Asia cambogia

Phnom Penh, un macigno sul cuore

martedì, febbraio 16, 2016Manuela Vitulli


Capita con le vecchie amicizie, gli amori passati, con i viaggi.
Capita che leggi un libro, vedi una foto, senti un profumo e ti ritrovi di nuovo lì.
Al centro di una piazza, in quel preciso momento. Come se non ci fosse alcun grado di separazione tra te e quel momento. Né in termini di distanza, né in termini di tempo.
E così ogni tanto ripenso al mio viaggio in Cambogia.
A tutto quello che mi ha dato, al tempo di cui ho avuto bisogno per metabolizzare le emozioni, agli incontri, alle aspettative e alle incertezze.
In questo post torniamo insieme a Phnom Penh, la capitale della Cambogia.

A differenza di Siem Reap (non ho ancora scritto un post sui templi di Angkor perché voglio dedicar loro il giusto tempo, sono qualcosa di straordinario) e Battambang, Phnom Penh mi ha lasciato qualcosa di diverso.
Certo, come tutti i posti dell'Asia ha saputo scaldarmi il cuore ma ha saputo anche infrangerlo, tant'è che non riesco a pensare Non vedo l'ora di tornare a Phnom Penh.
Forse perché, dopo essermi follemente innamorata di Bangkok, mi aspettavo troppo dalla capitale cambogiana. Mi aspettavo lo stesso colpo di fulmine.
Ma è accaduto qualcosa di diverso.

In confronto a quello di Bangkok, il Palazzo Reale di Phnom Penh non è nulla di speciale.
Anche il giro in battello sul Mekong non mi ha entusiasmato particolarmente.
Neppure i mercati mi hanno scombussolato.

Sono una persona che cerca di trovare il bello in tutto ciò che vede, che difficilmente afferma No, quel posto non mi è piaciuto per niente e non ci tornerei mai.
Non  mi piace tutto, anzi.
Credo però che ogni cosa abbia un suo perché e così ho cercato di trovare quel perché anche in Phnom Penh. E mi sono accorta che stavo sbagliando tutto.
Phnom Penh non sorprende per la sua estetica - per quello bastano e avanzano le rovine di Siem Reap - e non la si può paragonare ad un'altra città asiatica.
Io stavo cercando i volti della folle, incredibile e moderna Bangkok in Phnom Penh, una città molto più semplice. Una città sul cui volto si legge ancora una nota di tristezza, un velo di sofferenza per i soprusi e la recente guerra civile. Una città che ha anche tanta voglia di rialzarsi, un profondo desiderio di rivincita.

Ho premuto il tasto reset e ho cercato di viverla senza alcuna aspettativa, semplicemente godendo ogni momento, ogni sorriso. Ho cercato di seguire il suo flusso senza opporre resistenza.
E così, allentando la presa, sono accadute cose meravigliose.

Mi sono lasciata sedurre dalle vesti color zafferano dei monaci.

Abbiamo incontrato di nuovo il giovane monaco che ha viaggiato con noi in autobus da Battambang a Pnhom Penh. Credo non si tratti di una semplice coincidenza. Incontrare per ben due volte un giovane monaco buddista - per giunta molto loquace - in vacanza non è cosa da poco.
Appena ho visto i suoi Rayban arancioni in lontananza ho dato una gomitata a Francesco esclamando Guarda! Il nostro amico monaco! e insieme ci siamo fiondati a salutarlo.
Assurdo come il viaggio intensifichi i rapporti umani e come rivedere un semplice conoscente possa avere lo stesso effetto dell'incontrare dopo secoli un amico di vecchia data. Sono cose a cui non mi abituerò mai.

Phnom Penh è serendipity, la felicità all'improvviso.
Il tuk tuk che, sulla strada per il memoriale di Choeung Ek, si ferma lasciandoci nel nulla e regalandoci uno dei momenti più belli [ne ho parlato in questo post: Serendipity, ti ho trovato in Cambogia].

Phnom Penh significa anche brividi e pelle d'oca camminando tra le brandine e gli strumenti di tortura all'interno della prigione - oggi museo - di Tuol Sleng.
Sentire un brivido lungo la schiena ascoltando le audiotestimonianze nei campi di sterminio di Choeung Ek. Storie terribili in conflitto con quello che oggi questi campi di morte, i Killing Fields, fortunatamente emanano: una ritrovata pace dopo tanto errare.

Sapete cosa vuol dire essere ammazzati nella propria terra dai propri fratelli?
Sapete cosa vuol dire quando più dei 2/3 di un'intera popolazione vengono trucidati per dei finti e folli ideali?
Sapete cosa significa vivere in un Paese in cui un pazzo, Pol Pot, decide di sterminare quella fetta di popolazione colta - o apparentemente tale?
Sapete cosa significa entrare in uno stupa commemorativo che contiene oltre 17000 vittime?
Io ignoravo tutto questo prima di andare in Cambogia. E al solo pensiero ho di nuovo i brividi.
Questa storia è recente. Tutto questo accadeva solo quarant'anni fa.
Queste storie non le insegnano mica sui libri di scuola. Queste storie non ce le raccontano perché sono lontane anni luce dal nostro mondo, dalla nostra realtà, spesso fin troppo ovattata.
Quando ho scritto "per non dimenticare" nel post sull'apartheid, ecco, mi riferivo anche a questo.
Viaggiare educa e insegna. E a volte spacca anche il cuore.

Sì, Phnom Penh ha lasciato un macigno sul mio cuore.
Phnom Penh sa essere molto cruda, estremamente vera. Ti butta in faccia la realtà, che tu sia pronto o no a digerirla.
Phnom Penh è tosta.
Phnom Penh è una cicatrice che prova a rimarginarsi ma, se solo la tocchi, torna a farti piangere.















You Might Also Like

25 commenti

  1. Ciao Manuela. Questa volta mi hai fatto piangere, davvero. E non è ovviamente negativo, perché è comunque l'emozione dritta allo stomaco che mi ha colpita attraverso le tue parole. E ti ringrazio... Baci, Futura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ti nascondo che anche io mentre scrivevo avevo le lacrime agli occhi.
      Ci son voluti 9 mesi per farmi capire Phnom Penh, incredibile.
      Grazie a te

      Elimina
  2. Ogni volta che leggo i tuoi post sull'Asia so che saranno la mia guida per il mio primo viaggio nel continente orientale! Mi esaltano ogni volta <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Ali! Sì, l'Asia trasporta - almeno nel mio caso :)

      Elimina
  3. e che cavolo, lo aspettavo! finalmente :) non mi ha delusa affatto! bravissima ami <3

    RispondiElimina
  4. La Cambogia è uno dei miei sogni, per questo ne ho letto tanto e anche io e sono rimasta colpita e impressionata dalla sua storia. Esistono tanti olocausti, servirebbero più "giornate della memoria" di quante un anno ne possa contenere, e spesso purtroppo ne siamo stati anche silenziosi complici :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già.
      Spesso col nostro silenzio diventiamo complici.
      Il problema è che sembra che la storia venga raccontata per metà. La storia recente, seppur cruda e terribile, viene sepolta o peggio ancora ignorata. Perché? Perché molti non sanno nulla di questo scempio?

      Elimina
  5. Groppo al cuore! Sono stato troppo male a Phnom Penh, ma sogno spesso di tornarci, abbiamo un conto in sospeso!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come dimenticare le nostre conversazioni sulla Cambogia :)

      Elimina
  6. Hai ragione, è un pezzo di storia così vicino ma così poco conosciuto che lascia senza parole. Bel post Manu. Un bacione

    RispondiElimina
  7. Manu che bel post, uno di quelli tuoi 101%.
    Mi è successo lo stesso con Phnom Penh... Anche io arrivavo in città convinta di trovare una nuova Bangkok, pronta a districarmi tra grattacieli e traffico.
    Ho rischiato di farmi rovinare tutto dalle aspettative.. ma poi come dici te basta fare reset e prepararsi a quello che il luogo ha da offrire e Phnom Penh pur priva di grandi attrazioni lacera il cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dani, quando ho letto il tuo post mi sono perfettamente immedesimata in te. Ti ho capita alla grande. Phnom Penh è molto diversa da quello che ci aspettavamo e forse è meglio così. Io sinceramente non mi aspettavo una capitale così cruda e tosta da affrontare. Ora capisco chi mi diceva che la Cambogia non è un Paese facile. Ed è vero. Ti abbraccio! Grazie davvero

      Elimina
  8. che bellissimo post! Da sempre sogno di andare in Thailandia, Vietnam e Cambogia....forse ci riesco ad agosto! Seppur con qualche perplessità per la situazione igienico-sanitaria viaggiando con i bambini!!!... ma sono dei posti che mi affascinano terribilmente ;-).....
    Grazie cara per questo tuo post, che come altri, non è un semplice resoconto di viaggio ma una crescita e un' esperienza a cuore aperto ;-)
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Vale, ti auguro di realizzare presto il tuo sogno!
      A me manca il Vietnam - ma spero di colmare presto questa lacuna - e già ti dico che ne sono innamorata! Sono posti speciali, è inutile :)
      Grazie mille!

      Elimina
  9. Ciao Manuela, sono tornata ieri da un fai da te Vietnam+Cambogia e stavo cercando di riordinare i pensieri ma anche di trovare un po' di pace da quanto visto, vissuto ed annusato nella capitale cambogiana e mi sono ritrovata in ogni tua parola. Grazie per questo emozionante resoconto, credo che nessuno riesca ad immaginare cosa contenga Phnom Pehn prima di vederlo con i propri occhi. Un abbraccio, Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo penso anche io. molti non sanno nemmeno cosa sia Phnom Penh (e a dirla tutta anche io ne ignoravo il nome fino a un anno fa o poco più). Bisogna andar lì e vivere quella storia.
      Un abbraccio

      Elimina
  10. Un paio di mesi fa ho conosciuto una ragazza che ha viaggiato per tre mesi nel sud est asiatico.
    Anche lei è rimasta "colpita" dalla Cambogia e dalla differenza con le altre nazioni, in particolare la differenza Bangkok/Phnom Penh.
    Ed anche lei, una volta superate le aspettative iniziali, ha ricondotto la causa di tutto ciò a quello che ha subito il popolo cambogiano.
    Credo che ogni Paese vada inserito nella sua storia per capirlo a fondo, ed è giusto che tutti i massacri vengano conosciuti, affinchè non si ripetano più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutti i massacri, dici bene. Nessun massacro vale più di un altro.
      Grazie Michela

      Elimina
  11. Manu eccolo uno dei tuoi post!
    Chissà che effetto farebbe a me visto quello che mi ha fatto Bangkok ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore Eli <3 sono curiosa. Mi sa che ti tocca farci un salto :)

      Elimina
  12. Riesci ad essere sempre molto lucida e allo stesso tempo coinvolgente, nei tuoi racconti.

    RispondiElimina
  13. Che bello scoprire tramite te le mille facce della Thailandia...

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Cortina Costa Rica Craco Croazia cucina nel mondo deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra Piemonte Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: