Asia Blog & Social Media Tour

Viaggio in Nepal: come ci si prepara?

martedì, aprile 19, 2016Manuela Vitulli


Come ci si prepara ad un viaggio in Nepal?
Beh, a dirla tutta io cambierei leggermente la domanda: ci si può preparare ad un viaggio in Nepal?

La risposta per me è nì.

Ci si può armare di protezione solare, di repellente anti zanzare, di scarpe da trekking (ma badate bene, su quest'ultimo punto mi troverete sempre impreparata), di occhiali per proteggersi dai raggi solari e soprattutto dall'incredibile quantità di polvere onnipresente, di uno zaino comodo, di abiti lunghi e decorosi.
Ma ricordate, non potrete preparare il cuore.
Quello mai.

Non potrete mai prepararvi alla gente nepalese. Ai loro occhi scuri, alla profondità dello sguardo, al tika sulla fronte delle donne, agli abbracci, alle strette di mano, ai namaste.
Che detto qui, in Occidente, namaste sembra una forzatura, quasi un epiteto ostentato per farsi grandi. Fa sorridere.
E invece Namaste è una cosa seria. E in Nepal acquisisce un'accezione tutta sua, profonda e incommensurabile.

La gente.
Ecco cosa ho più amato del Nepal. Ecco cosa ho portato a casa con me. L'immersione in un caleidoscopio di colori, in un'ondata di sorrisi, in un'infinità di gente. I bimbi che spuntano all'improvviso correndo verso di me mentre fotografo uno scorcio. L'inebriante mezcla di colori, suoni, volti, sorrisi. Il mio mondo, dall'altra parte del mondo.

Non potrete mai prepararvi alla natura. Alla foresta, all'immensità del verde che circonda i lunghi ponti tibetani sospesi nel vuoto, ai punti panoramici poco oltre le macerie. Alle calamità naturali, che spaventano ma non scoraggiano. Perché, nonostante il terremoto di un anno fa, si può sempre ricostruire. Si può sempre ripartire dal principio, dalla semplicità.
I nepalesi lo sanno bene, hanno tanto da insegnarci.





Non potrete mai prepararvi alla bellezza sconvolgente dei mantra colorati sospesi nel cielo azzurro.
Non potrete mai prepararvi al fascino di uno stanzino - privo di qualsiasi norma igienica - in cui una signora prepara del chai tea (fatto con tè, cardamomo e latte). E ce lo serve, bollentissimo. Offrendoci anche il suo contagioso sorriso.
"Dove avrà lavato quei bicchieri? Ci farà male?"
Ma che importa.
Luoghi come il Nepal vanno vissuti fino in fondo.
Bisogna lasciarsi guidare dalla curiosità, assaporare, ringraziare.
E vi dirò, quel chai tea era buonissimo.









Non potrete mai prepararvi ai riti spirituali, all'induismo, ai sacrifici degli animali davanti agli occhi, allo "spettacolo" della cremazione dei defunti avvolti in una veste arancione.
Non vi è preparazione alcuna.
Bisogna viverlo per comprendere.

Ma soprattutto.
Non potrete mai - e dico mai - prepararvi ai villaggi rasi al suolo dal terremoto. Alla quantità di macerie, agli stupa danneggiati, ai mattoni distrutti utilizzati come costruzioni Lego dai bambini.
Provateci, ma non riuscirete ad arrivare preparati.
Farete fatica a sopportare la fitta lancinante allo stomaco, a trattenere le lacrime.

Non ero mai stata in un luogo distrutto dal terremoto. Non avevo mai visto le macerie, non avevo mai visto un tale sfacelo, una città fantasma in cui ancora scorre la vita.
Quello che vedete nelle due foto qui sotto è Bungamati, uno dei villaggi più colpiti dal terremoto del 25 Aprile dello scorso anno. Più che un villaggio, è uno squarcio, un urlo, è dolore.
Camminare tra le sue vie dissestate era già straziante, ma quando ho messo piede nella piazza (quasi completamente distrutta) ho avuto un vero e proprio crollo psicologico. Ancor più vedendo i bambini correre tra le macerie, raccogliere i mattoni e utilizzarli per giocare.
Tutti - nessuno escluso - ridevano. Grandi, piccoli, anziani.
Tutti - nessuno escluso - esclamavano "namaste" senza chiedere nulla in cambio.
Tutti - nessuno escluso - mi hanno insegnato che la vita è un dono. E anche tra le macerie si può rinascere.
Tra le macerie crescono i gigli, tra le macerie scorre la vita, carica di speranza.





Ci si può preparare al Nepal?
Poco.
Ma di sicuro il Nepal prepara alla vita. Dona coraggio. Ottimismo. Speranza.


E adesso qualche consiglio pratico, oltre ai consigli dal cuore:

- Partite con 2 fototessere 4x4
- All'ingresso vi chiederanno una "tassa" per il visto. A seconda del periodo di permanenza, va dai 25 euro in su.
- Come specificato su, non partite senza repellente anti zanzare, crema solare, occhiali, abiti comodi.
- Preparatevi alla polvere. Non ne ho mai respirata così tanta in vita mia.
- Prima di partire, assumete dei probiotici. Vi farà bene (e vi aiuterà ad evitare la "diarrea del viaggiatore").
- Se vi va, leggete un libro che possa esservi d'aiuto. Il mio consiglio è "Un indovino mi disse" di Terzani. Non parla solo di Nepal, ma aiuta spiritualmente.

E se volete organizzare il vostro viaggio in Nepal, consultate www.nepalroutes.com

You Might Also Like

20 commenti

  1. Uno dei tuoi post più belli, davvero.
    Mi sono emozionata :)

    RispondiElimina
  2. Come sempre le foto aiutano a comprendere maggiormente ciò di cui scrivi: un'emozione così intensa che solo vivendo puoi afferrare del tutto. Stupendo <3

    Ali

    RispondiElimina
  3. Hai detto tutto in questo post, Manuela. Grazie.

    RispondiElimina
  4. Meraviglia! Non ci sono parole per descrivere quello che trasmetti in questo post! <3

    RispondiElimina
  5. Sai Manu, seguendo il tuo viaggio su Facebook ho pensato che i tuoi occhi trasmettevano le emozioni che hai poi descritto in questo post. Non è da tutti riuscire a comunicare con un sorriso i propri sentimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e questo è un GRAN complimento. Grazie :)

      Elimina
  6. Mi ricorda l'India per come lo descrivi. Devono avere molte cose in comune. Quindi, capisco quando dici che non ci si può preparare ma accogliere ogni nuovo mondo che incontri. Perché paesi come questo sono un continuo incontro con tanti piccoli mondi.
    Voglio proprio andarci. Mi avete molto ispirata. E in più, durante il mio viaggio ho visto il film "Everest", quindi il mio proposito è questo. Scalare una parte di Everest, oltre a vedere il paese. Ce la farò? Intanto grazie per la grande ispirazione che mi avete regalato con le vostre foto e i vostri racconti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che India e Nepal abbiano molti aspetti in comune :)
      Sicuramente se tornassi vorrei andare al Campo Base. Decisamente.
      Grazie Valotta, <3

      Elimina
  7. Piacere Manuela :-) ho letto il tuo post, mi sono venuti i brividi, mi sono commossa e ho cercato di ripercorrere questo tuo viaggio con le tue parole e foto. Mi piace molto il modo in cui scrivi, quello che percepisci da ogni esperienza e che ci cerchi di trasmettere. Mi ritrovo molto in te, nel tuo modo di vedere e cogliere ciò che ti circonda! ho iniziato da circa un mesetto l' avventura del travel blogger (smile travelling), l'ho sentita una necessità...non posso fare a meno di parlare di viaggi, esperienze e continuare ad avere materiale per farlo. Volevo complimentarmi con te, è davvero piacevolissimo seguirti e ti stimo molto per il lavoro professionale che stai perseguendo. Chiara

    RispondiElimina
  8. Più volte hai saputo emozionare tanto con le immagini quanto con le parole su questo tuo viaggio. La gente è bellissima, non sono mai stata in Nepal, ma le foto restituiscono molto di loro, secondo me. Grazie :)

    [Chiara]

    RispondiElimina
  9. Leggendo il titolo per un attimo ho avuto paura. Ma già dalla seconda riga è arrivata la risposta che mi aspettavo....non sono mai stata in Nepal, ma son sicura che per quanto uno possa essere "preparato" il Nepal ti colpirà sempre. Bellissimo post e bellissime foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci si può preparare :)
      Grazie Michela!

      Elimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: