Asia Thailandia

Meraviglie da vedere in Thailandia: Ayutthaya

mercoledì, novembre 11, 2015Manuela Vitulli


Ayutthaya è sicuramente una delle meraviglie da vedere in Thailandia.
Uno di quei posti che rappresentano la storia del Paese, che rimangono impressi come un tatuaggio nel cuore.
E infatti l'ho inserita nella mia personalissima lista dei 10 posti da vedere in Thailandia.

Perché andare ad Ayutthaya?
Sono stata due volte ad Ayutthaya e, onestamente, ci tornerei anche una terza volta.
Perché? Ayutthaya è l'antica capitale thailandese. Circondata da tre corsi d'acqua tanto da essere quasi considerata un'isola, la città  ricopriva un ruolo fondamentale. Si pensava, infatti, che questa peculiarità le avrebbe permesso di difendersi facilmente dagli attacchi nemici.
Purtroppo, però, i birmani riuscirono a distruggere la città e gran parte del suo patrimonio culturale, decapitando le numerosissime statue di Buddha per dimostrare il loro potere.
Quindi, oggi, all'interno del Parco Storico è possibile scoprire quel che resta della città, solo un assaggio dello splendore che doveva esserci tempo.
Eppure quell'assaggio è sufficiente ad emozionare.
Si tratta di un posto speciale, di un luogo immenso che necessita di più giorni per essere visto nel migliore dei modi.







Wat Mahathat
Sicuramente quello che più amo ad Ayutthaya è questa piccola meraviglia. Una testa del Buddha incorniciata tra i rami degli alberi.
Potrei stare ore davanti alle possenti radici di questo albero. In contemplazione.








Viharn Phra Mongkol Bophit e la preghiera
Un altro motivo per cui ho amato Ayutthaya (soprattutto la seconda volta) sono i templi e la preghiera. Vedere i fedeli che pregano in ginocchio. Offrire i fiori di loto. Donare un rettangolino dorato al Buddha. Respirare il profumo dell'incenso.
Quest'atmosfera mistica mi fa star bene, mi rende serena.
Difficile da spiegare, è una cosa che mi capita solo dall'altra parte del mondo,






Wat Lokayasutharam
Il Buddha reclinato. Un'altra meraviglia da non perdere nell'immenso Parco.
Gigantesco, ricorda vagamente il Wat Pho di Bangkok.




Come spostarsi nel Parco Storico di Ayutthaya?

In bici o in tuk tuk.
Onestamente, un po' per pigrizia e un po' per il caldo soffocante, ho sempre scelto il tuk tuk.
I tuk tuk di Ayutthaya sono esteticamente molto diversi da quelli di Bangkok.
E, con un po' di fortuna, ci si può imbattere in belle storie da portare a casa e sigillare nello scrigno dei ricordi.
Questa ragazza qui sotto, ad esempio, è stata la nostra tuk tuk driver e ci ha emozionato parlandoci della sua vita. Sì, una bellissima donna (molto più grande di quello che sembra) che guida un tuk tuk.



Cosa mangiare ad Ayutthaya?
Tra i tanti piatti thai, uno dei piatti più gustosi che ho provato si chiama "Grilled King River Prawn", tipico di Ayutthaya. Una delizia (in foto).



Dove dormire ad Ayutthaya?
La seconda volta che ho visitato Ayutthaya, grazie all'Ente del Turismo Thailandia, ho avuto la possibilità di fermarmi per una notte.
Ho soggiornato al Sala Ayutthaya Resort, una magnifica struttura, sicuramente tra le più belle in cui ho dormito in Thailandia.
A due passi dal Parco Nazionale di Ayutthaya, presenta camere ampie e dalle linee raffinate ed essenziali, dove la semplicità si mescola al design. E per questo rappresenta proprio quel che io cerco in Asia.
La chicca è il ristorante, che si affaccia sul fiume e, di sera, regala una magnifica vista del Parco Storico illuminato. Un'atmosfera davvero suggestiva.
Altamente consigliato, soprattutto per le occasioni speciali in cui si ha voglia di spendere qualcosina in più per un soggiorno memorabile.







Come arrivare ad Ayutthaya?
Se ci si sposta da Bangkok, si può prendere comodamente un van da Victory Monument e raggiungere Ayutthaya in circa un'ora (e ad una modica cifra).
Se invece ci si sposta da Sukhothai o Chiang Mai, vi sono numerosi bus - con prezzi differenti - che si dirigono ad Ayutthaya.

You Might Also Like

25 commenti

  1. Foto che mi fanno venir voglia del teletrasporto, non c'è che dire. Il budda reclinato, poi, 'vestito' mi fa tenerezza :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille :)
      Sì, è quasi tenero! Pensa che una volta era vestito di arancio, un'altra di giallo. Ancora più tenero, no?

      Elimina
  2. Geometrie, forme, colori, sapori diversissimi dai nostri.
    Sembra proprio un set di qualche film esotico, fantastico.
    Bello.
    La testa del Budda tra i rami... meravigliosa.
    P.s. io vivo in un posto chiamato Isola per lo stesso motivo: circondato da due fiumi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Isola? Davvero? In Abruzzo? :)
      Grazie Miki!

      Elimina
  3. I miei genitori hanno invece optato per girarla in bicicletta.
    I noleggi si trovano un po' ovunque, anche nelle immediate vicinanze della fermata di autobus, van e battello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho fatto a Sukhothai e - nonostante il caldo - devo ammettere che è stata una gran bella esperienza!

      Elimina
  4. Ayutthaya è splendida, hai perfettamente ragione. E la testa del Buddha nelle radici è qualcosa di incredibile. Come sono incredibili le persone che, nonostante il cartello di non dare le spalle al Buddha si fanno i selfie dando le spalle al Buddha, e probabilmente fotografando anche il cartello con il divieto...
    Devo ancora parlarne (il mio diario di viaggio procede a rilento) ma credo che dovrò dedicare un post a parte all'ignorantissimo tassista che ci ha portato dalla fermata dell'autobus al b&b. Ad un certo punto io e la mia amica pensavamo di essere finite in una specie di candid camera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha aspetto il post! Purtroppo la mancanza di rispetto c'è sempre, sempre.
      E mi rammarica un sacco!

      Elimina
  5. Me ne ha parlato una collega che quest'estate ha fatto il giro di Thailandia, Laos e Cambogia (tanta invidia!)
    E non mi stupisce leggere nelle tue parole il suo stesso entusiasmo!
    Un abbraccio.

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tanta invidia sì, che meraviglia :)
      Ci tornerei al volo!
      Un abbraccio a te, grazie Ali!

      Elimina
  6. Che meraviglia di posti, lontano da un mondo frenetico come il nostro :\
    Stupendo!

    RispondiElimina
  7. Sai che aspettavo questo post e come sempre mi hai conquistata :) Grazie <3
    Non mi aspettavo però che Ayutthaya fosse così grande!Wow!
    Ma che meraviglia *_*

    RispondiElimina
  8. Penso che tu possa considerarti fortunata ad avere la possibilità cosi giovane di viaggiare visto che anche adori farlo.
    Belli questi luoghi.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Edvige! :)
      Buona giornata a te!

      Elimina
  9. In questo periodo vedo la Thailandia un po' dappertutto, forse è il segno che è finalmente arrivato il momento di andarci. Bellissime foto, come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse è proprio un segno :)
      Grazie mille!

      Elimina
  10. Ci voglio andareeee *-* (e si, ho in mente quella inutile canzone pagliaccia).
    Belle foto Manuelotta :*

    RispondiElimina
  11. Non so come tu faccia, ma non avvertire quel senso di trasporto tra le tue parole è quasi impossibile.
    La voglia di fare le valigie e salire sul primo aereo è irrefrenabile se ai tuoi caratteri aggiungi immagini incredibili.
    Parole raccontate attraverso immagini che vanno dritte al sodo. Io credo davvero che tu abbia un dono e non lo scrivo cosi, giusto per riempire di inutili sillabe questo spazio commenti. Sono una mangiatrice di libri e divoratrice di travel blogger ma tu, Manu, tu hai qualcosa in più che non trovo in nessun altro. Ho letto altri blogger che hanno già fatto il giro del mondo (quindi anche di età superiore alla tua) ma niente, nessun racconto sui posti del globo mi colpisce come fanno i tuoi - e di conseguenza spendo tutto in libri su posti che vorrei conoscere meglio.
    Io sono follemente dipendente da tutto ciò che scrivi e dalle tue fotografie.
    Grazie davvero per questi minuti che mi regali con queste brevi e piacevoli letture.
    Non smettere mai.
    Con affetto e ammirazione profonda. (:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dico la verità.
      Più volte ho pensato di mollare, di dedicarmi meno al blog. Più volte mi sono sentita in bilico perché questo mondo ti risucchia le energie e non è semplice, credimi.
      E proprio oggi, in questa giornata così difficile per la Francia, l'Europa e per il mondo intero, arrivi tu. Io leggo questo commento e mi commuovo. Mi commuovo perché forse esiste uno spiraglio, forse questo mondo può davvero essere migliore, forse devo tornare a crederci.
      Grazie, perché sei arrivata nel momento giusto. Non so come hai fatto, ma grazie davvero :)

      Elimina
    2. Non sempre è facile andare avanti. I momenti di crollo mentale sono tanti, specie in giorni come questi. Ma sono del parere che non bisogna fare di tutta un'erba un fascio. Ci deve essere sempre qualcuno diverso, controcorrente a fare la differenza, a credere che si possa cambiare qualsiasi situazione scomoda. La luce esiste alla fine di ogni tunnel, per tutti. C'è un vecchio detto indiano che mi si è stampato dentro, riguardo le nostre battaglie interiori.
      "La battaglia è fra due lupi che vivono dentro di noi.
      Uno è infelicità, paura, preoccupazione, gelosia, dispiacere, autocommiserazione, rancore, senso di inferiorità.
      L'altro è felicità, amore, speranza, serenità, gentilezza, generosità, verità, compassione.
      E sai quale lupo vince?
      Quello a cui dai da mangiare."
      Forza Manu, in momenti in cui ti senti giù non perdere mai la speranza e pensa a chi, come me, non potrebbe fare a meno dei tuoi racconti.
      Io sono con te, ma la scelta è sempre la tua. Sei tu a scegliere quale lupo sfamare!

      Elimina
    3. Sei preziosa, davvero.
      Credo che il rapporto tra chi scrive e il lettore debba essere sempre così. Un dare e avere.
      Tu mi stai dando tantissimo con queste parole!
      Ho inserito un piccolo estratto del tuo commento nell'ultimo post, spero ti faccia piacere :)
      Semplicemente grazie!

      Elimina
  12. La parte più magica della Thailandia, quella ricca di fascino che anche noi ci aspettiamo di trovare. Grazie per le tue parole e per i tuoi racconti. Ci permetti sempre di sognare ad occhi aperti e di far scattare quel qualcosa che faccia diventare i sogni in realtà!

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: