varie viaggiare

Un nuovo Viaggio e la solita amica Ansia

giovedì, novembre 27, 2014Manuela Vitulli


Sono in partenza per un nuovo viaggio. Mi porterà in Belgio con l'Ente del Turismo, mi porterà alla scoperta dei mercatini di Natale e delle città di Bruxelles, Liegi e Mons - la Capitale Europea della Cultura 2015. 

Se sono felice? 

Sì, tantissimo. Non sono mai stata in Belgio e non vedo l'ora di scoprirlo per poi parlarvene qui. 
Anche stavolta non ho rinunciato alla foto di rito prima della partenza - ricordate la mia mania?
E anche stavolta devo fare i conti con una cara vecchia amica: l'Ansia

Probabilmente state pensando che io abbia paura di volare.
No, niente affatto. Adoro prendere l'aereo, adoro l'adrenalina che percorre il mio corpo e mi elettrizza al momento del decollo, adoro isolarmi guardando dal finestrino le soffici nuvole che sembrano batuffoli di cotone su cui saltare. Per me il volo è una delle parti più belle e importanti del viaggio. All'andata mi accompagna alla meta carica di aspettative, mentre al ritorno mi riporta a casa carica di ricordi. 
Ma comprendo chi (come mio padre e tanti altri individui al mondo) ha paura di volare - e a tal proposito vi consiglio questo simpatico post di Paola. Lei è una di quelle che, nonostante la paura di volare, non si arrende. E viaggia, eccome se viaggia! 

Ma torniamo a me e alla mia amica Ansia. 

Da quando ho iniziato a viaggiare frequentemente, assieme alla mia voglia implacabile di esplorare, c'è sempre lei a farmi compagnia. L'ansia. 
Da tempo cerco di scriverne ma non è semplice. Non è così facile ammettere i propri limiti e parlarne liberamente, almeno per me. 
Quando descrivo questa mia inspiegabile ansia da viaggio puntualmente mi viene detto "Ma come? Proprio tu? E perché mai?"
Già. E' una cosa folle. 
Qualche giorno prima della partenza - sia che si tratti di un viaggio breve sia che si tratti di un viaggio lungo - avverto una stretta allo stomaco e mi ritrovo in uno stato di sovraeccitazione nervosa. 
La voglia di partire è talmente tanta da causare un effetto opposto: l'entusiasmo irrefrenabile attanaglia mente e corpo. 
E se mi definisco una persona irrequieta è anche per questo. Perché non riesco a gestire in maniera serena le cose belle che mi offre la vita. 

Come rimediare?

Non lo so, non conosco rimedi. 
L'unica cosa che so con certezza è che, una volta in aereo, l'ansia inizia a perdere terreno. 
Allaccio la cintura, respiro a pieni polmoni, guardo fuori dal finestrino. 
E finalmente mi sento libera. E di nuovo serena.  

Se non posso combattere i miei limiti, posso imparare a conviverci
Tutto qui. 




You Might Also Like

60 commenti

  1. Manu vai e raccontaci tutto <3
    COme hai detto basta imparare a convivere con i propri limiti e il gioco è fatto!
    Buon volo, goditelo è così rilassante... meglio della SPA :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il volo è meglio di una SPA, concordo! :D Grazie Dani! :*

      Elimina
  2. Manu, sai che anche io provo la stessa cosa?
    E' come una sorta di fastidio generale, come se la routine del posto in cui ora vivi viene alterata. Ma a me, per fortuna, dura pochissimo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ricordo di aver letto un tuo commento in merito a questo tempo fa! Anche a me dura pochissimo, per fortuna! Il tempo di allacciare le cinture! :D

      Elimina
  3. ultimamente anche io sto prendendo spesso l'aereo e ti dirò che la tua ANSIA la capisco bene..è una sensazione strana da descrivere, misto di eccitazione e paura per il nuovo. Quando decolla l'aereo, l'ansia resta a terra e ti senti libera.
    In bocca al lupo Manuela! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. misto di eccitazione e paura per il nuovo - esatto.
      Crepi, e grazie mille per il supporto! :D

      Elimina
  4. Ti capisco benissimo e credo che questo dipenda molto anche dal fatto che viviamo ogni viaggio al 100%. Prima di partire mi faccio mille problemi: ho salutato tizio e caio? Ho stampato le prenotazioni? Ho fatto la ricarica al cellulare? E potrei continuare all'infinito :D La cosa bella è che poi quando inizia il viaggio, delle risposte non mi importa più nulla :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaha sì! Le prenotazioni! Le guardo e riguardo mille volte, come se i numeri e le lettere potessero trasformarsi da un momento all'altro! :D

      Elimina
  5. Sulla mia ansia da viaggio, cara Manuela, potrei scrivere una tesi di laurea. E bada che non parlo solo dei viaggi in aereo (li conto sulle dita di una mano), ma di qualunque spostamento... soprattutto se non ho il totale controllo della situazione e sono legato ad orari precisi. Hai detto bene, prima della partenza ci si sente irrequieti. Inizia la paura che un treno sia in ritardo, che un cantiere stradale mi rallenti impedendomi di essere all'ora giusta in stazione o in aeroporto, che ci possa essere uno sciopero. Studio un piano B e talvolta un piano C. Troppo lungo e complicato da descrivere in poche righe, e credo di non avere ancora imparato a convivere con questo problema, al punto che spesso rinuncio prima ancora di partire. Viaggio con la fantasia leggendo blog come il tuo, divorando guide turistiche, osservando migliaia di foto scattate da altri. Ogni tanto qualche viaggetto, quando le condizioni a contorno e la mia meticolosa organizzazione riescono a restituirmi la sufficiente tranquillità. Prima o poi dovrò lavorare seriamente su questa cosa che, certamente, mi sta parzialmente limitando.

    Ecco... magari scrivendo di questa mia paura e leggendo che altri hanno ansie simili ho fatto già un primo passo.

    Buon viaggio Manuela, aspetto tantissime belle foto, come sempre.

    Ciao,
    Flavio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "soprattutto se non ho il totale controllo della situazione e sono legato ad orari precisi" proprio così!
      Io penso che non sei solo, le paure vanno quindi affrontate anche grazie allo stimolo e alla condivisione dei limiti altrui.
      E' ora di fare un altro passo avanti, caro Flavio.
      Un abbraccio!

      Elimina
  6. Innanzitutto, buon viaggio :D
    Lo sai che un pochino ti capisco? La mia ansia però è più legata al fatto di dimenticare qualcosa di fondamentale o alla paura che le mie aspettative possano essere completamente distrutte, ma poi, appena parto, se ne va, anche se ho lasciato a casa qualcosa non posso di certo tornare a prenderla e se rimarrò delusa pazienza, almeno ci ho provato. :)
    L'ansia da "esaltazione" invece sono riuscita a trasformarla in pura euforia, tanto da non dormire mai la notte prima della partenza. Mi sveglio circa ogni ora, guardando l'orologio e chiedendomi "quanto manca?", come un bambino in auto che non vede l'ora di arrivare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fantastico, che bello leggere queste testimonianze d'euforia! :D
      Mi sento un po' meno sola!

      Elimina
  7. che spettacolo Manu!! Buon viaggio :-) e poi.. pure a me prende sempre un nodo allo stomaco sai??? Ti capisco alla grande !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se lo dici anche tu Dany che viaggi tanto, sospiro di sollievo! :D
      Grazie mille!

      Elimina
  8. Parlarne e ammettere un "problema" è già il primo passo verso la guarigione :-) Non devi vergognarti di questo "limite" l'importante è che tu sappia gestirlo e a quanto dici sembra che te la cavi alla grande ^_^
    Ti auguro un felice viaggio tesoro e non vedo l'ora di leggerti al tuo rientro :-)

    RispondiElimina
  9. Ansia è il mio secondo nome. Ti capisco.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Capita anche a me, prendo la mano del mio moroso durante il viaggio in aereo e gliela stritolo e fino a quando non arrivo in Hotel non passa ( e non ho paura di volare!!). Mi piace vederla così: non siamo ancora abituate a viaggiare ed ogni volta ci emozioniamo....bisogna continuare a farlo, chissà che prima o poi passi ;-) ! Buon viaggio cara!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io penso che il bello è proprio questo: non abituarsi mai!
      Quando ci si abitua, beh, diventa tutto una routine! Meglio l'euforia e l'emozione, sempre! :)

      Elimina
  11. Capisco, Manu! A me prende l'ansia quando è un po' che non viaggio e di fronte a me non ci sono partenze ma... convivo anche io con "essa" e mi sto attrezzando per migliorare! Copriti bene, il Belgio è freddo, e fai scorpacciate delle più buone cioccolate al mondo!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gloria, quanto capisco anche "quel" tipo di ansia!
      Bisogna conviverci, anche se gli animi curiosi fanno fatica. Lo so! :)
      Grazie mille e un forte abbraccio [hai ragione, la cioccolata è super!]

      Elimina
  12. Ma sai che è normalissimo che succeda? Anche le persone più tranquille, anzi direi soprattutto loro vengono colpite. Io che sono una persona molto nervosa, non soffro spesso di ansia da viaggio ma mi prende una strana nostalgia... Soprattutto per Tilde. Poi una volta iniziata a vivere l'esperienza che da tanto aspetto, tutto passa ed è meraviglioso, così tanto che non vedo l'ora di rifarlo! Aspetto il tuo Belgio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Stefy! :) Immagino che anche per il Vietnam sia stata la stessa cosa!
      Ma che magnifica esperienza stai vivendo!!! Buon #VietnAMO! :*

      Elimina
  13. Sai quanto ti capisco Manu!
    Ti invidio (nel senso buono!) anche un po' per la capacità di rilassarti in aereo.
    A me succede che tutta "l'ansia da viaggio" viene surclassata dalla paura del volo (che non mi ferma però!), che se ne va solo al ritorno, quando ho di nuovo i piedi a terra.
    Credo siano sensazioni che appartengono alla bellezza stessa dei viaggi: sono emozioni. Positive o negative che siano, noi viaggiatori incalliti viviamo di emozioni, sono queste che ci fanno sentire vivi, che ci fanno sentire "noi"... Potremmo chiamarla la "condanna del viaggiatore" :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la dolce condanna del viaggiatore, già :)
      Sono emozioni e strane sensazioni legate esclusivamente al viaggio, ma ammetto che senza di esse mi sentirei un po' persa, un po' vuota. Grazie Lu <3

      Elimina
  14. Io sono una persona all'opposto dell'ansia ma sono sicura che appena metti piede in Belgio vedrai che l'ansia sparisce :)
    Buon viaggio :)

    RispondiElimina
  15. L'ansia in Belgio si combatte col cioccolato e funziona, fidati! Te lo dice una Belga (Letizia) che ha lasciato la patria della birra e del cioccolato dieci anni fa ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma davvero? Sei belga? :D Wow!
      E' vero, con la cioccolata si combatte tutto! Troppo buona la vostra! *.*

      Elimina
  16. L'ansia da viaggio è un brutta bestia! Pensa che prima di un viaggio tanto desiderato (Islanda) ho avuto dei fortissimi giramenti di testa, era proprio il giorno prima della partenza. Sono andata dal mio dottore (omeopata è anche un po' sciamano ;-) che dopo avermi controllato i valori ed aver visto che stavo bene a livello parametri/salute ecc mi ha chiesto: "Per caso sei alla vigilia di un evento a cui tieni molto?" :-D
    Da allora ho capito quanto la mente può influenzare il corpo e che buona parte di quello che sente il corpo ha origine psicosomatica!
    Anch'io ho un po' di ansia nei giorni prima, poi quando salgo in aereo -tac- si spegne.
    Buon viaggio! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto, io somatizzo un sacco - pensa che soffro di colon irritabile e l'unica cura scoperta (per me) finora è il VIAGGIO! :D
      Grazie mille Cristina :*

      Elimina
  17. All'inizio del post non capivo bene.. poi quando ho letto "Non riesco a gestire in maniera serena le cose belle che mi offre la vita" mi sono detta: Eccola!! Avrei potuto scrivere io questa frase!
    Quanto ti capisco... Vai vai che tutta l'ansia che hai prima poi la sfoghi benissimo con i tuoi post!
    Buon viaggio Manu

    RispondiElimina
  18. AnsiaPrePartenza ci sta tutta!
    Spesso l'ansia di arrivare al più presto e vedere quanto più possibile!
    Di nuovo Buon Viaggio :*

    RispondiElimina
  19. Io credo di aver sentito quel tipo di ansia che hai tu quando ero più piccola sempre la notte prima di andare a Gardaland. La cosa mi eccitava talmente tanto che mi prendeva l'ansia di notte, perché non vedevo l'ora, perché avevo paura di non svegliarmi all'ora giusto o peggio che non si svegliassero i miei. Insomma un'ansia assurda ma che c'era, la sentivo proprio.
    Ora sono ancora eccitata come una bambina quando decido di andarci ma l'ansia fortunatamente è volata via.
    Tu non fermarti mai, prima o poi andrà via da sola! :-D

    RispondiElimina
  20. Io non sono una persona ansiosa in generale, ma ho il tuo stesso problema. E' sempre stato così, il giorno prima di una partenza, se questa prevede un volo aereo, io ho l'ansia. Naturalmente non ho paura di volare, anche se non lo trovo più eccitante come un tempo, diciamo che ora preferirei il "teletrasporto" :-D
    Ma prima di un viaggio ho quella sensazione che mi prende alla bocca dello stomaco, come se fosse un misto di eccitazione e paura allo stesso tempo, riesce anche a togliermi la fame (evento raro per me).
    Però poi salgo sull'aereo e magicamente passa tutto, e sono pronta a godermi la mia nuova avventura!
    Quindi soffriamo della stessa malattia, ma direi che è la più bella malattia del mondo!!!
    Buon viaggio! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io! Mi succede solo con i voli aerei, pur non soffrendo di paura di volare :)
      Sì, è la più bella malattia al mondo. Ne sono certa! :*

      Elimina
  21. la mia ansia invece è data proprio dall'aereo! come tu ben sai non mi faccio fermare ma sono al 100% tranquilla solo una volta a casa mentre spacchetto lo shopping fatto in viaggio ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavoletti, ma tu sei forte comunque!!!! :D
      Viaggi lo stesso - e fai bene! Un esempio per molti :)

      Elimina
  22. Sarà stato mica dato il nome sbagliato ad un'emozione? ;)
    ...e se non fosse ansia?

    RispondiElimina
  23. il Belgio è spettacolare, divertiti!!!
    L'ansia, per quanto mi riguarda, mi attanaglia il giorno prima della partenza e mi lascia solo quando tocco terra dopo il volo -.-'

    RispondiElimina
  24. Le cose belle si affrontano con il mal di pancia... :)

    RispondiElimina
  25. Mi piace leggere delle ansie altrui: mi ci rivedo, e colgo uno spunto in più per rifletterci su.
    L'esperienza e i lunghi viaggi e permanenze all'estero mi hanno insegnato questo: con i proprio limiti si impara a convivere, ma si devono anche combattere. L'ansia è uno di questi. Il mio rimefio sono il Training Autogeno e la meditazione, ovvero il rilassamento che deriva dal concentrarsi sull'aria che entra ed esce dalle narici. Sono tecniche efficaci che, una volta apprese e interiorizzate, posso essere utilizzate con successo nell'ansia del pre-partenza.
    Certo, non si può combattere del tutto, ma calmarla sì: giusto per eliminare la parte che ci blocca, e tenere l'adrenalina giusta che ci lascia scrivere e vivere anche in questi momenti di euforia mista a paura.
    Buon viaggio Manu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e io adoro ricevere i tuoi commenti e leggere i tuoi consigli :)
      Ne farò tesoro, grazie mille Eli!

      Elimina
  26. Ormai ogni ansia sarà scomparsa e allora attendiamo i tuoi racconti! E poi chi dice che l'ansia sia solo negativa? ;-)

    RispondiElimina
  27. Sinceramente quest'ansia non l'ho mai provata, in generale non provo molta ansia, però l'aereo non mi piace affatto >_< e non perché abbia paura di volare, quanto più per il fatto che mi sento come imprigionata e ogni volta non vedo l'ora di scendere. Non so perché mi faccia quest'effetto perché i posti chiusi non mi danno fastidio e anche i posti pieni di gente non mi turbano, ma l'aereo mi fa come innervosire... bah.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse perché l'aereo è un po' un controsenso... per chi ama viaggiare è una "prigione" - a breve termine - per raggiungere la meta :)
      Ma io lo trovo bellissimo. Amo osservare le nuvole e i colori del cielo dal finestrino!

      Elimina
  28. A me l'ansia viene quando atterro nell'aeroporto di casa … -_-
    A parte gli scherzi, mi dispiace leggere questo .. ti chiederei se stai facendo quello che veramente vuoi, anche se non ho molti dubbi in merito visto il tuo sano e meraviglioso entusiasmo .. Ma ogni tanto non mentiamo solo agli altri ma anche a noi stessi, talmente bene che non ce ne accorgiamo nemmeno …

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pam! :)
      Il mio problema è che somatizzo troppo. E tendo a trasformare le preoccupazioni in ansie. Per fortuna sono ansie momentanee. Mi basta mettermi seduta comoda in aereo e l'ansia va via.. mentre prendo il volo! :)

      Elimina
  29. Colpisce anche me, per questo io devo avere pianificato tutto alla perfezione prima di partire per avere la sensazione di avere tutto sotto controllo e poi ho sempre una paura pazzesca di non riuscire a prendere l'aereo in tempo, la mia ansia sparisce solo quando ho posato le valigie nella camera d'albergo xD

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: