instagram TBEXAsia

Dispacci dal TBEXAsia: come migliorare (e farsi conoscere) su Instagram

mercoledì, novembre 04, 2015Manuela Vitulli


Il TBEXAsia è stato molto stimolante.
Ho avuto l'opportunità di partecipare a speech interessanti in cui si è parlato di tematiche a me già note ma in un'ottica internazionale.
Come vi avevo promesso nel primo post sul TBEX, voglio condividere con voi quanto ho appreso a Bangkok.
E voglio partire da Instagram, tema a me molto caro di cui ho già parlato in passato.

A mio avviso la speaker (Travels in Translation il nome del suo travel blog) non ha detto nulla di illuminante, lo ammetto. Tuttavia il fatto che sia stata proprio una travel blogger a dire la sua, ecco, mi ha permesso di capire come i blogger internazionali utilizzano Instagram.
E soprattutto cosa ne pensano.

Qualche numero
Ancora oggi Instagram è il social network che cresce più velocemente e - al momento - conta più di 400 milioni di utenti, con oltre 70 milioni di foto pubblicate ogni giorno.

Perché Instagram vince sugli altri social
Perché si consulta velocemente, perché la gente vede davvero i post di chi segue (a meno che in futuro non cambi l'algoritmo come è avvenuto con Facebook).

Perché Instagram potrebbe vincere (o già vince) sui blog
Anche se mi duole ammetterlo, devo confermare che, a differenza di un blog, Instagram permette di raggiungere un pubblico molto più vasto in pochissimo tempo.
Ed è per questo che si parla di microblogging.
La gente ha sempre meno tempo e meno voglia di leggere, quindi ci stiamo sempre più avvicinando a un nuovo modo di veicolare le informazioni: il microblogging. Detto in parole povere, il condividere attraverso i social network, in particolare Instagram.

Come farsi conoscere
Quando una foto finisce in Esplora o tra i post più popolari di un hashtag molto utilizzato, ci sono molte possibilità che altri utenti si incuriosiscano, che vengano a sbirciare il tuo feed e che inizino a seguirti.
Ultimamente mi capita spesso e in particolare, proprio durante quest'ultimo viaggio in Thailandia, una delle mie foto è finita tra i post più popolari di #AmazingThailand (che al momento conta oltre 306000 post) arrivando a oltre 2500 like. La foto con il maggiore engagement nella storia del mio feed.

Dunque è importante l'utilizzo degli hashtag appropriati.



A proposito di hashtag...

Quanti hashtag utilizzare?
Sempre meglio non esagerare con gli hashtag nella caption, ovvero nella didascalia che accompagna la foto. Io consiglio di inserirne al massimo sei, per non rischiare di risultare noiosi.
Gli altri hashtag possono essere tranquillamente inseriti nel secondo commento.

Quali hashtag NON utilizzare?
Mai utilizzare gli hashtag troppo popolari ed eccessivamente generici perché se migliaia di persone utilizzano contemporaneamente quello stesso hashtag sarà praticamente impossibile che la tua foto compaia tra gli ultimi post.
Inoltre, ricordo che alcuni hashtag come #instagram, #iphone e #popular vengono addirittura bannati da Instagram stesso perché troppo generici.

Come trovare gli hashtag più rilevanti per un determinato scatto?
- Iconosquare
- Enti del turismo locale

Ad esempio Clo e Clem, blogger francesi, hanno utilizzato gli hashtag ufficiali dell'Ente del Turismo Thailandese, taggando anche quest'ultimo nella loro splendida foto.



Per trovare gli hashtag più utilizzati per un determinato luogo, si può sfruttare anche il geotag. Io confesso che lo utilizzo moltissimo durante i miei viaggi - o in previsione di questi - per scovare posticini interessanti che non sempre si trovano nelle guide. Proprio così, grazie al geotag inserito da @roaring.romania, sono riuscita a scoprire Arthur Verona, una strada di Bucarest piena di street art.
Quindi il mio consiglio è di utilizzare sempre il geotag.

Come farsi conoscere su Instagram?

Interagire tanto, tantissimo, anche solo per ringraziare.
Farti conoscere significa aumentare le possibilità che la tua foto sia ripostata (con menzione, ovviamente) da un ente del turismo, da un brand importante, da un blogger con un buon seguito.

Un esempio.
Dopo aver scoperto Arthur Verona, ho ringraziato @roaring.romania e ho iniziato ad utilizzare il suo hashtag #roaringromania nelle mie foto scattate in Transilvania.
E lei, a sua volta, mi ha ringraziato così, ripostando la mia foto nel suo feed e facendomi conoscere al suo pubblico:



Ma oltre l'interazione, non dimentichiamo che è fondamentale il contenuto.
Pubblicare foto interessanti e ben curate è il miglior modo per invogliare qualcuno a seguirvi.
Il mio consiglio è di essere sempre originali e di pubblicare foto che rappresentino te stesso, il tuo "personal brand", le tue passioni, i tuoi momenti di vita.
Le foto devono raccontare chi sei, devono far affezionare il pubblico al tuo feed, ai tuoi pensieri, alla tua sensibilità.
Ed è per questo che, col passare del tempo, ho iniziato a seguire sempre meno quel che fanno gli altri e a personalizzare la mia gallery con quello che piace di più a me.
Io amo i colori e quindi cerco di non rendere le foto troppo cupe, né di schiarirle inficiandone la vivacità. E al tempo stesso cerco di non esagerare con la saturazione perché la foto deve rappresentare un momento reale, non la riproduzione ideale di quel momento.
Ma questa è solo la mia concezione di Instagram. Devi sentirti libero di editare le immagini come credi a patto che queste rappresentino te stesso e quello che vuoi comunicare.

Come scattare foto su Instagram?
Anche questo è soggettivo. I puristi sostengono che le foto debbano essere scattate solo col telefono.
Io utilizzo l'iPhone, ma, quando sono in giro con la mia Canon per far foto per il blog, scatto solo ed esclusivamente con la reflex per comodità e per risparmiare tempo.
In passato scattavo sempre sia con lo smartphone che con la reflex, ma - credetemi - impazzivo!
Perché complicarsi la vita? Oggi gli smartphone arrivano quasi ad avere la stessa risoluzione di una reflex, quindi non dovremmo porci troppi problemi.
Quello che invece non amo è Photoshop. Utilizzare Photoshop o altre app simili significare editare la realtà. E non condivido.
Ma, come ho già detto, de gustibus non disputandum est.

La bio
Per farti conoscere e svelare qualcosa su te stesso che possa incuriosire gli altri - perché diciamolo, siamo tutti dei curiosoni - è importante inserire qualche informazione nella bio.
Personalmente credo sia fondamentale rispondere a 3 domande: who, where, what.
Chi sei? Dove vivi/dove ti trovi al momento? Cosa fai? 

Ed è importante inserire un link - una sorta di approfondimento per quei curiosoni che vogliono scoprire ancora di più - se hai un blog, un canale youtube, un e-commerce...

Infine, il mio consiglio è quello di creare un hashtag che ti rappresenti e utilizzarlo per farti conoscere. E inseriscilo nella bio per far capire che sei stato tu a idearlo.
@theblondeabroad e @court_scott, per esempio, hanno ideato l'hashtag #getawaygirls.


Io, nel mio piccolo, ho ideato due hashtag. Uno per la mia Puglia, #PugliAmoreMio, e uno per le porticine nel mondo, #ohmyprettydoor.



Last but not least. 
Sii gentile, Instagram è un social fatto per condividere bellezza.
Ricordati di rispondere ai commenti, a meno che non siano centinaia... perché altrimenti non avresti più una vita offline.
Non farti schiacciare dalla schiavitù dei numeri e dei K (migliaia di follower), non condividere solo in funzione del tuo pubblico. Pubblica innanzitutto per te, il tuo pubblico ti apprezzerà per quello che sei.

Terminano così i primi dispacci dal TBEX. Nella prossima puntata vi parlerò di un altro tema che mi sta molto a cuore :)

You Might Also Like

38 commenti

  1. Letto tutto d'un fiato :)
    mi piace l'idea di creare un tag personale, infatti è da un po' di tempo che medito su un tag da mettere a tutte le mie foto della Sardegna :D e poi io invece sono fissata con le finestre e ci piazzo sotto un bel #lvelywindows
    Bella lettura Vitullotta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. devi creare un hashtag personale, soprattutto tu che sei così originale e sfacciatamente sarda :)
      Grazie Valotta!

      Elimina
  2. Ciao Manuela! Post molto interessante e veritiero. Grazie per averlo condiviso!
    Seguo spesso il tuo blog che adoro!... e nel mio piccolo ne ho uno anche io.
    Mi ritrovavo spesso anche io ad impazzire tra uno scatto di smartphone e uno di reflex, ma alla fine penso che ciò che conti (oltre alle tantissime cose che hai elencato tu) sia il connubio tra verità e semplicità, tutto il resto vien da se...


    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore Martina :)
      Mi fa davvero piacere leggere queste parole!

      Elimina
  3. Bellissimo post, molto utile e con analisi che condivido pienamente anche se trovo che Instagram abbia fortissimi limiti quanto a quello che può veicolare e alle reti che può creare, è sicuramente il social network più in crescita e interessante. Grazie per aver condiviso quello che hai imparato! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Patrick :)
      Anche io trovo che Instagram sia piuttosto limitante per veicolare alcuni messaggi (se lo mettiamo a confronto con un blog, ad esempio, può solo veicolare un assaggio di quello che potrebbe regalare un intero post), ma mi tocca ammettere che i blog sono in declino. E la colpa è soprattutto dei social network.
      A mio avviso è fondamentale per noi blogger aver cura sia del feed Instagram che del blog stesso.
      Non devono diventare due competitor, ma semplicemente cooperare tra loro :)
      E speriamo che i blog abbiano ancora vita lunga!

      Elimina
    2. Si parla di declino dei blog da anni, addirittura c'è chi li dava per morti già nel 2008/2009 dopo il boom intorno al 2005/2006. E invece non era così allora (anzi hanno goduto di nuova vita) è non così ora, è che adesso si sono moltiplicati i canali con i social che stanno 'assorbendo' al loro interno il resto della rete. Non credo proprio siano moribondi (come non lo erano nel 2008 :) )

      Elimina
    3. tu che sei blogger da molto più tempo di me puoi dire la tua, apprezzo molto il tuo contributo.
      Un commento molto prezioso e che terrò a mente. Sai quanto ho a cuore i blog e i contenuti dei blog - a mio avviso ben diversi da quelli che possono offrire i social network :)

      Elimina
  4. Utile ed interessante post, Manuela! Grazie!

    RispondiElimina
  5. Ciao Manu! :)

    Un bellissimo post, capace di coniugare riflessioni utili e interessanti con il racconto di tante piccole storie e intense emozioni.
    Complimenti a te! :)

    Un bacio,
    Ludo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ludo :)
      Sentirmelo dire proprio da te vale doppio! Un abbraccio!

      Elimina
  6. Brava Manuela, leggerti è sempre un piacere.
    Bell'intervento completo!

    RispondiElimina
  7. Grazie Manu, consigli pratici e sinceri :)

    RispondiElimina
  8. Post utilissimo! Grazie per averlo condiviso con noi!
    Bacetti :-)

    RispondiElimina
  9. Consigli ottimi e spiegati in modo semplice e chiaro.
    Sicuramente dovrò curare di più instagram, fino ad ora l'ho sempre un po' trascurato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è sempre tempo per iniziare a curarlo seriamente :) Grazie!

      Elimina
  10. Semplice, utile e piacevole da leggere, proprio il post che stavo cercando. Bravissima Manuela!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. felice che sia così utile per te, caro Giuseppe!

      Elimina
  11. Molto interessante! Attenta ma fedele a te stessa 👌

    RispondiElimina
  12. Come sempre utilissimo amica! :)
    Sai che non conoscevo Iconosquare?
    Hai dato in bel pò di spunti, grazie <3

    RispondiElimina
  13. D'accordo su tutto, anche se continuo a pensare che le foto (belle) e originali facciano sempre la differenza e le tue sono bellissime! Instagram è il mio social del cuore, ma questo credo di averlo scritto ormai fin troppo :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Enrica! :) Sì, ma non ci si stanca mai di dirlo!

      Elimina
  14. Manuela mi hai fatto venir voglia di riprendere il mio profilo Instragram :D (lasciato sepolto ormai da anni). Io sono un seguace di Twitter (non ho nemmeno un profilo Fb che ritengo un social inutile) e avevo intenzione di seguire sempre e solo su Twitter anche linkando qualche articoletto del mio piccolo e umile blog :) Però mi rendo conto che per le immagini instragram sia qualcosa di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, dai, Instagram può diventare una passione. Almeno per me lo è :)
      Ti auguro di lasciarti conquistare :)

      Elimina
  15. Ottimi suggerimenti davvero!!! Instagram è in assoluto il mio social preferito ed è quello al quale sto dedicando più tempo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. idem! Ultimamente mi piace meno di qualche mese fa (prima ne ero follemente innamorata), forse da quando sono stati introdotti i post pubblicitari. Ma resta il mio preferito! Grazie :)

      Elimina
  16. Che bellissimo post Manu, stupendo! Sto studiando molto IG ultimamente e tu già sei una splendida fonte di ispirazione su quel social ora lo sei anche come maestra. Questo tuo post è semplicemente perfetto.
    Posso chiederti una cosa? Come usi iconosquare per la ricerca degli #, non mi è chiaro.
    Grazie per la risposta e per il post, un abbraccio

    Eli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Eli <3
      Sapere che sono una fonte di ispirazione mi rende felice :)
      Per quanto riguarda iconosquare, tu lo utilizzi già? Hai visto le sue numerose funzioni, tra cui la ricerca degli hashtag utilizzati?
      Spiegarlo qui è un po' complicato :(

      Elimina
  17. Come sempre interessante, chiara precisa e simpatica!! bello seguirti Grazie !!

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: