Blog & Social Media Tour Campania

Paestum, un tuffo nel passato

mercoledì, aprile 01, 2015Manuela Vitulli


Ci sono posti che ogni italiano dovrebbe visitare almeno una volta nella vita.
Quei posti che rappresentano un vero tuffo nel passato e fanno esclamare "Che spettacolo è l'Italia!".
Paestum è uno di questi posti.

Avrete già capito che il Cilento mi è piaciuto troppo, no?
Sia attraverso il mio video che attraverso il post su Castellabate.
E se ancora non vi ho convinto, beh, con questo post mi gioco la carta vincente. Paestum.
Sì, confesso che da quando sono tornata dal Cilento fremo dalla voglia di raccontarvi di Paestum.
L'antica Poseidonia, il gioiello della Magna Grecia.

Sono arrivata a Paestum di sera, troppo tardi per visitare il sito archeologico.
Troppo tardi per lasciarmi incantare dalla sua bellezza. Pensavo.
E invece, lungo la strada per raggiungere la mia sistemazione cilentana, l'hotel Clorinda, ho perso le parole.
Mentre dal finestrino dell'auto osservavo gli alberi - al buio simili ad enormi sagome nere - e il mio sguardo si perdeva oltre le recinzioni, uno dei templi è improvvisamente piombato davanti ai miei occhi. Illuminato da una luce intensa e circondato dal buio pesto.
Non bastano tutti gli aggettivi di questo mondo per descrivere la bellezza che ho contemplato in quel momento.
Pochi secondi di stupore e assoluta bellezza.


Ho dovuto aspettare due giorni per vedere da vicino il sito archeologico.
Due giorni di attesa e fervida immaginazione a cui si è aggiunta la rabbia per essere arrivati in ritardo.
Vi è mai successo di attendere pazientemente qualcosa e poi trovare un ostacolo tra voi e il vostro obiettivo?
Ecco, io ho trovato un ostacolo vero e proprio: le inferriate e il cancello d'ingresso chiuso.
Mentre tentavo di fotografare cotanta bellezza inserendo l'obiettivo della reflex tra una sbarra e l'altra (immaginate la comicità del momento), per  fortuna tutto è andato per il meglio e siamo riusciti ad entrare all'interno del sito. Al cospetto dei maestosi templi della Magna Grecia.

Paestum si trova su un altipiano a base di calcare che consente a tutta la città di sopraelevarsi rispetto all'insieme. All'interno del sito archeologico tutto questo è ancora più evidente.
Ammirando il tempio di Hera, il tempio di Atena e il tempio di Poseidone, i tre templi dorici, mi è sembrato di fare un tuffo nel passato.

Nessuna bancarella, nessuna maglietta raffigurante la band - ormai sciolta - dei One Direction.
Solo un'immensa distesa di verde e tutto quel che è  stato ereditato dal passato.
Paestum, a differenza di quello che si potrebbe dire della super turistica Pompei, ha conservato la sua autenticità. E se provi a chiudere gli occhi puoi davvero dimenticare tutto il resto.







E, nonostante il vento violento, al tramonto il tempo è stato clemente, regalandoci un cielo dalle sfumature glicine e rosa, una tavolozza di colori che non necessita di alcuna saturazione perché ci ha già pensato Madre Natura.
E quando questo accade in un territorio che custodisce millenni di storia, beh, è magia.



E a Paestum non ci si può perdere il museo archeologico nazionale che raccoglie preziosissimi reperti provenienti dal territorio di Paestum - o meglio, Poseidonia.
Tra questi, il più celebre è senza dubbio la Tomba del Tuffatore risalente al 480 a.C.


You Might Also Like

26 commenti

  1. WOW! Come ti dicevo ho la colpa di non esserci ancora stata (lo so, faccio schifo -.-). Mi stai facendo venire la voglia di organizzare una domenica fuori porta <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sisisi devi andarci! Un bel weekend in Cilento, dai :)

      Elimina
  2. Meraviglia!! Poi vista con quel tramonto! :-)

    RispondiElimina
  3. Ti avevo guià scritto su Paestum e questi posti li ho visti ho anche un sacco di foto e risale a veramente tantissimi anni fa erò ancora molto giovane. Tu dissi anche al tramonto se ci sono gli uccellacci neri uno spettacolo.
    Buona Pasqua a te e famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e hai perfettamente ragione!
      Buona Pasqua!

      Elimina
  4. Paestum, meta di gite alle elementari-medie. Purtroppo in quegli anni sei troppo piccolo per cogliere tutto, magari nemmeno te ne frega. Che gioiello. La lapide del tuffatore è stupenda **

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stessa cosa per me a Pompei. Ricordi molto vaghi di un posto che non ho assaporato come invece farei oggi.
      Eh, le gite! :D

      Elimina
  5. ho studiato archeologia quindi puoi immaginare con che affetto legga questo post ;-)

    RispondiElimina
  6. Bellissime foto. Complimenti :-) Ciauuuu

    RispondiElimina
  7. Si resta senza parole quando si arriva in prossimità del sito, perché non ci si aspetta di trovare dei templi così belli. Non tanti ci arrivano, ma chi ci va, li porta nel cuore.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già. Purtroppo non è apprezzato quanto meriterebbe...

      Elimina
  8. Sai che Paestum è uno di quei posti di cui so tutto, perché l'ho studiata e ristudiata, ma in cui non sono mai stata? :/ che peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è sempre tempo per andarci, mia cara Anto :)

      Elimina
  9. Non vedevamo l'ora di leggere e vedere Paestum
    attraverso le tue parole e i tuoi occhi!!!! Magia :D :D
    Ps Anche noi abbiamo acchiappato un ventaccio!!!!!

    RispondiElimina
  10. Visitato il Cilento la scorsa estate, stesse sensazioni che tu hai così ben descritto.
    Lucia

    RispondiElimina
  11. A me queste zone mancano completamente... ma tra il post su Castellabate e questo, cara la mia Manuela, mi hai fatto venire una voglia di Cilento paurosa!
    Ma la penultima foto che bella è?? *.*

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: