America Costa Rica

Viaggio in Costa Rica: itinerario breve

venerdì, ottobre 31, 2014Manuela Vitulli




Se siete arrivati fin qui probabilmente state progettando un viaggio in Costa Rica.

O forse siete qui per caso e non avete mai pensato a un viaggio in questo Paese. 
E troverete conforto nelle mie parole, perché fino allo scorso anno nemmeno io pensavo minimamente di andarci.
Non perché non mi piacesse, ma beh, il Costa Rica non è una meta molto gettonata tra gli italiani. Anzi, a dirla tutta non se ne parla mai. L'unica volta in cui questo Paese ha fatto un po' di rumore? Quando i ticos - i costaricensi - hanno battuto l'Italia durante gli ultimi campionati mondiali di calcio. 
Ma forse è meglio cambiare argomento... 

Prima di scegliere il Costa Rica mi sono lasciata ispirare dalle foto che "sprizzano natura" da tutti i pori. Perché il Costa Rica - l'ho detto tantissime volte - è un tassello verdissimo del puzzle terrestre
Complice un volo super economico da New York (poco più di 200 euro a/r) con Spirit Airlines, mi sono lasciata sedurre. E così, tra Maggio e Giugno, sono stata otto giorni in Costa Rica per un viaggio on the road.
In questo post voglio provare a fornire qualche informazione utile per coloro che si accingono a visitare questo Paese - e sulla mappa, come al solito, trovate il mio itinerario in auto. 



  • Tappe: San Josè  > Vulcano Poàs  > La Fortuna - Vulcano Arenàl > Monteverde > Manuel Antonio > Alajuela 
  • Mezzi utilizzati: auto 4x4, noleggiata in aeroporto (da Hertz, con assicurazione inclusa, al costo di circa 320 euro per 8 giorni - quasi 400 dollari)
  • Periodo: Maggio-Giugno, bassa stagione, con alto rischio piogge (ma considerate che in Costa Rica c'è la foresta pluviale, quindi la pioggia non dovrebbe spaventarvi).
  • Persone: due, io e il mio ragazzo.

Piccola premessa. 
Sono arrivata a San José dopo aver trascorso una notte in aeroporto per colpa della compagnia Spirit Airlines. Quindi sì, guardate i prezzi bassi e allettanti, ma prima di fidarvi siate più furbi della sottoscritta: portate con voi un documento con i diritti dei viaggiatori


Prima tappa: San Josè

San Josè, Costa Rica

San Josè è la capitale del Costa Rica (ne ho già parlato qui). Sarò sincera: come gran parte delle capitali centro-americane, non ha nulla da offrire. Nulla. 
E' stato forse l'unico posto in cui mi sono sentita poco sicura, con gli occhi puntati su di me. Ma i costaricensi hanno bisogno di sciogliersi. 
Girando per la città ho avvertito una sorta di malinconica tristezza, non tanto sui volti della gente quanto sulle pareti. I murales e i graffiti a volte sono i portavoce della società.

Cosa vedere: il Mercato Central. La cucina è ottima e i prezzi sono molto molto economici (abbiamo speso circa 11 euro in due per un pranzo abbondante), quindi vi consiglio di fermarvi qui per i pasti.

Dove dormire a San Josè: nella guest-house di Patrick, Casa Lèon. Abbiamo dormito qui pagando circa 28 euro. E l'accoglienza di Patrick è senza paragoni. 

Perché visitare San José: non è una meta da non perdere, ma la si può visitare per farsi un'idea della "città". Qui ho visto vendere figurine, ho visto gente sul cornicione dei palazzi - e non per suicidarsi, ma semplicemente per lavoro, di routine insomma. San Josè è un salto indietro nel tempo. Una città che si è fermata ai nostri anni '70, forse anche più indietro nel tempo. 


Seconda tappa: Vulcano Poàs

Vulcano Poàs, Costa Rica

Il Vulcano Poàs dista circa quaranta minuti da San Josè. Vi si arriva spostandosi verso nord.
Custodito da un Parco Nazionale, questo vulcano presenta il cratere attivo più grande al mondo ed è avvolto da una misteriosa nube di gas solforoso. 
Per l'escursione nel parco in autonomia occorre una mezza giornata (ne ho parlato in questo post). 
Visto lo spettacolo incredibile che regala, consiglio vivamente questa tappa. 

L'ingresso al parco costa 10 dollari.
E' consigliabile arrivare in prima mattinata, prima che il vulcano venga completamente avvolto dai gas.


Terza tappa: Vulcano Arenàl - La Fortuna

La Fortuna e il Vulcano Arenàl, Costa Rica

Il Vulcano Arenàl, per me, è uno dei posti più belli in assoluto (ne ho parlato qui). 
Si può esplorare e stare a contatto con la natura nel Parco Nazionale del Vulcano Arenàl (l'ingresso anche qui costa 10 dollari), ci si può mettere alla prova con gli sport estremi proposti, si può scalare il Cerro Chato, si può provare la cucina locale in una delle tante soda... e ci si può rilassare.
Sì, al Vulcano Arenàl mi sono rilassata più che mai. Dove? Alle terme Baldi.
Lo stabilimento termale più bello che abbia mai visto sinora sia perché sorge alle pendici del vulcano, sia perché essere a  mollo in una delle tante piscine di sera e sotto la pioggia, beh, è una goduria senza paragoni. Credetemi. 

Dove dormire: noi abbiamo soggiornato al Cerro Chato Ecolodge, in un bungalow immerso nella natura. Gli ecolodge sono delle strutture che non deturpano l'ambiente, ma rispettano la natura e la valorizzano. Si tratta di sistemazioni perfette per chi in viaggio sposa la filosofia del turismo ecosostenibile.

Dove mangiare: in una delle tante soda ("ristorantini" locali economici e molto rustici) a La Fortuna, il paesino che sorge alle pendici del vulcano. Qui ho fatto un bellissimo incontro... forse ricorderete la storia di Ingrid.

E questo è un video stupidissimo che abbiamo girato nel Parco Nazionale del Vulcano Arenàl, in una delle pochissime mattinate dal cielo terso.




Quarta tappa: Monteverde


canopy, Monteverde, Costa Rica

Il Vulcano Arenàl e Monteverde sembrano vicini, ma non lo sono. Già, perché per andare da un punto all'altro bisogna letteralmente circumnavigare il lago Arenàl. E per far questo occorrono più di tre ore. 

Monteverde è un luogo avvolto dalla foresta nebulare, è natura allo stato puro. 
Potrete imbattervi in ranocchi, volatili particolarissimi, animali curiosi. 
Ma c'è un motivo per cui non si può non fare tappa a Monteverde: il canopy tour
Ovvero, una figata bestiale.

Il canopy tour permette di volare tra gli alberi per quasi tre ore sfrecciando nella fitta vegetazione della foresta. Immaginatevi sospesi in aria, avvolti da un'infinito tappeto naturale. Un'emozione che non avevo mai provato e che consiglio a tutti. Davvero a tutti.
Difatti, per il canopy non occorrono particolari doti. Bambini, ragazzi, anziani... chiunque può osservare la naturale da lassù, in maniera privilegiata. 

Il canopy tour costa circa 45 dollari a persona (qui il mio post completo).


Quinta tappa: Manuel Antonio

Manuel Antonio, Costa Rica

A Manuel Antonio finalmente ho rivisto il mare (l'oceano Pacifico). E mi sono sentita un po' a casa.
Un posto perfetto per chi ama il surf o vuole semplicemente dedicare qualche giorno al mare e alla natura incontaminata.
La spiaggia più bella, Playa Manuel Antonio, è racchiusa nell'omonimo parco naturale (l'ingresso anche qui costa 10 dollari) che consiglio di non perdere.
In questo post ve ne parlo meglio e vi spiego perché secondo me una guida può rendere più piacevole l'esperienza.

Nota dolente: Manuel Antonio è una meta tutt'altro che low cost. Già. E' una delle tappe preferite dagli statunitensi e dai canadesi, infatti qui si paga quasi esclusivamente in dollari. E i colones del Costa Rica vanno a farsi benedire! :D


Sesta tappa: Alajuela

Alajuela è una città vicinissima a San Josè. Abbiamo soggiornato qui l'ultima notte, vista la vicinanza all'aeroporto. In città non c'è nulla da vedere, ma consiglio una visita alle piantagioni di caffè (il caffè del Costa Rica è scuro e dal sapore molto intenso).

Ricordate che per lasciare il Paese, una volta in aeroporto, dovrete pagare ben 30 dollari a testa.
Questa è stata una bella sorpresa che ha portato molti turisti a inveire contro le povere hostess innocenti.

Questa somma da pagare prima di ripartire forse compensa un po' il fatto che per visitare il Costa Rica non occorre alcun visto (a meno che non restiate per più di 90 giorni nel Paese).


Informazioni utili

  • Cibo: se vi affidate al cibo locale che trovate nelle soda ve la caverete con poco (circa sei euro a persona per ogni pasto), se invece optate per piatti "internazionali" come hamburger o simili, i prezzi lievitano. Io ho apprezzato molto la cucina locale: povera, ma nutriente. Uno dei piatti tipici più famosi? Il gallo pinto, preparato con riso e fagioli neri e servito soprattutto a colazione. Per pranzo e per cena, invece, abbiamo quasi sempre ordinato il casado, un piatto unico con riso, fagioli, funghi, verdure, banane fritte - eccezionali - e carne. Vi consiglio di provare anche le "bananine" - io le chiamo così - in busta, ovvero le banane preparate a mo' di patatine San Carlo. Oltre ad essere squisite, ho scoperto che sono anche ipocaloriche!
  • Prezzi: il Costa Rica, al contrario di quello che si può pensare per la sua collocazione geografica, non è un Paese economico, almeno non quanto i Paesi limitrofi. Il turismo è molto diffuso (non proviene tanto dall'Europa, quanto dal Nord-America) e forse questo ha inciso molto sui prezzi. 
  • Sicurezza: stando alla mia esperienza, trovo che il Paese sia molto sicuro. Ovviamente è bene prestare sempre e comunque attenzione! 
  • Il Costa Rica è il primo Paese senza un esercito. Una curiosità che strappa un sorriso :)


Pura Vida!


You Might Also Like

24 commenti

  1. onestamente non sto rpegttando un viaggio incostarica ma adoro il tuo zainetto..........bellissimo
    anche le foto sono bellissime complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah grazie mille! Anche io adoro quello zainetto, un acquisto fatto a Bangkok :D

      Elimina
  2. E' il primo Paese senza un esercito !!! Wow!! Questo dobbiamo segnarcelo ;-)

    RispondiElimina
  3. Grazie per farmi fare questi bei viaggi ci sono dentro anch'io. Ciaooo buona serata

    RispondiElimina
  4. Bellissimi i due vulcani.
    Mi piace tantissimo lo zainetto, davvero carinissimo.

    RispondiElimina
  5. le compagnie low cost hanno sempre qualche fregatura, che snervo tutto quel tempo in aeroporto.
    Il paesaggio è suggestivo e il posto è davvero da visitare, spettacolare!!!
    buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ebbene sì, fregatura dietro l'angolo! Ma conoscendo i diritti dei viaggiatori si può sempre rimediare :D
      Grazie Audrey, un abbraccio!

      Elimina
  6. M'ispira tantissimo a dire la verità, adoro i posti un po' particolari come questo, quelli in cui non è scontato andare e il fatto che sia il primo paese senza un esercito, sì, lo fa sicuramente lievitare in senso di stima, ma dovremmo anche chiederci perché. Purtroppo, come la maggior parte delle oasi naturali del mondo, mi sembra, da come l'hai descritto, un Paese un po' sfruttato, soprattutto l'America e forse dell'esercito non hanno bisogno semplicemente perché potrebbero quasi definirsi "non indipendenti". Questa cosa si potrebbe anche vedere dai graffiti che hai postato all'inizio, i quali sono certamente segno di una società non felice e di questi mi dispiace davvero moltissimo... Ok, sono andata un po' a ruota libera :'D ovviamente queste sono solo supposizioni eh! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in un altro post ho raccontato della Pura Vida del Costa Rica. E da quel racconto di una ragazza del posto si evince tutt'altro: gioia di vivere, bellezza delle cose semplici :)

      Elimina
  7. voglio andarci, questo post è da salvare e conservare!!

    RispondiElimina
  8. Si, si, qua ci andrei proprio *-*

    RispondiElimina
  9. Sai che ogni volta che leggo o sento qualcosa sul Costa Rica mi vieni in mente tu? E dopo oggi mi verrai in mente ancora di più! :D
    Ho perso la puntata del programma, ma prometto che domani mi rifaccio con lo streaming!

    Un bacione e continua così!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aahahha Manu = Costa Rica! Che bella associazione :)
      Grazie mille Martina, grazie davvero <3

      Elimina
  10. Non stiamo progettando un viaggio in Costa Rica (per adesso)
    ma ieri ci siamo incuriositi parecchio!!!! Bello il Vulcano Poas!
    e ovviamente wTarzanSwing :D
    BuonLunedì :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il Tarzan Swing tutta la vita! Che figata, ragazzi! :D
      Buon lunedì a voi! :*

      Elimina
  11. Mi stai tentando parecchio con questo itinerario non eccessivamente lungo e quindi facilmente inseribile alla fine di qualche altro viaggio :P proprio come hai fatto tu quando lo hai abbinato a New York!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, 8 giorni sono perfetti per mixare due diverse località :D

      Elimina
  12. Eccoci, è finita: ho scoperto l'ennesimo, bellissimo blog di viaggio e un altro posto da aggiungere alla lista di quelli dove vorrei andare! :D In realtà al Costa Rica ci penso già da un po'...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha bellissimo questo commento! "Eccoci è finita" mi ha spaventato, lo ammetto! :D

      Elimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: