Sudafrica

Cape Town in 10 cose che ho amato

giovedì, febbraio 04, 2016Manuela Vitulli


Quando sono arrivata a Cape Town non sapevo cosa aspettarmi. 
Lo ammetto, non è una città su cui ho sempre fantasticato. Forse l'ho sempre immaginata troppo lontana, un po' come Sidney - che al momento reputo ancora inaccessibile persino per i miei TravelDreams.
Dopo circa sette ore di attesa a Istanbul a causa della neve e dopo altre undici ore di volo scandite da un paio di film e qualche pisolino, arrivare all'aeroporto di Cape Town mi è sembrato un miracolo. 
Il cappotto all'improvviso mi è parso fuori luogo. Io stessa - con i miei tronchetti invernali - mi sentivo fuori luogo tra tavole da surf, parei e ragazze in Havaianas. 
All'uscita dall'aeroporto ho subito avvertito il calore dei raggi solari sudafricani a Gennaio, ancora avvolgenti benché di lì a poco il cielo avrebbe iniziato ad imbrunire. 
Finalmente iniziavo a realizzare di essere arrivata a Città del Capo. 

Dopo il video e qualche assaggio nella mia pagina Facebook, voglio parlarvi di Cape Town descrivendovi le 10 cose che ho amato di questa  città. 

1. La lentezza. Bene, ero convinta che dal punto di vista della lentezza e dei tempi dilatati il Sud est asiatico non avesse rivali. Eppure. Eppure mi sono ricreduta dopo aver realizzato che, messo a confronto con Thailandia e Cambogia, il Sudafrica è anche peggio di un bradipo. Città del Capo è oziosa e rilassata e non c'è niente che possa scalfire il suo mood tremendamente easy-going. 
L'ho appurato con mezz'ora di fila ad un ufficio di cambio valuta pur avendo una sola persona davanti a me. L'ho appurato a cena, chiedendo al cameriere dell'acqua che è arrivata dopo tre quarti d'ora. L'ho appurato testando l'insostenibile lentezza degli addetti al check in in aeroporto. 
La soluzione? Entrare nel mood e lasciarsi pian pianino conquistare. Probabilmente è una cosa che qui in Italia avrei detestato, ma non si può detestare il modo di fare di un Paese, soprattutto se condito da ampi sorrisi e tanta cortesia. L'immancabile gioia sudafricana.
Solo così cambia il nostro modo di percepire le cose, accettando questi ritmi rilassati e abbandonando la fretta che ci caratterizza a casa. 

2. Isola delle Foche. Uno spettacolo unico. Basta prendere una barca dal porto di Cape Town per raggiungere questo isolotto immerso nell'Oceano Atlantico abitato solo ed esclusivamente da circa 70000 foche!





3. Boulders Beach. Questo - insieme alla scoperta di Bo-Kaap di cui vi parlo fra poco - è uno dei momenti che ho sempre sognato. Una spiaggia - fortunatamente divenuta riserva naturale - gremita di pinguini. I piccoli animaletti goffi e impettiti sono tantissimi e punteggiano la striscia di sabbia. Alcuni di loro coccolano il partner, altri hanno atteggiamenti protettivi nei confronti dei più piccoli, altri ancora con piccoli passi si avvicinano al bagnasciuga per un bagnetto. Tutti, con le loro movenze buffissime, sprigionano infinita tenerezza.
Da un po' di tempo a questa parte non è più possibile avvicinarsi ai pinguini perché in passato ci si è accorti che la calca dei turisti costituiva un ostacolo tra i genitori e i loro piccolini, causando così un trauma a questi ultimi.





4. Capo di Buona Speranza. Ventilatissimo e leggendario, è una tappa imperdibile a Cape Town. Sfido chiunque a non emozionarsi alla vista del cartello “Cape of Good Hope”, considerato per convenzione il punto più a sud del continente africano e luogo d’incontro degli Oceani Atlantico e Indiano.
Il mio consiglio è di indossare una giacca, una sciarpa e possibilmente anche un cappello. Il vento qui è talmente forte e fastidioso che si fa fatica a non farsi trascinare dalla sua potenza (non è un caso che si chiami "capo di buona speranza").



5. Cape Point. Vicinissimo al Capo di Buona Speranza, anch'esso considerato idealmente come il punto d'incontro tra Oceano Indiano ed Atlantico, con i suoi innumerevoli viewpoint è il posto migliore per lasciarsi incantare dai paesaggi mozzafiato della Penisola del Capo. Mediante la funicolare Flying Dutchman ho raggiunto l'antico faro che fa capolino tra le rocce. Un posto sensazionale, nonostante le tremende raffiche di vento che a quanto pare sono all'ordine del giorno.




6. Table Mountain. La mia prima volta al cospetto di una delle 7 meraviglie naturali del mondo. Alta oltre 1000 metri, domina Cape Town e per la sua forma viene detta "montagna della tavola".  Dalla cima, raggiungibile mediante una funivia (o cable car), la vista è mozzafiato. Un'infinità di blu e una natura che credevo esistesse solo nei parchi avventura.
Nei giorni di forte vento Table Mountain viene coperta da una coltre di nubi bianchissime, detta "tovaglia" dai locali.
Noi abbiamo beccato una giornata priva di vento, quindi nel nostro caso il cielo era limpido.




7. Winelands, degustazione di vini sudafricani. La realtà enologica del Sudafrica è un universo affascinante fatto di vini eccellenti molti dei quali vengono prodotti nel distretto di Cape Winelands, la principale zona vinicola del Paese. Per chi, come me, è sommelier o sta studiando per diventarlo, questa è un'esperienza da non lasciarsi scappare. Io e Francesco siamo stati nello Stellenbosch, cittadina all'interno di Cape Winelands, dove ci siamo dedicati alla degustazione di alcuni dei vini più importanti del Sudafrica. Tra questi: Chardonnay, Blanc de Noir e Pinotage. Quest'ultimo, tipico del Sudafrica, vino rosso corposo e particolarmente aromatico derivante dalla combinazione di Pinot Noir e Hermitage.




8. Bo-Kaap. Chi mi conosce lo sa, adoro i colori. Adoro le porticine e tutto quel che è eccentrico, stravagante ma al tempo stesso locale. Potevo non adorare Bo-Kaap, il quartiere malese nel cuore di Cape Town?
Gente cordiale, l'allegria che si respira in tutta la città qui è triplicata.
"Posso scattarvi una foto?"
"Sì, certo" - ed ecco dei timidi sorrisi.
La tenerezza di un bimbo che poggia la testa sulla spalla della mamma, le signore appollaiate su una panca seguendo i ritmi lenti della vita sudafricana, un'infinità di colori che, a parer mio, hanno contribuito ad affibbiare a Cape Town l'appellativo di città arcobaleno.
Passeggiando tra le casette non ho avvertito alcun timore né ho incontrato gente minacciosa, solo tanta tenerezza.
Dicono che capitare da queste parti durante la celebrazione di un matrimonio malese sia una grande fortuna. Si assiste ad uno spettacolo unico. Pur non avendo avuto questo onore, vi assicuro che questo posto lascia qualcosa dentro, quella molla che, chissà, un giorno mi spingerà a tornare.







9. Waterfront. Ricco di negozi e ideale per lo shopping, ma anche per una serata di relax sul porto. L'ho trovato interessante perché si è rivelato essere l'ennesimo volto di una città eclettica e cosmopolita.



10. Gioia di vivere. Concludo con quello che più ho amato e porto nel cuore: la gioia di vivere sudafricana. Avvolge, coinvolge e conquista, è inevitabile. Le loro danze, la loro voce potente e le loro canzoni gioiose riempiono il cuore rendendo il viaggio ancora più piacevole. E per questo vi lascio due riferimenti, Africa Café e Mama Africa, dove ho sentito pulsare il vero cuore africano.
Il primo, Africa Cafè, è un ristorantino locale coloratissimo e arredato ingegnosamente con bottiglie riciclate, boccacci decorati e fondi di barattoli in lamiera. Un posto ecosostenibile, insomma. Durante la cena bellissime donne (come quella in foto qui sotto) servono una miriade di piatti tipici di vari Paesi africani, permettendo di fare un giro gastronomico del continente in poche ore. Posto particolare e meraviglioso.
Consigliatissimo anche il Mama Africa, un locale in cui è possibile cenare, ma anche bere un drink per trascorrere una serata diversa allietata da musica live.



Qualche indirizzo

- Africa Café108 Shortmarket Street, Cape Town 
- Mama Africa178 Long St, Cape Town
- The Black Marlin Restaurant, Millers Point (ideale per una sosta dopo Boulders Beach)


[ Tutte le foto - tranne l'ultima, scattata da me con lo smartphone, sono state scattate da me con Canon 70D e lente 18-135 mm ]

You Might Also Like

22 commenti

  1. Ecco, dopo aver letto questo post, ho una voglia ancora più grande di scoprire il Sud Africa. I suoi colori, quei sorrisi ed i buffi pinguini. Insomma Cape Town è una meravigliosa sorpresa che spero di vedere con i miei occhi prima o poi! Foto sempre bellissime!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille! E io te lo auguro, come sempre :)

      Elimina
  2. Che bello Manu, per qualche minuto sono tornata anche io a Cape Town. Io ho amato tantissimo la Table Mountain, ricordo che mi sembrava di essere arrivata alla fine del mondo (e un po' lo era). Spero potrai tornare per vedere altri posti bellissimi del Sud Africa! E spero proprio di tornarci anche io!:)
    Ps. anche io sono stata da Mama Africa, troppo bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leti anche io ho amato la Table Mountain! Un posto fuori dal mondo, non credevo potesse essere così affascinante!
      Il Sudafrica è immenso e purtroppo siamo riusciti a fare solo 4 tappe, ma speriamo di rimediare prima o poi :)
      Grazie mille (e sì, il Mama Africa dà una carica pazzesca)!

      Elimina
  3. ecco, adesso ancora di più credo che sarà con molta probabilità, budget permettendo, la mia meta del 2016!
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e io non vedo l'ora di seguirti!
      Adesso, con il rand così basso, vai sul sicuro!

      Elimina
  4. Che spettacolo! Scusami, non riesco a dire altro, sono senza parole *_*

    RispondiElimina
  5. Che amore quei mini pinguini *.*
    E non sapevo dei vini sudafricani...cioè probabilmente ero convinta non esistesse vino in Africa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, Ali, il Sudafrica vanta dei vini di tutto rispetto :)
      E i pinguini sono troppo coccolosi! Avrei voluto portarne uno con me!

      Elimina
  6. Eh io il Sudafrica lo sto puntando da un po', e spero l'anno prossimo di riuscire ad organizzare!
    Amo l'Africa, ma per me il Sudafrica è un qualcosa a sè, molto diverso dal resto del continente e per questo son molto curiosa di scoprirlo. E poi è la nazione arcobaleno unita da Mandela grazie al rugby..come faccio a non amarla?!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, il Sudafrica è diverso, completamente diverso dal resto, complice anche Mandela (ne parlerò anche nel prossimo post) :)

      Elimina
  7. Finalmente!!! Aspettavo con ansia questo post. Il Sudafrica non è così lontano nei nostri progetti di viaggio e quindi continuerò a divorare tutti i tuoi consigli.
    Le foto sono meravigliose!!

    RispondiElimina
  8. Mi sono innamorata di Cape Town attraverso le tue impressioni e le tue foto. Quando ho visto Bo-Kaap ho pensato "No, devo andarci assolutamente!". Grazie per questa panoramica amica.. Fai venir voglia di partire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo stesso accadde a me tempo fa! Bo-Kaap toglie il fiato amica, ma anche il resto :)
      Grazie davvero!

      Elimina
  9. Abbiamo degli amici che sono stati più volte in Sudafrica, ogni volta ritornano sempre più innamorati di questa terra.
    Ora sappiamo il perché! I pinguini sono adorabili, io partirei solo per loro, lo ammetto! (Tonia)
    Un abbraccio Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i pinguini sono un amore <3 hanno già conquistato tutti a quanto pare! un abbraccio ragazzi

      Elimina
  10. Mi hai mostrato una Cape Town che non immaginavo... grazie Manu!
    Però ho letto una cosa che non mi piace: nulla è inaccessibile, soprattutto nei sogni!
    Almeno lì possiamo arrivare dove vogliamo e poi... mai dire mai, no? <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione.. nulla è inaccessibile, me lo devo ficcare in testa!
      Grazie per la carica Lu! <3

      Elimina
  11. Adoro i punti panoramici, osservare le cittá dall'alto ci fa sentire piccoli nei confronti della grandiositá della natura, nel tuo caso, o dell'opera dell'uomo se siamo in una metropoli. Comunque sia, regalano spettacoli unici e le tue foto lo dimostrano.

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Cortina Costa Rica Craco Croazia cucina nel mondo deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra Piemonte Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

.