riflessioni viaggiare

Cambiare strada: il rischio di dare forma ai propri sogni

lunedì, febbraio 16, 2015Manuela Vitulli


Nei giorni scorsi sono stata travolta da un tram: impegni improvvisi mi hanno costretto ad essere meno presente sui social e a curare un po' meno il blog.
E a volte questo fa bene.


Ho avuto modo di pensare, di riflettere sul mio percorso in questi due anni e di confrontarmi con altre persone.
Ho passato giorni a rovistare fra cassetti pieni di polvere e foglietti ingialliti usurati dal tempo. Avrei dovuto riordinare la casa e imballare ogni singolo oggetto. 
E in realtà questi grandi lavori sono serviti a me stessa. 
Mi hanno aiutato a far luce sulle mie scelte, a scartare e impacchettare i ricordi, a riordinare le idee.
Disconnettermi dal superfluo per scavare dentro di me, dentro il mio cuore, dentro la mia anima. 

Ho ritrovato il mio camice bianco, la tesi di laurea sulla gonartrosi, e dispense di neurologia e anatomia che mi terrorizzavano ai tempi dell'università. 
Ho ritrovato brandelli della mia vita in cui non mi identifico più. Anzi, mi sembrano lontani anni luce dalla persona che sono adesso. 

E poi in un cassetto ho ritrovato un cartoncino di cui ignoravo l'esistenza. "Ciao sono Manuela, ho otto anni e mezzo e mi piace scrivere. Da grande vorrei scrivere e girare il mondo."
Vi sembrerà assurdo, ma mentre leggevo avevo le lacrime agli occhi. 
Perché - adesso - mi sembra assurdo identificarmi con quello che sognavo a otto anni e mezzo anziché con quello che è stato il mio percorso di studi. 
In quel cartoncino ho ritrovato quella fiamma che adesso arde dentro me. La proiezione di quello che ho sempre desiderato.
È come se dopo anni le parte più autentica di me si sia ricongiunta al mio corpo.
Come se qualcuno mi abbia finalmente restituito quel filo che avevo silenziosamente perduto.

Perché vi racconto questo?
Non è tanto facile aprirsi completamente, ma a volte raccontare la propria storia è strettamente necessario.

Tutti da piccoli abbiamo avuto dei sogni, quelli che definisco i sogni innati, i sogni più sinceri.
Ma quanti di noi hanno continuato a coltivare quei sogni?
E quanti hanno accantonato le proprie passioni per intraprendere altre strade?
Io ho intrapreso un percorso che non assecondava né stimolava le mie passioni. E mi sono illusa che fosse la scelta giusta.
Ma non è stato così.
Le passioni sono una meravigliosa condanna.
Prima o poi ritornano, mica te ne liberi dall'oggi al domani!

E così, come ho scritto nella sezione  "about me", un bel giorno ho ricominciato a scrivere, a dare libero sfogo alle parole
Ho trovato il mio equilibrio viaggiando e ho fatto i conti con la paura di cambiare - di cui vi ho parlato in questo post.

Questo è il rischio di dar forma ai propri sogni. La paura di cambiare, di cadere, di fallire, di sbagliare. 
Ma ne vale la pena quando il premio in ballo ha il valore della tua felicità.

C'è una frase di Milton Berle che adoro:
"If opportunity doesn't knock, build a door" 
Ecco, io la penso proprio così.
Se l'opportunità non bussa, costruisci una porta.

Dobbiamo darci un valore anziché vivere per inerzia, anziché assecondare il volere altrui, anziché seguire strade più semplici ma non adatte a noi, anziché perder tempo a guardare gli altri e voler essere al loro posto. Continuando a vivere in balia degli eventi e senza alcuna gratificazione. 

Il mondo sarebbe un posto migliore se tutti potessero affermare sinceramente "Amo quello che faccio". Se tutti provassero ad amare quello che fanno, o meglio, a fare quello che amano.

Conosco gente che si è rassegnata al proprio destino, come se il destino fosse una scusa per accantonare i sogni e il coraggio. 
Ma ci sono anche persone che hanno stravolto la propria vita per costruire un futuro di felicità. Persone che hanno capovolto il loro destino.
Cambiare strada per dar forma ai propri sogni. Io sono per questo. 
Andare controcorrente per essere felici. 
Con un pizzico di paura, certo, perché sono cambiamenti solo se spaventano. 


E così una frase scritta su un cartoncino a otto anni e mezzo mi ha portato a scrivere questo post.
Chi l'avrebbe mai detto. 
In fondo non sono cambiata così tanto :)



You Might Also Like

77 commenti

  1. Manu lo sai che mi sono commossa?
    Non so se è solo perchè in questi giorni ho la lacrima facile ma non credo, il merito è il tuo!
    Condivido ogni singola parola, ogni virgola e ogni spazio di quello che hai detto e non avrei saputo mai dirlo meglio.

    Conserva stretto quel cartoncino ora che lo hai ritrovato <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Dani. Io ci credo, ovvio! :)
      Sei una persona sensibile, come tutti coloro che amano scrivere no? :D

      Elimina
  2. Che bello questo post Manu!
    È bello che tu sia riuscita a fare quello che ami ed assecondare la tua passione invece che rassegnarti o accontentarti :)
    Ti mando un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è quello che provo a fare giorno dopo giorno.
      Non lo considero un traguardo, ma una continua sfida nel perseverare :)
      Grazie Eli, un bacione a te!

      Elimina
  3. Perfettamente d'accordo sull'importanza di raccontarsi, non è sempre semplice, richiede un pizzico di coraggio, ma è importante per la nostra credibilità. E proprio per questo che il tuo blog si differenzia ed emerge tra i tanti blog di viaggi.

    "anziché perder tempo a guardare gli altri e voler essere al loro posto" come ho scritto nel mio post di oggi, è necessario iniziare a costruire da subito, giorno per giorno, il proprio futuro con determinazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore Francesco.
      Grazie per avermi detto che è per questo che il mio blog si differenzia dagli altri. la trovo una cosa splendida che mai nessuno mi aveva scritto! :)

      Elimina
  4. Mi sono un po' emozionata... perché anche io credo di aver capito più cose a 8-10 anni che nei successivi 10. Ma ad un certo punto arriva il momento in cui ricordi, "senti" ciò che sentivi a quell'età, ci credi esattamente come allora - sentendoti pure stupida perché ormai sei adulta - e decidi che vale la pena di mettere stop e tornare indietro, ripartendo da lì.
    Un abbraccio :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo, che bello leggere che non è capitato solo a me, che c'è dell'ordinario nell'accorgersi che i sogni che avevamo da piccoli erano molto più veri e sentiti di quelli dei 18-20 anni. Ti abbraccio!

      Elimina
  5. Ultimamente ciò che scrivi mi tocca molto da vicino. Su Pinterest colleziono frasi che mi ricordano quanto sia importante combattere per se stessi, per aver la forza di rivoluzionare la propria vita. Perchè la fortuna esiste, ma non ci si può affidare a lei; perchè ciò che gli altri vogliono (o ciò che abbiamo scelto) non sempre si rivela giusto.
    Leggerti mi aiuta a capire che con passione e volontà ce la si può fare!
    E sicuramente, quella bambina di otto anni sarà fiera della Emanuela di oggi :*

    Ali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. voglio leggere tutte le frasi che scovi su Pinterest! Chissà che carica trasmettono! :)
      Sono felice di poterti stimolare con i miei post. Non faccio nulla di speciale in fondo… parlo semplicemente di me :)
      Un forte abbraccio e grazie mille Ali!

      Elimina
  6. Interessante il tuo approfondimento di te stessa, pochi lo fanno con tanta sincerità alle volte si nasconde anche a se stessi. Si non bisogna mai costringere il proprio io a meno che questo non sia assolutamente necessario alle volte nella vita bisogna fare delle scelte anche se queste non vanno nella direzione che vorremmo...
    A me sarebbe piaciuto viaggiare, girare il mondo anche con un sacco in spalla ma sono nata troppo presto e con poche possibilità allora sia nel contesto sociale che risorse personali inesistenti. Oggi riesci a viaggiaro col sacco e con poco perchè ormai nell'ottica internazionale sono tutti pronti..proprio tutti no, ma trovi aiuti e possibilità per portare a buon fine il tuo sogno anche trovare qualche lavoretto per proseguire ...una volta no. Ma nel mio piccolo ho scelto un lavoro a me consono, ho potuto anche girare in Europa anche se per lavoro e sono sempre stata in contatto con il resto del mondo quindi, si è andata bene lo stesso alle volte bisogna trarre da quello che si ha avuto un risultato positivo. Sei giovane e allora vaiiiii la strada ora è aperta. Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è trovare la propria strada ed essere felici. Questo è quel che conta davvero.
      Grazie Edvige!

      Elimina
  7. "Un bambino può insegnare sempre tre cose ad un adulto: a essere felice senza motivo,
    a essere sempre occupato con qualche cosa,
    e a pretendere con ogni sua forza quello che desidera."
    Non aggiungo altro <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è il commento saggio e perfetto! <3

      Elimina
  8. Che dire Manu...complimenti a te che hai avuto questo coraggio di cambiare così presto!
    Non conoscevo la frase di Milton Berle.. bellissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace troppo, dalla prima volta che l'ho letta! :)

      Elimina
  9. Che belle parole, bisognerebbe leggere queste righe ogni volta che ci si sente abbattuti perchè a volte è più facile mollare tutto, girarsi dall'altra parte e dire "il mio treno non è passato"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci si rassegna spesso, ma per farlo senza sensi di colpa bisogna avere delle buone motivazioni.
      Meglio continuare a crederci altrimenti! Sempre :)

      Elimina
  10. Non posso che concordare con questo tuo pensiero, e non mi sorprende affatto che alla fine una persona dalle tue qualità abbia trovato la sua strada.
    Alla fine se abbiamo il coraggio non c'è niente che possa fermarci dal diventare quello che siamo nati per essere.
    Ultimamente ho vissuto un mese a bordo di una barca a vela, ed il comandante mi ha raccontato come da piccolo disegnò una barca a vela, e si stupiva come 40 anni dopo, rovistando tra i propri cassetti, quando trovò quel disegno si rese conto che la barca era esattamente la stessa con la quale vive ora.
    Quando me lo raccontò, non mi stupì per niente.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bellissima questa storia del comandante, non può che rendermi ancora più sicura che da bambini si capiscono molte più cose che da adulti. Forse perché abbiamo meno influenze esterne, forse perché siamo più NOI.
      Grazie mia bella Pam <3

      Elimina
  11. Bello il post e soprattutto utile come sprone per non continuare a stare al "proprio" posto accontentando sempre gli altri. Un ottimo inizio giornata, grazie Manu!

    RispondiElimina
  12. Secondo me ci sta anche provare strade diverse rispetto al sogno. Fare altri tentativi non fa altro che rafforzare quelle che sono le nostre vere passioni. Io mi sono trovata a lavorare in molti ambiti diversi per esempio; alcuni erano molto vicini a me, altri molto lontani. In ogni attività scoprivo quello che mi piace davvero, quello che mi sforzavo a fare al meglio ma che in realtà sentivo non faceva per me e ciò che invece non mi piace. Ad ogni strada diversa ho guadagnato qualcosa in più e mi sono anche resa conto per cosa valesse la pena lottare e per cosa no ^^ L'importante è che uno si renda conto ad un certo punto di cosa ama veramente e si metta ad inseguirlo senza farzi condizionare da quel sacco di cose che abbiamo intorno e spesso intralciano i nostri sogni.
    Bellissimo questo post ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo averti conosciuta dal vivo è ancora più bello immergersi nelle tue parole! :)
      Sì, forse è così.
      Sbagliare strada - se si può dire sbagliare - rafforza le vere passioni e chiarisce le idee. In effetti è quello che è capitato a me! :)
      Ti abbraccio forte forte forte… siluri in viaggio!

      Elimina
    2. Ora commentare i post ha tutto un altro sapore ^-^

      Elimina
  13. Quello che hai scritto è molto bello, e vale anche per me: da bambina avevo ben chiaro che cosa mi piaceva e che cosa mi rendeva felice, e infatti lo facevo tutto il giorno - scrivevo e creavo, con le mani e con la mente.
    Anche il mio percorso di studi, e, adesso, il mio lavoro, sono stati radicalmente diversi dai miei sogni d'infanzia, hanno seguito più la logica ed il buonsenso che il cuore. Mi hanno comunque portato delle cose buone, non dico di no, ma ciò che mi rende davvero felice e soddisfatta è sempre ciò che lo faceva quando ero bambina.
    Forse dovremmo ascoltare il nostro io di 8 anni più spesso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, il nostro io di 8 anni non va mica abbandonato così! :D
      A volte ce ne accorgiamo però troppo tardi… quando crediamo che imboccare un'altra strada sia impossibile. Never Give Up! :D
      Grazie Serena!

      Elimina
  14. bellissime parole! la cosa peggiore è rimanere fermi e rassegnarsi.

    RispondiElimina
  15. Capisco benissimo la tua sensazione, qualche anno fa mi è successa una cosa simile, ritrovando nell'angolo di un cassetto una poesia scritta a mano in francese: mi sono ricordata chi ero e cosa mi faceva sentire viva in un'età in cui l'unica cosa che fai è sognare, e mi ha aiutato molto (oltre a commuovermi, è successo anche a me!)
    "Non è un cambiamento se non fa paura" eppure, è l'unica cosa da fare per andare avanti: trovare il coraggio si seguire se stessi, il proprio cuore ed i propri sogni.
    Un abbraccio
    Life, Laugh, Love and Lulu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai scritto cose che approvo in pieno. Grazie per il tuo contributo Luisa ^.^

      Elimina
  16. te lo dico anche qui: quanto bella sei.
    Mi emozioni sempre ed è sempre stupendo quando ci regali un pezzettino di te, di Manu, di quella ragazza così semplice e bella che non posso fare a meno di adorare.
    ti voglio bene**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore tesoro mio <3 ti voglio bene!

      Elimina
  17. "Cambiare strada per dare forma ai propri sogni", ne so qualcosa, anche se questa strada è più ardua del previsto. Sono in un momento in cui l'obbiettivo, o meglio il "sogno" è annebbiato. Troppe delusioni scoraggiano e portano a convincersi che "forse non ce la posso fare, forse dovrei abbandonare, forse non sono all'altezza del mio sogno...perché forse...era solo un sogno...". Forse dovrei rovistare anche io da qualche parte tra vecchi ricordi...non ne ho molti qui perché son tutti a Milano, ma quelli di due anni e mezzo fa possono aiutare, ero ancora "coraggiosa" ai tempi :) grazie per il bellissimo spunto di riflessione, magari aiuta a farmi ritrovare l'entusiasmo perduto!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, ritrova quell'entusiasmo e riprendi in mano la tua vita per seguire le tue passioni, dai! :)
      Io sono con te!

      Elimina
  18. Hai proprio ragione Manuela! Chissà che emozione ritrovare quell'bigliettino. Purtroppo però, spesso ci vuole tempo per far avverare un sogno! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tempo, passione e determinazione. Nulla di impossibile! :)
      Un abbraccio a te Giulia!

      Elimina
  19. La maggior parte di noi ha dei sogni che con il tempo mette da parte. Li lascia in un cassetto, li tiene sepolti per insicurezza pensando che siano troppo grandi per realizzarli. A volte si arrende, a volte asseconda la vita e lascia fare alla quotidianità. Poi un giorno di qualsiasi età si sveglia dal torpore. Apre un cassetto in cui trova un vecchio ricordo, o sente una frase da uno sconosciuto che smuove qualche corda nascosta dell'anima. In quel momento si ritorna indietro e si pensa al perchè si sia gettata la spugna senza nemmeno provarci.

    Mai mollare i nostri sogni, a qualsiasi età riprendiamoceli e facciamo qualcosa per non guardarci indietro con un piccolo sorriso!

    Buoni sogni e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che belle parole! Grazie mille per questo commento Eleonora! :)

      Elimina
  20. I sogni sono una cosa a cui non dovremmo mai rinunciare, mai. Eppure spesso li si mette da parte, ahimè. Sono felice abbia ritrovato la strada che avevi sempre sognato. Baci.

    RispondiElimina
  21. Mi hai emozionata. Sarà che l'ho letto in un momento un po' particolare, sarà che mi emoziono sempre quando ti leggo così profondamente, sarà che mi rendono felici le persone che riescono.. Sei uno splendore, te lo dico spesso. E continua ad essere come sei, ascoltandoti, ponendoti domande, cercando di essere sempre in movimento. Ti abbraccio forte. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non sono tra le persone che riescono, ma sicuramente tra quelle che provano. Mai mai mai arrendersi tesoro mio <3
      Ti voglio bene, sei speciale!

      Elimina
  22. Dopo aver letto questo tuo post ti abbraccerei! Anzi... Stringerei forte quella bambina di 8 anni!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh Fra, grazie <3
      mi prometti una cosa? Insegnerai questo al tuo patato? Come inseguire i suoi sogni? :)
      E' il regalo più bello che una mamma possa fare al proprio figlio!

      Elimina
  23. un gran bel post, mi piace leggerti proprio per le emozioni che trasmetti sempre con grande semplicità ;)
    un abbraccio e buon week-end

    RispondiElimina
  24. mi hai commosso e fatto riflettere. devo costruire quella porta e migliorare la mia vita. e lo farò. ora più che mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e hai tutte le carte in regola per farlo! Un abbraccio Amrita!

      Elimina
  25. Ecco, questi sono i post che rigenerano l'anima!
    "Le passioni sono una meravigliosa condanna" che gran frase Manu :)
    un abbraccissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie! Detto da te, poi! :)
      Abbraccisssimoo

      Elimina
  26. A volte "perdiamo la retta via" a favore di percorsi che sembrano più "giusti" per noi. E invece no. per fortuna qualcosa o qualcuno ci rimette di fronte i nostri sogni e noi non dobbiamo fare altro che impegnarci per realizzarli! P.S. io da piccola voleva fare l'archeologa :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai! L'archeologa? Sai che un po' ti ci vedo? :)
      Grazie Monica, i tuoi commenti sono sempre preziosi. Un abbraccio!

      Elimina
  27. Non so...ultimamente mi st convinnedo che non ci siano delle strade veramente sbagliate. In fondo ogni strada percorsa (sia quelle sulle quali abbiamo camminato tanto, sia quelle sulle quali abbiamo mosso solo alcuni passi) contribuisce a renderci ciò che siamo. Io son piena di interessi diversi e ho iniziato vari commini: alcuni li ho lasciati dopo poco, altri li ho portati avanti per molto, altri li ho portati a termine...ma ognuno di essi mi ha lasciato qualche cosa. Siamo molte strade, di lunghezze diverse, ma intrecciate tra loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione. Ecco a cosa mi è servito questo post. Ho capito che la strada che ritenevo "sbagliata" mi è servita per formarmi :)
      Grazie mille, il tuo contributo è preziosissimo!

      Elimina
  28. Questa è una riflessione importante che le persone intelligenti dovrebbero fare di se stesse periodicamente. Fermarsi, capire dove si è arrivati, cercare di ricordare dove si voleva andare e se, questo è ancora quello che si vuole, trovare una strada per arrivarci. Non sempre è possibile, o non sempre è ciò che si vuole ancora... Ma se non ce lo si chiede, mai lo si scopre... giusto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già! :)
      L'errore più grande è aspettarsi dalla vita quello che noi stessi non le chiediamo.
      La vita bisogna costruirsela, no? :)

      Elimina
  29. E' stupendo quello che dici, tocca il cuore. E lo sento anche molto mio.
    Sto "lavorando" su quello che mi piace, sto facendo chiarezza. Le parole sono sempre state il mio mondo, il mio mezzo, e sono sempre tornate a me (così come i viaggi). Adesso sto cercando una via nuova, più adatta alla me di oggi e sono certa che le parole, la scrittura (forse anche i viaggi, ancora...) facciamo parte davvero della mia anima :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne sono certa anche io! E' bello trovare gente affine a me in rete, davvero!
      Io credo che le passioni tornino sempre a galla. Magari ci sono periodi in cui ci si dedica ad altro, ma se si è fatti per la scrittura, il disegno o il canto (o qualsiasi altra passione) prima o poi arriverà il momento in cui fare i conti con quelle doti innate che abbiamo cercato di reprimere invano.
      E per noi è arrivato il momento di dedicarci a quelle passioni, di non soffocarle più.
      Grazie per aver lasciato il commento qui sotto, mi fa immensamente piacere :)

      Elimina
  30. Io credo che il fatto di indirizzarci verso strade poco adatte a noi dipenda, talvolta, anche da chi ci circonda: magari lo facciamo per non deludere i nostri genitori, o per sentirci "uguali" ai nostri coetanei, o semplicemente perché ci hanno convinti che "la vita va così" e non c'è modo di cambiarla... però che tristezza! E' così bello avere dei sogni e lottare per riuscire a realizzarli! E anche se spesso è difficile far accettare, o capire, le nostre idee, penso non si debba mai, come dici tu, reprimere una passione per assecondare gli altri... in fondo la vita è nostra, quindi perché viverla come se non lo fosse?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed è proprio così. Chi ci circonda - a volte anche inconsapevolmente - ci influenza, è inevitabile. Sta a noi capire col tempo cosa vogliamo davvero. La vita è nostra :)

      Elimina
  31. Ciao Manuela,
    bellissimo post che condivido pienamente. Abbiamo qualcosa in comune: io dopo la laurea in Giurisprudenza mi sono guardata dentro e mi sono detta "Che cosa mi piace veramente fare?". Ecco, l'avvocatura è una strada che non ho percorso perchè, mi sono resa conto, di quanto più forte sia la passione per la scrittura, i viaggi, la fotografia ed il giornalismo. Ed eccomi qui. Con il mio blog e mille sforzi per farmi strada verso un sogno. E sono contenta così, non rimpiango niente.
    I sogni, le passioni, per me sono al primo posto nella ricerca di un lavoro. Mi rendo conto però che molte persone non hanno la stessa fortuna. Perseguire un sogno è una fortuna che hanno in pochi, purtroppo. ed è un'ingiustizia pazzesca.
    Un caro saluto,
    Carlotta.

    www.unapennainviaggio.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, non tutti hanno questa fortuna e me ne rendo conto. Ci sono anche quelle persone che potrebbero farlo ma si arrendono per pigrizia, paura o abitudine. I casi sono infiniti ma posso dire che in questi ultimi anni ho conosciuto tanta, ma davvero tanta gente con un cassetto pieno di sogni infranti. Ed è un vero peccato!

      Elimina
  32. Ed è proprio con questo post che ho scoperto il tuo blog e non ho esitato a scriverti un messaggio privato! sono giovane, ho 23 anni, e tanti sogni nel cassetto. Da quando lavoro la mia vita è completamente cambiata... sia in meglio che in peggio.
    Confesso che inizialmente ero quasi convinta di aver perso una delle mie più grandi passioni: viaggiare. Non è stato un momento facile per me, ti ritrovi dai banchi di scuola ad una scrivania e tante responsabilità.
    Purtroppo non faccio un lavoro che mi piace, o meglio, non faccio un lavoro che vorrei fare. Diplomata come perito turistico, con la voglia di avere sempre la valigia piena per partire... puoi immaginare la difficoltà iniziale. Ora ne sono certa, non smetterò di credere nel mio sogno. Credo che la serenità di una persona, valga più di uno stipendio fisso ogni mese. Lo so, molti mi hanno riso in faccia, mi hanno detto che con i tempi che corrono sarebbe una gran cavolata, ma la felicità? dove la mettiamo? mai smettere di sognare e di crederci, di questo ne sono fortemente convinta. E a volte, anche rischiando, è proprio dietro l'angolo. Ti stimo moltissimo, cercare di capire chi siamo non è semplice e soprattutto spesso veniamo frenati da mille paure. Spero un giorno di avere il tuo coraggio, nel frattempo dentro me sto capendo realmente cosa voglio. Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Letizia, grazie per questo commento. Mi fa immensamente piacere leggere le tue parole e sapere che un post come questo può realmente servire a qualcosa. Sia a me stessa che a chi legge. Sei giovane - più giovane di me - e hai tempo e risorse per farti valere e trasformare i tuoi sogni ed obiettivi in realtà. E anche se la gente ti ride in faccia (quanti lo fanno - e lo facevano con me - sapessi!), tu vai avanti per la tua strada! La felicità è un obiettivo ben più prezioso dell'opinione altrui. Un abbraccio!

      Elimina
    2. I tuoi post toccano sempre l'anima, hanno sempre quel qualcosa "in più" e sono contenta di averti scoperta. Ti ringrazio molto per la tua risposta, ne farò tesoro. Un abbraccio anche a te!

      Elimina
    3. grazie davvero. Mi fa un piacere immenso :)

      Elimina
  33. Ciao Manuela! Condivido ogni singola parola di questo post. Sono diventata mamma da pochi mesi ed ora mi trovo a dover abbandonare il mio lavoro dopo quasi 10 anni. Decisioni difficili e sofferte ma estremamente necessarie in un Paese nel quale le mamme (e le donne in generale) vengono spesso discriminate. Trovarsi ad un bivio è sempre difficile ma non è detto che la strada nuova non porti maggiori soddisfazioni di quella appena lasciata. "Cambiare strada per dar forma ai propri sogni" : leggerò questa tua frase tutti i giorni, come un piccolo mantra, e mi convincerò di aver fatto la scelta giusta, perché in effetti lo è! Avere più tempo per catturare i sorrisi di mio figlio vale mille volte di più di tutto il resto. Sogno una nuova vita da freelance! :-) Un bacione e grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la penso esattamente come te. Buon percorso.. sono sicura che ti porterà a grandi risultati :) Un abbraccio e grazie di cuore

      Elimina
  34. Bellissimo post! Mi sono identificata con le tue parole r la tua situazione. Io sono nella fase " ma perché ho fatto certe scelte che a pensarci non mi rappresentano affatto?" E voglio trovare il coraggio e la pazzia per rivoluzionare tutto, perché hai detto bene.. Non è mai troppo tardi per inseguire i propri sogni.

    RispondiElimina
  35. Un blog veramente utile, ricco di informazioni ed impressioni! articoli interessanti e immagini stupende! grazie e avanti così. Tanti saluti, Mario

    RispondiElimina
  36. Manuela le tue parole così semplici e sincere sono di grande ispirazione! :)

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: