Basilicata hotel

Gioielli d'Italia: il mio weekend a Maratea

mercoledì, luglio 01, 2015Manuela Vitulli


Ricordate quando vi ho parlato del tour in Basilicata?
In quell'occasione ho avuto modo di scoprire la Basilicata e di constatarne a poco a poco la bellezza, come si fa con un diamante grezzo. Durante quell'evento alcuni tra i miei compagni di viaggio proseguirono verso Maratea, mentre io rientrai a casa. E mi innamorai delle loro foto in barca e al cospetto del Cristo Redentore.
E da allora più volte ho provato a organizzare un weekend a Maratea. Invano.
Così, quando BoscoloGift mi ha proposto di provare Gioielli d'Italia, uno dei suoi cofanetti regalo, non ho avuto dubbi sulla destinazione. Finalmente un weekend a Maratea.




Il viaggio

Ma partiamo dal viaggio, rigorosamente in auto.
La strada per raggiungere Maratea non sarà certo la più comoda, ma vi assicuro che mi ha fatto esclamare più volte "Ma quanto è bello il Sud Italia!"
Abbiamo percorso strade nascoste tra le montagne e sospese sull'acqua, superando velocemente quei paesaggi che io non smetterei mai di immortalare.
E in fondo meglio così: alcuni momenti vanno semplicemente vissuti. Cantando a squarciagola qualche vecchia canzone e guardando oltre il finestrino con gli occhi che brillano.

Una volta arrivati a Maratea il paesaggio ha cambiato conformazione regalando innumerevoli scorci mozzafiato, praticamente a picco sul mare blu intenso. Scorci che mi hanno improvvisamente ricordato la Costiera Amalfitana e Sorrentina, anche se a Maratea il panorama è ancora più selvaggio.


L'hotel

Grazie a Boscolo Gift abbiamo soggiornato al Grand Hotel Pianetamaratea, a 450 metri sopra il livello del mare. La caratteristica che ho più apprezzato? La vista favolosa della mia camera che ha fatto sì che il mare e la collina del Cristo Redentore potessero darmi un super buongiorno al risveglio.




Le spiagge

Per le sue acque cristalline Maratea viene chiamata la dea del mare. Ed è proprio così.
Il mare di Maratea è una distesa scintillante tra le ripide pareti rocciose che proteggono calette e spiagge dalla sabbia pulita e dalla bellezza incontaminata.
Mi sono stupita nel ritrovarmi completamente sola col mio ragazzo in una delle spiagge più apprezzate: la rena d'u nastro, a Cersuta. Anche detta la spiaggia nera per la presenza di sabbia scura e di scogli neri e resi lucidi dagli schizzi del mare.
Immaginate che meraviglia essere completamente soli in questa spiaggia selvaggia e lontana dal centro cittadino. Qui mi sono sentita davvero fortunata.

Un'altra bella spiaggia è quella di Acquafredda, situata sotto una catena di rocce nell'estremo nord della costa di Maratea.




Il centro storico

Il centro storico di Maratea è davvero piccino e raccolto, con tanti nonnini teneri e qualche baretto con i tavolini all'esterno. Non è un centro storico vivo e giovane, ma sicuramente vale la pena trascorrervi almeno un'oretta per respirare l'atmosfera di un borgo incantato e fermo nel tempo.
La particolarità è data dall'incredibile numero di chiese disseminate in questa zona. Non è un caso se Maratea viene chiamata la città delle 44 chiese!
Ho trovato affascinante la presenza di piccole cappelle colorate anche fuori dal centro storico, nel bel mezzo del verde.










Il Cristo Redentore

Il simbolo di Maratea vale da solo l'intero viaggio.
Non si può arrivare fino in cima con la propria auto, ma bisogna parcheggiarla poco più giù per poi prendere l'apposita navetta (al costo di 5 euro complessivi per tutti i passeggeri dell'auto).
[ In molti, tra i commenti in basso, mi hanno detto che il percorso alternativo in realtà esiste, ma purtroppo non è ben segnalato. ]
Non mi aspettavo di dover pagare praticamente una "tassa" obbligatoria per vedere il simbolo della città, lo ammetto, ma vi assicuro che lassù ogni sacrificio viene ripagato.
Lo sguardo si perde tra il verde e il blu del panorama.
Un panorama sormontato dal colossale Cristo Redentore, le cui dimensioni sono inferiori solo a quello di Rio de Janeiro.
Meraviglia, l'Italia è davvero piena di gioielli!






Consigli

Maratea si trova esattamente tra il Cilento (Campania) e la Calabria, quindi se avete un po' più di tempo a disposizione vi consiglio di spingervi un po' più a Sud a Praia a Mare oppure un po' più a Nord a Sapri, magari per mangiare una buonissima pizza cilentana.
Noi non ci siamo lasciati sfuggire l'occasione. Tre assaggi - in tutti i sensi - di tre regioni in un solo giorno!

You Might Also Like

28 commenti

  1. Di Maratea (e del sud in generale) è impossibile non innamorarsi! Le risorse sono tante, ma purtroppo non sempre vengono sfruttate e valorizzate al meglio :( è davvero un peccato, perché ci sono dei posti meravigliosi!!!
    P.s. la prossima volta che capiti da queste parti fai un salto a Rivello: un borgo a 20 km da Marate, che merita una visita! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la penso proprio come te. Il Sud ha una marcia in più.. è la mia Italia preferita. Mi spiace Nord, ma è così :D
      Prendo in considerazione il tuo consiglio, grazie!

      Elimina
  2. Mi ero già innamorata della Basilicata grazie a Matera ma ora leggendoti e guardando queste foto meravigliose mi hai fatto venir voglia di tornare e scoprire quello che ancora questa terra meravigliosa ha da offrire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì! :D La Basilicata è unica.. e l'apprezzo particolarmente perché è ancora poco esplorata :)
      Maratea è un gioiellino da vedere assolutamente Deb!

      Elimina
  3. Ti ho seguita tramite instagram e aspettavo questo post. Una delle classiche zone che vengono sempre un pò snobbate.. Ora mi hai fatto incuriosire! *_*

    RispondiElimina
  4. Ciao, conosco molto bene Maratea ed il suo Redentore ci sono stata parecchie volte nel corso di 20anni che andavo in campeggio a Sapri (SA). La strda è favolosa. Buona serata.

    RispondiElimina
  5. Sarei curiosa di sapere se esiste un sentiero, o un percorso alternativo a quello seguito dalla navetta, per raggiungere a piedi il Cristo Redentore: tu ne sai qualcosa? Deve essere bellissimo arrivare fin lassù con le proprie forze e godersi quella vista mozzafiato! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo proprio di no. Ce lo siamo chiesto anche noi! :)

      Elimina
    2. Una strada per arrivare a piedi fino a lassù c'è.. faticosa soprattutto in salita ma credetemi ne vale la pena per lo scenario che vi troverete ad ammirare.

      Elimina
    3. Credo che le cose siano cambiate ultimamente.. perché pur chiedendo alla gente del posto ci è stato detto che è impossibile raggiungere autonomamente la cima del Cristo Redentore a piedi. E pur volendo per arrivare in cima bisogna lasciare la macchina al parcheggio (in cui vengono richiesti obbligatoriamente 5 euro). Io sarei andata ben volentieri fin su senza navetta :)
      spero vivamente che sia come mi scrivi tu.. ma in tal caso ci si dovrebbe impegnare per segnalare l'altra strada ai turisti. Lo trovo estremamente importante

      Elimina
    4. C'è tutt'ora un percorso da fare e solo di giorno che costeggia la montagna, si lascia la macchina in paese o lungo la strada statale dove è possibile. E lo stesso percorso che si fa durante la processione in onore al Santo Patrone di Maratea, San Biagio. Trovi i dettagli anche cercando su internet, la festa è la seconda domenica di maggio. Come ti dicevo il percorso è lungo ma lo spettacolo e l'aria di cui si gode ripaga lo sforzo.

      Elimina
    5. Ciao, sono di Maratea, vi confermo che il percorso dal centro storico al cristo esiste e presto dovrebbe essere segnalato come di dovere. A settembre è prevista una bella manifestazione, denominata 1000 gradini, dal porto fino al cristo. Qui trovate qualche dettaglio in più. http://www.camminitaliani.it/blog/a-maratea-pz-il-cammino-dei-14-siti-religiosi/

      Elimina
    6. L'ho chiesto perché effettivamente mi sembrava strano non ci fosse un percorso alternativo, magari anche un po' nascosto o semisconosciuto in quanto non segnalato, e ora che ne ho avuta conferma non nego che mi piacerebbe provarlo! ;-)

      Elimina
    7. Il percorso esiste! Questa estate l'ho camminato tutto, dalla piazzetta del centro storico fino al Cristo. Volendo si può anche lasciare la macchina poco sotto al parcheggio e da lì parte un sentiero che passa sotto alle vecchie case dell'antico borgo. La cosa che mi ha lasciata più stupita è pagare per poter arrivare fin sotto al Cristo: ci sono dei tornelli terribili... abbiamo boicottato :-(

      Elimina
  6. L'Italia è ricca di straordinarie bellezze! Ma spesso tendiamo a snobbare le nostre città! Sbagliando..
    Conosciamo Maratea per il Cristo Redentore (straordinario) , ma vediamo che c'è molto di più..

    RispondiElimina
  7. Quel mare! Mi sono emozionata solo a vedere le foto (tra l'altro stupende).

    RispondiElimina
  8. Bellissimo *-* uno di questi posti che adorerei.

    p.s. le tue foto di schiena mi ricordano sempre me! Adoro *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo adoreresti, ne sono certa ^-^
      Per le foto di schiena... che te lo dico a fare :D

      Elimina
  9. ah, il mio Sud. Il nostro Sud! Quanta meraviglia c'è?
    A Maratea ci sono stata solo una volta e conservo ricordi sbiaditi ma meravigliosi... che foto bellissime tesoro!
    E sai bene quanto vorrei tornarci... insieme a te :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io! E da lì rotolare nella tua bella Calabria ^.^

      Elimina
  10. Ha ragione la nostra Faretta.. avete una meraviglia! Io ci sono stata anni fa a Maratea e mi ha ricordato (anche con queste foto stupende) la bellezza di quelle zone. Spesso mi accorgo di essere la prima a guardare fuori, invece dovrei conoscere un po' di più la nostra immensa Italia. Ci torniamo insieme vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io sono come te. Devo scoprire meglio l'Italia (in particolare il mio adorato Sud) <3
      E certo che ci torniamo assieme!

      Elimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: