Asia Blog & Social Media Tour

Un vortice di gente, odori, colori: Kathmandu

lunedì, aprile 25, 2016Manuela Vitulli


Kathmandu non è facile da digerire.
Anche per una come me, abituata allo smog e al casino di Bangkok e innamorata del marasma di gente, odori e colori dell'Asia.

Se a Bangkok, tra un bagno di folla e una corsa in tuk tuk, ci si può rifugiare in quei templi e in quelle dimore che io definisco oasi di pace, ecco, a Kathmandu si fa davvero fatica a scovare posti simili.
Fa caldo, tanto caldo e manca l'aria appiccicosa del sud-est asiatico, ma in compenso è la gente che ti si appiccica addosso. Con gli occhioni profondi, con gli ampi sorrisi dietro cui si celano talvolta richieste di aiuto, altre volte un'infinita gentilezza disinteressata.

D'altro canto non si può certo dire che il Nepal sia un Paese facile.
Un viaggio per intenditori - dicono, un viaggio di nicchia.
Io dico che è un viaggio per chi non si aspetta nulla. Per chi è pronto ad abbandonare a casa una parte di sé, per chi desidera semplicemente lasciarsi avvolgere, coinvolgere, stupire.
Il Nepal è il viaggio per chi è pronto a vivere più vite. In una sola.

Kathmandu è la base. Il punto d'arrivo e di partenza, nonché una destinazione interessante da esplorare.
Una città particolare, lo si capisce già una volta arrivati in aeroporto, il non-luogo per eccellenza. Fatto di tanti mattoncini rossi, piuttosto buio, estremamente demodé.
Scordatevi pure l'aeroporto di Bangkok, Dubai, Abu Dhabi. L'aeroporto di Kathmandu mi ha ricordato molto quello di Koh Samui, ma senza quell'effimera atmosfera da villaggio turistico.
Un timbro sul passaporto.
Il primo namaste.
Ed ecco che sono ufficialmente in Nepal.
Ad aspettarmi c'è un cielo plumbeo che copre i colori del tramonto in arrivo.
Ma poco importa, sono a Kathmandu e niente può alterare la mia euforia.

Kathmandu.
Ve l'ho già mostrata in video, ma stavolta voglio farvela scoprire attraverso foto e parole.

Partendo dal centro della città, riconosciuto Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco. Decadente, rumoroso, ipnotico.
Con le sue piazze - in particolare Piazza Durbar - gremite non solo di gente, ma soprattutto di piccioni pronti a spiccare il volo. Insieme, all'unisono.
Sono certa che i piccioni di Piazza San Marco a Venezia potrebbero impallidire se vedessero cosa sono capaci di fare i piccioni nepalesi, lasciando a bocca aperta ogni visitatore.
Insomma, il Nepal mi ha portato ad apprezzare intrinsecamente anche quello che mai - e dico mai - avrei potuto amare.

Gli stranieri non sono tantissimi. Questo - a mio avviso - permette di amalgamarsi meglio alla città e alla sua gente. I nepalesi non sono abituati ai visitatori come accade in altre località.
Sono sinceramente curiosi. Hanno occhi vispi. Spesso amano farsi fotografare, spesso desiderano vedere come sono venuti in foto. E sorridono.






Uno dei posti più affascinanti è il meraviglioso stupa di Swayambhunath - anche conosciuto per le sue scimmie - che vanta ben 2500 anni.
Un luogo mistico.
Il primo posto in cui ho incontrato le bandierine colorate con i loro mantra. Le bandierine di cui mi sono follemente innamorata, le bandierine che mi hanno sempre fatto sentire protetta, che non mi avrebbero più abbandonato.
Il primo posto in cui ho visto le mani dei fedeli scorrere velocemente facendo roteare i mulini della preghiera.
















E poi l'ossimoro.
Anche in Nepal.
Oltre le bandierine, oltre le campanelle, oltre i braccialetti portafortuna arancioni, gialli e rossi.
Oltre tutto questo ci sono i sacrifici animali al tempio Dakshinkali.
Come ho fatto per la pagina Facebook, anche qui vi risparmio l'atrocità delle immagini.
Immagini dure, toste, che si associano più ad una macelleria che ad un rito religioso.
Eppure.
Eppure non sono nessuno per giudicare, io. Per i nepalesi questa è una celebrazione importante per rendere omaggio agli dei, per quanto possa risultarci assurda.
L'ho vissuta senza permettermi di giudicare. L'ho vissuta umilmente, da ospite.
Tirando su, invano, la mia lunga gonna rossa che si andava inzaccherando in quella poltiglia rosso sangue frammista a petali e riso.
La stessa poltiglia che i nepalesi calpestavano a piedi scalzi.
L'ho vissuta respirando gli odori nauseabondi e cercando di liberarmene quanto prima.
L'ho vissuta cercando di imprimere nella memoria i volti dei fedeli. Cercando di ricordare la loro frenesia, la lunghissima fila sotto il sole cocente.







E poi ci sono le cremazioni sul fiume Bagmati a Pashupatinath.
Non le ho vissute nel pieno della celebrazione quindi no, non posso dire cosa si prova esattamente.
Ho solo visto la preparazione della salma, già infagottata in un involucro arancio brillante e ricoperta di tagetes profumati.
Anche qui l'impatto è stato forte. Al limite tra l'incredulità e la curiosità, al limite tra l'assurdo e il fascino di un culto così diverso della morte.
Non ho visto l'intero rito, ma ho visto il fumo, ho sentito l'odore inebriante e nauseabondo della cremazione.
La morte viene celebrata così, in pubblico. E anche se qui tutto ciò può suonare strano, beh, vi assicuro che lì, dall'altra parte del mondo, non lo è.
Anche io mi sono lasciata conquistare da quel contesto.
Ho scattato poche foto, ipnotizzata dal momento.




E questa è Kathmandu tra immagini e parole.
Il Nepal che non va via dalla mente. Il Nepal che mi arrovella e per cui fatico ancora a cercare risposte. Il Nepal che porterò, presumibilmente per sempre, nel cuore.

Vi ricordo, anche stavolta, che il nostro viaggio può essere replicato da ognuno di voi, tappa dopo tappa (e con eventuali modifiche), grazie a nepalroutes.com.

La foto che ritraggono me sono state scattate da Alessio S.
Tutte le altre foto sono state scattate da me con Canon 70 D

You Might Also Like

10 commenti

  1. Manuela, mi sai dire la motivazione di Patrimonio Unesco dell'Umanità di Kathmandu?
    Bello il tuo scriverne a mente non più 'fredda' di questo viaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Amina :)
      Onestamente non so perché Kathmandu sia Patrimonio Unesco, ma immagino per la sua bellezza - oggi deturpata dalle conseguenze del terremoto di un anno fa.

      Elimina
  2. Manu queste foto sono stupende... specialmente l'ultima, sembra di essere li accanto a quel fiume.
    E' sempre bello leggerti, rivivere le tue emozioni attraverso le tue parole.. Non c'è niente di più nobile che imparare riportare i fatti senza giudicare.
    Ti abbraccio, Danila.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Dani :)
      Il Nepal aiuta molto con la fotografia, forse proprio per la sua incredibile assurdità.

      Elimina
  3. ho divorato tutto il post e poi mi sono chiesta io che avrei fatto. in mezzo a tutti quei piccioni (ho la fobia!!) e soprattutto, scherzi a parte, ai sacrifici animali, io che non riesco a sopportare di vedere infliggere dolore neppure ai polli (che pure odio da vivi!!) ma che giustamente voglio sempre capire e rispettare la cultura che ho davanti, la quale passa anche da queste cose... non so cosa avrei fatto, davvero. probabilmente mi sarei allontanata perdendomi però un pezzettino dell'anima di questo paese, che invece tu hai colto in pieno.
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bel dilemma. Credo che molti avrebbero fatto come te, ma d'altronde non c'è un comportamento giusto o sbagliato. Si agisce per istinto.
      Grazie per aver divorato questo post... non è stato facile scriverne a mente fredda

      Elimina
  4. È un post molto rispettoso il tuo, rispettoso di tradizioni molto lontane dalle nostre che spingerebbero a giudizi drastici ma, viaggiare è proprio conoscere, immergersi anche in ciò che non ci appartiene, per assorbirne un po' alla volta lasciandosi emozionare. Un bacio

    RispondiElimina
  5. Che bel viaggio, che belle foto! L'ho seguito su Facebook e instagram ma ora trovarlo qui è diverso. Rivivo attraverso le tue parole le emozioni intense e lo sconcerto, a volte, che dà quella parte dell'Asia. Sono appena tornato dal secondo viaggio in India e sento molto vicino quello che hai vissuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Patrick, sai che i tuoi commenti sono fonte di lusinga per me :)
      Aspetto l'India e già so che sarà molto molto simile al Nepal...

      Elimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: