America New York

Il MoMa di New York: il mio museo preferito

venerdì, maggio 22, 2015Manuela Vitulli


Ho scritto tantissimi post su New York.
Prima vi ho parlato di cosa significa vivere la Grande Mela con un’amica, poi vi ho raccontato com'è tornarci per scoprirla in coppia. Insomma, ve ne ho parlato in tutte le salse, persino dal punto di vista fotografico in un post per il progetto manfrottoimaginemore.
Ma non vi ho ancora parlato di una delle cose che più ho amato di questa città: il MoMa. E a un anno esatto dalla mia ultima partenza per NYC trovo finalmente l’occasione per dedicarvi un post.

Chi mi conosce lo sa: non sono una grande fan dei musei in viaggio, o meglio, non amo chiudermi per ore in un edificio quando c’è una città intera – e sconosciuta - da esplorare. Ma ci sono le eccezioni. E il MoMa (Museum Of Modern Art) è una di queste.

Il MoMa non è un semplice museo. Se pensate che sia destinato solo ed esclusivamente agli esperti e agli appassionati di arte moderna vi sbagliate di grosso.
Io non sono un’esperta ma una semplice neofita curiosa e posso assicurarvi che è un’esperienza che ripeterei subito!





Un’infinità di barattoli rossi (i famosissimi Campbell’s Soup Cans) assieme all'iconico dipinto di Marylin Monroe sono il motivo principale che mi ha spinto a mettere piede nel museo, lo confesso. Eppure se adesso sento pronunciare “MoMa” non penso semplicemente alla prima volta che mi sono trovata al cospetto di un’opera di quel genio di Andy Warhol, benché questo sia sempre stato per me un momento tanto atteso.
Non penso semplicemente alla pop art né all'arte moderna, ma penso all'idea di un museo che non nasce solo per i grandi estimatori dell’arte, ma è fatto per la gente, fatto per grandi e piccini, per tutti coloro che hanno voglia di visitarlo.

Nonostante la complessità di alcune opere e l’immensità della struttura, trascorrervi qualche ora per una full immersion artistica risulta tutt'altro che noioso (tant'è che avrei voluto dedicarvi anche più di mezza giornata).
A tutti i visitatori all’ingresso viene fornita un’audioguida che rende più semplice la comprensione di alcune opere che potrebbero risultare stravaganti o prive di senso.
Ho potuto confrontarmi con l’espressionismo di Pollock, ammirare estasiata alcuni autoritratti della pittrice messicana Frida Kahlo. Sono rimasta sbalordita – e un po’ delusa – davanti alla “Marylin” (di Andy Warhol) che immaginavo molto più grande e d’effetto.

E ancora una volta ho amato l’Impressionismo. In particolare ho amato la gigantesca opera raffigurante le ninfee di Monet, “Water Lilies”, che occupa un’intera parete.
Circa 20 metri di lunghezza da ammirare nell'insieme ma anche da molto vicino così da apprezzare e cogliere i singoli colpi di pennello. Lo so, non è una novità, ma io qui mi sono commossa.





Informazioni utili

Prezzo. Il biglietto d’ingresso costa 25 dollari, ma è gratuito per coloro in possesso del New York Pass (che io stessa ho utilizzato l’anno scorso) in quanto incluso tra i suoi servizi.

Dormire a New York. Trovare una buona sistemazione con un budget limitato non è sempre semplice, soprattutto in una grande metropoli. Vi consiglio di dare un’occhiata a questi hotel a New York, alcuni situati nel cuore della città.

Esposizioni temporanee. Se siete curiosi di scoprire quali esibizioni temporanee il museo ospita o è in procinto di ospitare, date un’occhiata qui: www.moma.org

Wi-Fi. Sì, il MoMa mette a disposizione un servizio di connessione internet gratuito - a differenza della maggior parte dei musei - e invita i visitatori a condividere le opere sui social network. E io non mi sono lasciata sfuggire l'occasione di condividere in tempo reale le meraviglie del MoMa sulla mia pagina facebook! :D
Questa sì che è una buona strategia comunicativa e promozionale!

You Might Also Like

10 commenti

  1. Non sono mai stata a New York ma (ovviamente) è sulla mia lista, MoMa compreso e soprattutto per la "Notte stellata" di Van Gogh. Più che un museo io lo considererei un'enorme esposizione, mostra.. non so perché ma la parola museo mi fa pensare a sculture, antichi reperti archeologici. Anch'io non amo rinchiudermi nei musei, ma dopo il tuo articolo Manu, credo proprio che non potrò rinunciare al MoMa! Un abbraccio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e fai bene Ale! Il MoMa è irrinunciabile! :)
      Ti auguro di coronare presto questo piccolo grande sogno: NYC!

      Elimina
  2. Io invece adoro rinchiudermi nei Musei; mi sembra di entrare in una macchina del tempo. Quando succederà che amdrò a New York, il MoMa sarà sicuramente nella mia tabella di marcia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NYC è la città perfetta per chi adora i musei! Ce ne sono tantissimi e tutti interessanti. Ma non basta una vita... :D

      Elimina
  3. Il MoMa è piaciuto moltissimo anche a me. Soprattutto la sua struttura architettonica e il modo con cui sono organizzati gli spazi interni, mi hanno lasciata incantata.
    E' davvero un ottimo modo per trascorrere un pomeriggio, ancora meglio se uggioso, a NYC. :-)

    RispondiElimina
  4. è il mio museo preferito a nY! e lo shop è pazzesco!!

    RispondiElimina
  5. "Chi mi conosce lo sa: non sono una grande fan dei musei in viaggio, o meglio, non amo chiudermi per ore in un edificio quando c’è una città intera – e sconosciuta - da esplorare. "
    Sembra scritta da me questa frase!!
    Anche io preferisco visitare la città :)

    L'ho visto e mi è piaciuto, soprattutto perAndy Warhol che ho sempre adorato, non so perchè! Però non è tra i miei musei preferiti, sono più da cose storiche mi sa ;)

    RispondiElimina
  6. Mi piace l'idea che invitino i visitatori a usare i social! Condividere arte :D Che bello!

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: