puglia Salento

Ode al pasticciotto e alla cucina salentina

giovedì, novembre 20, 2014Manuela Vitulli


Finalmente un post dedicato alla cucina salentina, ma soprattutto al mio primo amore.
Un amore sofferto, un amore a distanza, un amore di quelli struggenti che ancora oggi non riesco a superare.
Una storia complicata quella tra me e mister pasticciotto che, tuttavia, sa sempre come farsi perdonare quando arrivo in Salento. Solo allora le papille gustative sono pronte a far festa e a ricongiungersi a quei sapori sublimi che conoscono da più di vent'anni.
Ode al pasticciotto

Mia madre è salentina - l'avrò ripetuto decine di volte, fin troppo orgogliosa delle mie origini - e quindi la cucina della sua terra da sempre è anche parte della mia vita, la sento mia
Perché il Salento non è solo fatto di spiagge paradisiache dalle acque cristalline. Il Salento è storia, cultura e tradizione
Il Salento a cui sono più legata è quello del buon cibo che rifocilla lo spirito e sazia la mente. 
Il cibo come attimo di convivialità, come collante delle piccole e delle grandi cose. 
Dal sacchetto bianco di municeddhi - lumache di campagna - che mio nonno acquistava per mia madre dal mercato, al profumo intenso dei mustazzoli - dolci di origine araba, nel sacchetto della foto qui sotto - della zia, fino alla felicità nel trovare, appena sveglia, un enorme vassoio di caldi pasticciotti pronti ad addolcire la giornata. Uno dei tanti regali dello zio del cuore.

I piatti tipici salentini per me rappresentano la famiglia, la tradizione, la purezza e la bellezza delle cose semplici e genuine

Vorrei farvi innamorare del lato gastronomico del Salento, un aspetto di cui si può godere tutto l'anno. 
Per far questo parto proprio dal pasticciotto, di cui prima vi ho parlato in chiave un po' ironica -anche se in realtà scriverei davvero un'ode in suo onore. 
Il pasticciotto è un dolce in pastafrolla ripieno di crema pasticcera. Lo so, detto così sembra un dolce come un altro, ma vi assicuro che è divino. E chi lo conosce confermerà. 

Ultimamente molte pasticcerie propongono una versione black del pasticciotto, soprannominata Obama. Io continuo a preferire il pasticciotto tradizionale, ma ammetto che la nuova versione non è niente male!



Il rustico leccese è la specialità salentina che, insieme al pasticciotto, è in cima alla mia personalissima classifica. Ripieno di besciamella, mozzarella e pomodoro, è un prodotto di rosticceria ed è fatto di pasta frolla cotta al forno. 
Adoro gustarlo passeggiando per le vie del centro storico di Lecce, ma spesso ne acquisto qualcuno dal mio panificio di fiducia prima di andare in spiaggia, come nella foto qui sotto.



Non ricordo con precisione quando ho assaggiato per la prima volta lu purpu alla pignata.
Mia madre lo prepara da sempre, tanto che, quando quest'estate l'ho ordinato in un ristorante a Porto Cesareo, non credevo fosse possibile che il mio ragazzo non l'avesse mai mangiato!
Si tratta di polpo cucinato nella pignata e spesso accompagnato dalle patate. Un piatto semplice risalente all'antichità. 


La cucina salentina è molto ampia e propone specialità molto differenti tra loro.
Gran parte dei piatti sono poveri in quanto risalenti alla tradizione contadina, mentre alcuni - come ciceri e tria e i mustazzoli - sono stati influenzati dalla cultura araba.
E le amatissime frise - che a casa non mancano mai - sono invece di origine greca.
Sì, il Salento è una miscela di sapori e un incontro di culture.

Per i più curiosi ho trovato questa simpatica e interessante infografica. Una vera e propria guida enogastronomica del Salento.
Se non vi ho convinti io, ci penserà lei! :)

Infografica nelsalento.com

Non posso terminare questo post senza parlarvi di un'altra leccornia salentina da capogiro - che non è stata inserita nell'infografica: i purcidduzzi
Altrove detti strufoli, i purcidduzzi sono dei dolci tipici delle festività natalizie e del carnevale. 
Queste piccole palline passate nel miele hanno un aspetto apparentemente innocuo, ma state pur certi che vi ritroverete ad affondare le mani nel piatto per mangiarne una dopo l'altra, fino a terminarle. 
Sono una droga e non c'è dieta che tenga - e questo vale per tutta la cucina salentina.  




You Might Also Like

56 commenti

  1. Sono le 9:30 e vorrei mangiare un pasticciotto, un rustico e un purciduzzo ^-^ come i porci!
    In Sardegna ci sono dei dolci che si chiamano mustaccioli, ma sono diversi d'aspetto! Chissà se hanno qualche origine in comune!
    Si si, il Salento si merita un ode al cibo ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah io ne vado pazza! La cucina salentina è qualcosa di impareggiabile, peccato che spesso ci si fermi solo alle spiagge!
      Ti abbraccio Vale!

      Elimina
  2. Gli strufoli credo che siano di natura campana. Poi sono stati riadattati nelle altre regioni del sud
    In ogni caso, io li mangio OVUNQUE ... sono irresistibili!!!!!!!!!! :-)))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. probabilmente sì, è sempre difficile risalire alle vere origini in questi casi :)
      Ad ogni modo, sono squisiti ovunque! :D

      Elimina
  3. Bel post (da buona salentina ;-) )!!!

    RispondiElimina
  4. Il pasticciotto mangiato a Otranto (forse proprio in una pasticceria che consigliavi tu, può essere?) ancora caldo e fragrante con una crema buonissima, me lo ricorderò fino alla fine dei miei giorni! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. può darsi, ne ho parlato tempo fa in un vecchio post :)
      Ma come si fa a resistere al pasticciotto? Ci provo da anni!

      Elimina
  5. Io AMO le lumache! Mi ricordano l'infanzia, la casa al mare, la pioggia e i miei nonni che le spurgavano per poi cucinarle. Ah, da noi si chiamano "ciammaruche" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche mio nonno, sai? Ricordi molto simili :D

      Elimina
  6. non esagero se dico che in questo momento farei qualsiasi cosa per un piatto di ciceri e tria. E, sono sicura, Vittorio farebbe altrettanto per un piatto di purpu alla pignata.
    Oh, che nostalgia! Due dei piatti più buoni mai assaggiati nella nostra vita! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, come Vittorio, farei di tutto per lu purpu alla pignata! :D
      Beh, tesoro mio, qui c'è bisogno di una cena in Salento.. in nostra compagnia ovviamente ;)

      Elimina
  7. Ti ruberò tutte le schede.
    I Porcedduzzi a me piacevano senza quelle praline. E ovviamente e assolutamente SENZA miele.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nooo! Per me il miele è sacrosanto, sai? :D

      Elimina
  8. Non dovevi farlo... ora ho fame e voglia di tutte queste cose.
    Come faccio? :(

    RispondiElimina
  9. *______________*ohhhhhhhhh mamma ma mi hai fatto venire una fame!^_________^*____________*

    RispondiElimina
  10. Il pasticciotto non mi ha fatto impazzire..troppo dolce per me! Io sono un'amante del salato..
    Ma ho letto Rustico Leccese???! Quanti ne ho mangiati ad agosto???! BUONISSIMI!!
    Mi hai fatto venire famissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho detto, insieme al pasticciotto c'è il rustico sul podio! :D

      Elimina
  11. noooo ho letto il post proprio all'ora di merenda!!!

    RispondiElimina
  12. Uffa ma mi vuoi maleeeeeee. Conosco ed ho gustato negli 8 anni che passavo le vacanze nel Salento la maggioranza dei piatti citati. No alle frattaglie ovine, no alle lumache, no alla purpete in estate non ci stava ma le altre si. La signora custode assieme al marito del campeggio preparava queste cose e siccome mia figlia (4 anni) era sempre li a gironzolare la mandava a casa poi con queste leccornie..per noi tutto risparmio visto che di soldini non ne avevamo tanti. Si mangiava anche con quello che pescavamo noi fiocina, rete e martelle (datteri). Ricoro i lampasciuni che lei puliva seduta fuori dalla casetta e mia figlia che a costo di scorticarsi le dita voleva fare anche lei. Mamma mia sono passi 44 anni.....ma ci sono ritornata per 3 giorni 5 anni fa. Ciaooooo vado a rileggermi ste meraviglie. Buona fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edvige, sono felicissima di averti fare un tuffo nel passato tra ricordi felici e piatti squisiti :)
      Buona settimana a te!

      Elimina
  13. Un piatto + gustoso dell'altro..mi hai fatto venire fame, mannaggia a te :-P

    RispondiElimina
  14. Vivo in una famiglia che non ha alcuna origine pugliese, ma che ha sempre amato il Salento (ma in generale la Puglia): mio nonno ci passava almeno due giorni alla settimana per lavoro e mia mamma ha sempre subito particolarmente il fascino delle tua terra. Io ci sono passata velocemente anni fa, in giro con il camper, e ricordo ben poco.
    Ora mi piacerebbe davvero visitarlo, e vedendo le prelibatezze che avete, ammetto che la curiosità cresce ancora di più!
    Chissà che la prossima estate non sia la volta buona?

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero tanto Ali! E dobbiamo vederci, questo è assicurato :)

      Elimina
  15. Cara Manuela, se volevi farmi innamorare della cucina salentina, ti assicuro che ci sei perfettamente riuscita, e mi piace quando dici che è cibo che rifocilla lo spirito e sazia la mente. Purtroppo non conosco questo tipo di cucina, con una sola eccezione: la "Tajeddha" che ho anche fatto in occasione di una sfida dell'MTC nel lontano maggio 2013! Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto che tu riesca a cimentarti in questa cucina per poi parlarcene tra le pagine virtuali del tuo blog :D

      Elimina
  16. Abbiamo decisamente l'acquolina in bocca!
    Ecco se era questo l'intento ci sei riuscita in pieno!
    TroppoTroppo buoni i pasticciotti!
    (Ovviamente anche tutte le altre cose!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pasticciotti in primis! :D Grazie ragazzi (sì, l'intento era quello!)

      Elimina
  17. che goduria la cucina salentina, per non parlare del pasticciotto leccese, roba da svenimento ;)
    buona domenica

    RispondiElimina
  18. Il pasticciotto salentino mi piace da matti, invece per il rustico leccesse dovrai perdonarmi, ma non riesco mai a mandarlo giù, buono ma tanto pesante... gli ultimi da me si chiamano strufoli in effetti, non li mangio da una vita... mi hai messo una fame con questo post! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti perdono dai, ma solo perché ami il pasticciotto :D
      Ma quando torni in Puglia? :D

      Elimina
  19. cara Manuela, scopro il tuo bellissimo blog tramite Moz ed Eli e l'ultimo tuo post mi fa ricordare il piacere speciale e unico delle mie incursioni nelle pasticcerie salentine due estati fa. Grazie e che voglia di tornare in Puglia, in Salento e tra le vostre meraviglie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gloria!
      Per me è un immenso piacere averti qui, tra le pagine virtuali del mio blog.
      Less is Sexy è un blog che tutti dovrebbero leggere [no, non scherzo]. Complimenti a te:)

      Elimina
    2. Grazie a te, Manuela! Per il bellissimo commento che hai lasciato al post di oggi (che non sto sostenendo come dovrei e merita!), perché sei una persona che sono davvero felice di avere incontrato e conosciuto più da vicino, perché il tuo è un bellissimo blog, con tanta umanità. Un blog speciale :) Seguo!

      Elimina
  20. Ciao Manuela bellissimo il tuo post sulla nostra amatissima cucina salentina, scopriamo con immenso piacere che hai origini salentine e che porti nel cuore ricordi ed emozioni legate alle nostre stesse tradizioni. Tra salentine ci si capisce :) Noi abbiamo dedicato un blog a questa grande passione, se ti va passa a trovarci troverai tante ricette tra quelle che hai citato e che sono anche le nostre preferite! Ti aspettiamo in Salento www.spizzicainsalento.com un abbraccio Daniela e Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per anni ho invidiato i miei cugini in Salento, ci credete? :D
      Avrei voluto vivere lì, tra rustici e pasticciotti!
      Adesso sono ancora innamorata del Salento - sia chiara - ma in maniera più razionale.
      Grazie mille ragazze! Un abbraccio :)

      Elimina
  21. Ok, mi hai fatto venire fame! Famissima!!!

    RispondiElimina
  22. Questo è il post giusto per il mio compleanno, ci volevano proprio dei dolcini :)

    RispondiElimina
  23. Grazie mille per avere ripreso la nostra infografica, vedo che è molto piaciuta e ne siamo contentissimi.

    CI siamo accorti che mancano altri piatti della tradizione e stiamo già lavorando ad un'altra infografica con il resto...

    grazie ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a voi! L'infografica è meravigliosa, è piaciuta tanto a tutti! Aspetto i nuovi piatti della tradizione allora :)

      Elimina
  24. Mi uccidi con tutta questa bontà! :°D
    Ho avuto l'onore di assaggiare la cucina pugliese e sono rimasta a bocca aperta nonostante sia siciliana e anche qui non si scherza per niente in merito al cibo, però sia calabria che Puglia contano prelibatezze infinite!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha sì, abbiamo tantissime prelibatezza, confermo! Ma penso che tutta l'Italia abbia una cucina strepitosa. Non trovi?

      Io però preferisco sempre la pugliese :D

      Elimina
  25. Uhmmm ... Il Salento è la mia debolezza in assoluto; forse perché è il posto che conoscodi più, ma ogni anno anno mi impongo di conoscere qualche altro luogo anche perché spostarsi in Puglia lo trovo molto agevole.
    Il mio punto di ormeggio è Castro Marina e da lì mi muovo! Ciao! Ai prossimi assaggi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Castro Marina per me è uno dei luoghi più belli del Salento! E che mare da favola!!!!:)

      Elimina
  26. Mmm...che fameeee, e che vergogna...io in Salento non ci sono ancora mai stata!:(

    RispondiElimina
  27. Sono Elena_love_t di instagram e, a parte il fatto che ho già pranzato ma comunque sia vorrei sfondarmi di pasticciotti ORA, complimenti per il blog!!!
    Ho letto tutti i post a proposito del Salento e non vedo l'ora di partire...sono certa che arriveranno solo cose positive da questa vacanza! un bacio :)

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: