! Era da tanto che non passavo di qui, purtroppo sono mesi in cui l'attività web va a rilento ed assieme ad essa anche le mie letture :(
    Torno qui e trovo un post con immagini meravigliose che mi ricordano perchè amo così tanto viaggiare <3
    Grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eli, non ti preoccupare. Sono mesi duri per tutti!
      Ti ringrazio e ti abbraccio forte forte!

      Elimina
  5. Grazie per avermi fatto rivivere l'emozioni che ho provato quando sono stata lì e complimenti per le bellissime foto.

    RispondiElimina
  6. Anche io associo questi templi a Tomb Raider (nel mio caso il film). Per il momento, nella mia mia testa, sono proprio come una location cinematografica: perfetti e lontanissimi, chissà quando avrò l'occasione di visitarli... però adesso ci sono un po' entrata grazie al tuo racconto e alle - come sempre - splendide foto, perciò li sento un po' più vicini :)

    [Chiara]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, in fondo le foto e le parole fanno questo. Avvicinano :)

      Elimina
  7. Uhh questo lo avevo perso. E' uno dei miei grandi sogni e puoi capire perché. Le foto sono spettacolari, catturano l'anima (ma quanto sono fotogenici i monaci?). Un bacione!

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: