Europa Francia

Cosa vedere a Montmartre - quando Parigi profuma di casa

sabato, ottobre 04, 2014Manuela Vitulli

Quando sono in viaggio mi capita spesso di dire inconsciamente "Andiamo a casa" riferendomi in realtà alla camera d'albergo o all'appartamento in cui soggiorno temporaneamente.
A Parigi, però, è stato diverso: non ho pronunciato questa frase riferendomi semplicemente alla mia camera, bensì all'intero quartiere di Montmartre.
Nel coinvolgente marasma parigino, Montmartre per me rappresenta un'oasi di pace. Una cittadina a misura d'uomo e dal gusto squisitamente retrò.


Montmartre sa essere romantica (se non ci si spinge fino a Pigalle), ospitale, tranquilla ma mai troppo silenziosa grazie al brulicare di giovani tra i numerosi localetti della zona.
E' un quartiere che ha il sapore di casa, dal profumo familiare. Che quando spalanchi le persiane al mattino non vedi l'ora di esplorare - magari iniziando la giornata con un caldo croissant della boulangerie dietro "casa".




Coquelicot, gentilmente consigliata da Riako, è la boulangerie che ha addolcito ogni colazione durante la mia permanenza parigina. Sembra un posto d'altri tempi: interamente in legno, con decorazioni raffiguranti papaveri e con l'accoglienza di una signorina pimpante dal grembiule a quadri e dall'aria sorniona.
Croissant friabili e dall'impasto leggero, pain au chocolat, viennoise au chocolat. Il tutto servito in un cestino accompagnato da un tazzone di caffè.
Tra le varie specialità ci sono anche i celebri macarons (scusatemi, ma a me proprio non piacciono, li trovo stucchevoli).
Il bello del fare colazione sempre nello stesso posto è che si innesca un rituale. Durante l'attesa si prova a riconoscere i volti di coloro che ogni mattina fanno tappa alla boulangerie per fare scorta di baguette croccanti.

Informazioni utili: 

Coquelicot si trova in Rue des Abbesses 24, a due passi dalla fermata metro Abbesses.
E' aperto dalle 7:30 alle 20:00 ed è chiuso il Lunedì.






Il mio consiglio? Se volete risparmiare tempo e denaro (il servizio al tavolo è lento e costa decisamente di più), fatevi riporre le brioches in un sacchetto e andate a fare colazione nel vicinissimo giardinetto che ospita il grazioso muro dei Je t'aime (proprio di fronte alla fermata metro Abbesses). Un inno all'amore in tutte le lingue.



Uno dei posticini che desideravo vedere ardentemente è il bar di Amèlie. Sì, proprio il bar indimenticabile del film "Il favoloso mondo di Amèlie". Si trova a Montmartre, precisamente in Rue Lepic 15.
Cafè des deux moulins - questo il vero nome - in realtà è un bar molto semplice che deve molto al successo del film. Eppure ho avuto comunque voglia di sedermi di fronte al bancone almeno per un caffè. Immaginando che da un momento all'altro spuntasse il viso angelico di Amèlie.
Gli amanti del film ricorderanno bene anche il carosello che appare in alcune scene. Lo trovate sempre a Montmarte.





Essere a Montmartre significa fare un salto nel passato, un viaggio indietro nel tempo per immaginare la vita parigina all'epoca dell'impressionismo, tra la fine dell'800 e i primi del '900.
Sarà che io ho un debole per questo movimento artistico, ma assicuro che in questo quartiere lavorare d'immaginazione non è poi così difficile. Neppure davanti a quello che un tempo era l'ingresso del rinomato Moulin de la Galette (Rue Lepic, 83). Centro nevralgico della vita parigina di quei tempi, questo era uno dei trenta mulini a vento di Montmartre ed era frequentato da personalità di spicco come Tolouse- Lautrec e tutta la sua compagnia.
Questo mulino è stato anche fonte d'ispirazione di una delle opere che conservo gelosamente a casa (la copia ovviamente, l'originale si trova al museo d'Orsay sempre a Parigi): Bal au moulin de la Galette di Renoir.
Ironia della sorte: senza farlo apposta, il mio hotel si trovava proprio di fronte a questo mulino!





 Se gli impressionisti, Amèlie e le baguette sotto il braccio non riescono ancora a convincervi, ci penserà l'elegante basilica del Sacro Cuore.
Bellissima di giorno, ma ancora più suggestiva di sera, soprattutto durante la celebrazione liturgica in lingua francese. L'ho persino preferita alla Cattedrale di Notre Dame in quanto l'ho trovata più intima e persino più autentica.
Ci potete arrivare con la funicolare di Montmarte oppure a piedi con una scalinata piuttosto ripida o da Rue Lepic. 



E se avete voglia di provare una crepes indimenticabile (sia dolce che salata), non posso che consigliarvi la creperie Broceliande.
Dicono sia una delle migliori creperie parigine e, stando alla mia esperienza, non posso che confermare.
Ho apprezzato talmente tanto le crepes e la cortesia del personale che ci sono tornata per ben due giorni di fila! Quando mi capiterà di gustare di nuovo una bontà simile?
Le crepes sono molto leggere, preparate con farina di grano arso e senza glutine.
La mia preferita? Le crepes salata Bergen, con spinaci e formaggio di capra.
Ottima anche la crepes dolce con cioccolato fondente e cocco.

Informazioni utili: 

La Creperia Broceliande si trova in Rue des Trois Freres, 15. E' chiusa il lunedì.



You Might Also Like

34 commenti

  1. Tesoro sei tornata?
    Sono contenta ti sia piaciuta Parigi, l'ennesima prova che noi viaggiatori siamo tutti diversi ihihih :) Però devo ammetterlo: Montmartre piace anche a me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tornata ieri! :D Eh sì, il bello è che noi viaggiatori siamo tutti diversi!
      A me Parigi è piaciuta da matti, anche più di Londra - se proprio devo fare un paragone! E so che tu non sarai d'accordo :)
      Ma Montmartre non può non piacere :)

      Elimina
  2. "Purtroppo" siamo stati a Parigi, in gita scolastica e si sa come vanno le cose, non abbiamo visto nulla!!!
    Quindi abbiamo il desiderio di ritornarci e viverla diversamente!! Tu ci hai fatto venire ancora più voglia!!!
    La creperia Broceliande, deliziosa!
    Un abbraccio!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh lo so, io vorrei tornare in tutti i posti che ho visto in gita! Quelli sono "viaggi" sbiaditi (ma che bei ricordi, dai!)
      Ciao ragazzi, vi abbraccio!

      Elimina
  3. Che nostalgia di Montmartre!
    E' proprio vero che è un posticino dove ci si riesce a sentire "a casa", una piccola oasi di pace.
    A me basta camminare per le sue stradine per sentirmi un po' poeta anch'io :)
    Le tappe golose che hai elencato non le conoscevo... ma me le annoto, per la prossima visita!
    Anche la mia migliore amica è appena stata a Parigi e mi è proprio venuta voglia di tornarci. Del resto è una di quelle città che, per quante volte le visiti, riescono sempre a trovare qualcosa con cui stupirti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verissimo! Una città che non annoia mai con i suoi numerosi eventi, quartieri, negozietti, bistrot... :)
      Ah, Paris!

      Elimina
  4. Sembra proprio una location da film, di quelle finte e perfettine!! Incredibile!
    Sì che così ti senti a casa, è tutto a misura d'uomo^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah sì! Da film... come il favoloso mondo di Amèlie no? :)

      Elimina
  5. Mi hai fatto sognare di nuovo! Parigi non sarebbe la stessa senza Montmartre! A me ad ogni modo è piaciuto anche molto Le Marais, tu che ne pensi? Anche io adoro gli Impressionisti…infatti tappa obbligatoria è stato il Musee d'Orsay! Bellissime foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, tra Le Marais e Montmartre è una dura lotta! Sono i miei preferiti al momento :)
      Grazi mille!

      Elimina
  6. Oh Paris! quando lavoravo in Italia ero solita andarci spesso, perché la sede della mia società era lì...magica! E' forse la capitale europea che mi piace di più...forse anche più di Londra, non so perché! Bella bella bella e bellissimo lo stop al bar di Amelie!!! Grazie per un altro giretto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io l'apprezzo molto più di Londra :)
      Grazie a te per essere passata!

      Elimina
  7. Sempre magica Parigi.. hai descritto un quartiere che io amo dal più profondo! Ci sono stata più volte ma è come se non bastasse mai..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è capito che è anche il mio preferito? Dura lotta con Le Marais, ma vince Montmartre :)

      Elimina
  8. Anche noi avevamo la boulangerie vicino a "casa", anzi era proprio davanti e rendeva tutto più bello! Però ecco, io mi sono persa Montmartre e mi hai fatto venire voglia di tornarci subito con le tue bellissime foto!
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Elisha! C'è sempre voglia di tornare a Parigi! :)

      Elimina
  9. Che bel giretto ci hai fatto fare! :-)

    RispondiElimina
  10. Come ti ho già detto, Parigi è la mia città preferita; sono contenta che ti sia piaciuta, ma d'altronde Montmartre non può non piacere secondo me!
    A presto :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, Montmartre è un salotto, una chicca :)
      E Parigi è splendida!

      Elimina
  11. Quando qualcuno riesce a trovare "piacevole" la Basilica del Sacre Coeur, comprendo anche come possa trovare tutto il resto di Parigi affascinante e imperdibile. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. de gustibus :)
      Il mondo è bello perchè è vario, no?

      Elimina
  12. Manu, che meraviglia! Troppo breve la gita scolastica del terzo anno di liceo, nel lontano 1990,per poter apprezzare le mille cose fantastiche di Parigi... Però una capatina a Montmartre la facemmo, mi piacque tantissimo!!

    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la gita non basta mai... ne so qualcosa :)
      Bisogna tornare, no? :D
      Grazie mille Maris!

      Elimina
  13. Penso che Montmartre incarni il vero spirito parigino, più di qualunque altro quartiere. Grazie per avermici portata virtualmente con queste meravigliose foto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non ho visto tutta Parigi, ma penso di sì. Sembra un po' fuori dal tempo :)
      Grazie Ilaria!

      Elimina
  14. Leggendo il post mi è sembrato quasi di essere là :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed io devo ringraziare per l'ottimo consiglio :)

      Elimina
  15. L'ultima volta che sono stata a Parigi, è proprio a Montmartre che posso direi di aver respirato la vera aria parigina!! Infatti sarà sicuramente una tappa nel prossimo viaggio!! (ed ovviamente proverò la creperie!!)
    Un bacione!!
    Life, Laugh, Love and Lulu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. creperie buona da paura! Poi mi dirai ;)
      Buon futuro viaggio Lulu!

      Elimina
  16. 1) Anche io chiamo l'hotel di turno "casa". Ed è una sensazione stupenda.
    2) Il favoloso mondo di Amélie è il mio film preferito e tornerei a Parigi solo per ripercorrere i luoghi che vedo nella pellicola.
    Insomma, un sogno. Questo post è un sogno.
    Grazie tesoro <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh tesoro <3 detto da te vale doppio! Non avevo dubbi su Amèlie, ero certa che l'adorassi!

      Elimina
  17. Questo sarebbe un bel viaggio da fare insieme :D

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: