Asia Thailandia

La Thailandia senza edulcoranti

mercoledì, luglio 15, 2015Manuela Vitulli


Avevo in mente un post diverso per oggi.
Un post informativo sulla Thailandia, un post che forse avrebbe aiutato molti di voi a decidere quali tappe inserire nell'itinerario. Continuano ad arrivarmi tantissime mail sulla Thailandia (pensate, quasi quante me ne arrivano per la Puglia) e non sempre riesco a rispondere a tutti - perdonatemi!
In questo periodo, quindi, cercherò di rispondere alle vostre domande con i miei post.


In questo articolo, però, non troverete nessuna informazione circa l'organizzazione del viaggio, bensì una sorta di flusso di coscienza che potrebbe esservi d'aiuto per prepararvi al viaggio o - più probabilmente - potrebbe confondervi fino alla nausea, come succedeva alla sottoscritta quando leggeva i flussi di coscienza di Virginia Woolf al liceo.

Comunque.

Ho scritto un solo post sulla Thailandia da quando sono tornata dall'Asia. Un solo post in quasi due mesi.
Lo so, vi avevo detto che avrei avuto bisogno di sviscerare tutto con parsimonia, ma adesso non sono più convinta che sia solo dovuto a questo.

Il fatto è che il ritorno in Thailandia mi ha confuso, mi ha sommerso di dubbi, di quesiti. Quesiti a cui, fino a pochi giorni fa, sono riuscita a dare risposte offuscate, mentre adesso iniziano a prendere forma, si fanno nitide.

L'idea che mi ero fatta della Thailandia ve l'ho raccontata in un vecchio post - uno dei miei post preferiti, tra l'altro.  Parlavo di una Thailandia mistica, spirituale, autentica, da vivere a piedi nudi e a cuore scalzo.
Tornare nella terra del sorriso mi ha permesso di rimuovere i paraocchi che l'entusiasmo del nuovo inevitabilmente comporta e vedere tutto con maggiore lucidità.



Sì, la spiritualità esiste e si sente, ma c'è anche la speculazione.
E i monaci nelle loro vesti arancioni sono splendidi, ma quando entri in un tempio e li sorprendi mentre scorrono la bacheca di Facebook con interesse ai piedi del Buddha, beh, inizi a comprendere che quel mondo a dieci ore da casa non è poi così lontano dal tuo.
Soprattutto se quegli stessi monaci dopo due secondi - forse inondati dai sensi di colpa - nascondono velocemente lo smartphone e ti invitano a sederti davanti a loro per ricevere la benedizione. A cui seguirà l'offerta.

Ma il sorriso c'è sempre, quello non manca mai.





Tornando in Thailandia ho riassaporato le sue luci, accostandovi le ombre.
Perché due anni fa non mi ero resa conto che corresse così veloce. Al punto da diventare a tratti occidentale, al punto da diventare - sotto alcuni punti di vista - persino più emancipata del nostro Paese. Sì.
Ed è inevitabile che ci sia questo progresso.
Non si può cristallizzare una terra con tutta la sua popolazione dicendo loro "Ti vogliamo autentica come una volta". Sarebbe folle - e non certo autentico.
Come è inevitabile che un Paese così bello faccia leva sul turismo, ma - ahimè - non è giusto sfruttare il territorio spremendolo fino all'osso.
La Thailandia è questa. Meraviglie e contraddizioni.

E a volte la ami, altre volte ti fa incazzare.
Soprattutto quando la senti tua, quando hai imparato ad amarla così tanto che stai provando a fare qualcosa, a tenderle una mano, seppur minuscola.
Così tanto che stai già pensando a tornare. Per la terza volta.


Buon viaggio a tutti coloro che sono in partenza per la terra del sorriso.
Scavate nel cuore della gente, ringraziate sempre (kop kun ka), vivete la Thailandia con le sue persone.
Non fissatevi sui difetti (ammesso che ve ne siano), ma assaporatene i pregi.
E vi conquisterà.


You Might Also Like

22 commenti

  1. Concordo su tutto (infatti anche io sto per tornare eheheheh) e ti dico che mi ritrovo molto nelle tue parole, soprattutto in queste: "E i monaci nelle loro vesti arancioni sono splendidi, ma quando entri in un tempio e li sorprendi mentre scorrono la bacheca di Facebook con interesse ai piedi del Buddha, beh, inizi a comprendere che quel mondo a dieci ore da casa non è poi così lontano dal tuo." :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Marikuzza! Chissà cosa ti susciterà il ritorno! Sono curiosa :)

      Elimina
  2. Questi sono gli articoli che più mi piace leggere... quando si va oltre la bellezza e l'entusiasmo da prima volta, proprio come hai detto tu! Fino a qualche mese fa, quando la possibilità di andare in Thailandia era molto probabile, non mi sentivo pronta per questa terra... avevo quasi "paura"... ma ora, credo di esserlo! Quindi, se conti di andarci una terza volta e partiresti con una persona che non conosci... eccomi qui! un viaggio wild&nature, ho già in mente l'itinerario... un bacio Manu :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale bella! <3 Grazie di cuore (anche per la proposta!)

      Elimina
  3. Ormai manca un mese alla mia partenza, seconda volta in Asia e sono davvero molto curioso di quello che troverò e dell'impressione che avrò io.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti auguro il meglio. Molto probabilmente - come è capitato a me - ne diventerai dipendente :)

      Elimina
  4. La Thailandia mi ha rapito un pezzo di cuore, ed è per questo che devo tornare a riprendermelo...o a lasciarci un altro pezzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho fatto esattamente lo stesso! il problema è che il pezzetto di cuore è rimasto lì! Mi tocca tornare ancora e ancora... :)

      Elimina
  5. le tue parole sono una boccata di ossigeno :D come sempre bravissima.. non ricordo chi ti aveva consigliato su facebook di scrivere un libro chiamato proprio pensieri in viaggio.. condivido pienamente :D un abbraccio bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah per me è un po' un sogno quello del libro, sarebbe meraviglioso! :D
      Grazie mille <3

      Elimina
  6. Fai bene a differenziarti scrivendo articoli di questo genere. È il modo migliore per raccontare la realtà di un Paese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Fra! :)
      Come ho detto ad altri, la Thailandia per me è come un amico o un partner che pian piano inizio a conoscere meglio... al punto da amarne anche i difetti :)

      Elimina
  7. Eccola qui... l'hai scritto dopo che ci siamo sentite?? :)
    Io non so ancora se sono pronta eh, ma so che mi servirà tantissimo!
    Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, l'ho scritto dopo Eli :D
      Ma certo che sei pronta! Vai e goditela! Ti abbraccio forte!

      Elimina
  8. Si dovrebber sempre, potendo, tornare in posti già visitati per scoprirne parti nuove ma anche per rivivere quelle già viste. Del resto evolviamo tutti, città e noi e ogni volta è un incontro che cambia. Quello che i nostri occhi vedono ora non vedranno forse tra un anno..è anche questo il bello di viaggiare e scoprirsi nuovi e diversi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero. Proprio questo è il bello. Un po' come leggere un libro e coglierne sempre sfumature nuove :)

      Elimina
  9. Però se mi continui a far vedere la Thailandia, poi mi vengono strane idee in testa che non posso assolutamente permettermi! :P

    RispondiElimina
  10. Ecco. Io muoio per questi post. Reali, autentici. Di ogni Paese che si ama bisogna essere in grado di riconoscere aspetti positivi e negativi. Quando parlo dell'Australia sembra che non mi sia piaciuta, invece è proprio della sua totalità che mi sono innamorata. Come i veri amori. <3 Bravissima Tesoro mio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero. Proprio quando parli dei difetti e di quello che fa rabbia significa che un posto ti è entrato nel cuore :)
      Grazie tesoro, ti voglio bene!

      Elimina
  11. Concordo in tutto quello che dici. Anche io la prima volta che sono stata in Thailandia, per 3 mesi, ne sono rimasta affascinata. Si è subito conquistata un posto nel mio cuore ed è diventata uno dei miei posti preferiti al mondo... ma il ritorno mi ha riempita di dubbi e, ahimè, delusioni. Non so se ho tolto le fette di salame dagli occhi o se questo paese è davvero cambiato così tanto, ma sono rimasta sconvolta nel vedere quanto la Thailandia faccia ormai leva sul turismo, spesso in maniera disumana. I thailandesi una volta così sorridenti e gentili mi sono parsi molto più avidi, spero di aver solo incontrato la gente sbagliata e che non stia davvero avendo luogo un terribile cambiamento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo spero anche io, e forse è è solo una sensazione :)
      Sicuramente la Thailandia - come qualsiasi altro Paese - ha bisogno di essere scoperto e riscoperto per poter essere davvero compreso.

      Elimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: