Bari puglia

Un giorno perfetto a Bari: un viaggio nella mia quotidianità

venerdì, giugno 20, 2014Manuela Vitulli


Oggi gioco in casa.
Mi spiego meglio. Oggi parlo di Bari. E Bari per me significa casa.
Avevo in mente questo articolo da tempo, ma non è facile parlare della propria terra e di quel viaggio che è la quotidianità. E' come fare un viaggio introspettivo e guardare dentro se stessi.

Parlare della propria città è sempre più difficile di parlare di luoghi assaggiati e non vissuti al cento per cento.
A Bari ci vivo, ne conosco pregi e difetti, ne assaporo i benefici.
 
L'occasione è arrivata quando mi hanno chiesto di partecipare al concorso dal tema "Un giorno perfetto" di  HRS: non ho avuto dubbi sulla città di cui avrei parlato. 
Non le ho ancora dedicato il giusto spazio ed è giunto il momento di rimediare.
Anche perchè una giornata è più che sufficiente per visitare i punti più caratteristici di Bari e perdere la testa per l'aria di mare che si respira. 
Una giornata è più che sufficiente, è vero, ma avrete voglia di tornare. Avrete fame di conoscerla (e fame di focaccia).

So benissimo che gran parte della gente che non è mai stata a Bari negli ultimi dieci anni non ha grandi aspettative. E in molti penseranno che sto farneticando. Penseranno che è l'amore per le mie radici a spingervi a trascorrere una giornata qui. 
E invece no. Le cose stanno diversamente.


Sarei ipocrita se dicessi che ho sempre amato la mia città. 
Bari non è mai stata la mia casa ideale, non riuscivo a sentirla mia. Fino a quando qualcosa mi ha fatto ricredere. 


I giovani devono partire, devono andar via. Ma non per curiosità, non per disperazione.
E poi devono tornare. 
I giovani devono andare per capire com'è il resto del mondo e, cosa ancora più importante, 
per capire se stessi.


Con queste parole Renzo Piano - mica un uomo qualunque - ci ha preso in pieno.
Durante l'università ho iniziato a viaggiare, a esplorare nuovi orizzonti, a pormi innumerevoli domande. 
E ogni volta, tornando a casa, ho provato quella piacevole sensazione di familiarità. Ho iniziato ad apprezzare le piccole cose - per me piccole perchè ci sono abituata da sempre, per altri son cose dal valore inestimabile.
E così ho fatto pace con Bari.

La giornata a Bari comincia sul lungomare, onestamente uno dei più belli che abbia mai visto.
Perfetto per una corsetta rigenerante, ma anche per una semplice passeggiata folkloristica.
Una volta arrivati al Chiringuito - un semplice chiosco sul mare per i forestieri ma un ritrovo storico per i baresi - ci si immerge completamente nell'anima della città.
Come in ogni città di mare che si rispetti, a Bari il pesce non manca. Al Chiringuito troverete pescatori che urlano a squarciagola e insistono per farti assaggiare qualcosa, uomini che "sbattono" violentemente il polpo sugli scogli per tramortirlo. E ragazzi appollaiati sulle panchine mentre sorseggiano una Peroni, la birra barese per eccellenza.

La mattina procede così, dolcemente, seguendo i lenti ritmi del sud.
Noi baresi siamo gente di mare. Ci lasciamo inebriare dal suo profumo, ci fermiamo a guardarlo, non smettiamo mai di immortalarlo in foto e abbiamo costantemente bisogno della sua presenza.
E appena le temperature iniziano leggermente a salire, corriamo in spiaggia per il primo bagno dell'anno e la tintarella - quest'anno io sono ancora un latticino ma in genere sì, siamo in fissa con l'abbronzatura.
Il mare non è semplicemente parte della nostra terra. Il mare ci scorre nelle vene.


Dal Chiringuito a Piazza del Ferrarese il passo è breve.
E da Piazza Ferrarese a Piazza Mercantile, seguendo la costellazione di locali, ci si addentra nel cuore pulsante di Bari.
Perchè una giornata a Bari non può non includere una passeggiata tra i vicoli del centro storico, meglio conosciuto con il nome di Bari Vecchia. 
Quanti pregiudizi incombono su questa zona della città?
Quanta gente pensa che la città vecchia sia pericolosa? Un covo di delinquenti, uno squallido labirinto popolato da gente poco raccomandabile.
"Fai attenzione perchè sai come ne entri ma non sai come ne esci". 

Beh, coloro che pensano questo dovrebbero fare un giro a Bari vecchia oggi. E sottolineo oggi.
Perché se in passato avrei potuto in parte capire perché Bari Vecchia fosse così malfamata, adesso non potrei più tollererarlo.
Negli anni il centro storico ha acquistato valore, si è ingentilito, ha subito un riuscitissimo lavoro di riqualificazione.
Senza perdere la sua autenticità.

E non immaginate quanta gente - pur non avendo aspettative - si è innamorata dei vicoli ciechi, dei panni stesi, delle porticine spalancate che lasciano intravedere la vita domestica.
E di coloro che nella città vecchia ci vivono. Dialetto incluso.
Basta essere gentili e vi daranno il cuore.
Ricordo un pomeriggio in cui, passeggiando senza una meta precisa, mi hanno offerto prima delle ciliegie e poi le orecchiette.
Sono persone semplici e ancorate alle tradizioni, alle usanze della città.
Vi sapranno rivelare ogni segreto barese: leggende, superstizioni, curiosità.

La stradina che più amo è la via delle orecchiette.
Si tratta di una stradina "protetta" da un ampio arco. Uno spettacolo unico al mondo perché solo qui trovate in esposizione varie specialità di orecchiette baresi fatte in casa.
E la signora Angela che le prepara con tanto amore davanti ai vostri occhi - farneticando qualcosa che solo chi conosce il dialetto barese potrà capire fino in fondo.


Dopo la vista delle orecchiette e l'orgia di profumi emanati dalle cucine delle abitazioni del centro storico, avere fame è inevitabile. 
A Bari c'è un modo per spendere pochissimo e mangiare divinamente: la focaccia. 

Dove mangiare la focaccia barese? 

Di panifici degni di nota ce ne sono davvero tanti. 
Il Panificio Fiore è sicuramente uno dei più rinomati. Lo trovate proprio vicino alla via delle orecchiette. 
Tra i miei panifici preferiti ci sono anche Magda e Palesano. 

La focaccia conquista tutti dal primo morso. 
E se c'è ancora spazio nello stomaco non potete perdervi le popizze e le sgagliozze, rettangoli di polenta fritta. 
In realtà tra i piatti tipici ci sarebbero anche le braciole di carne e i due primi baresi per eccellenza: le orecchiette con le cime di rape e riso patate e cozze. 
Mangiare tutto questo in un solo pasto è disumano, lo so.
Un buon motivo per tornare, no?


Dopo pranzo la visita della città prosegue con il Castello Svevo, la suggestiva Cattedrale di San Sabino, la meravigliosa Basilica di San Nicola con la sua cripta - e qui capirete che Bari nasconde anche profonde radici ortodosse - e poi con i teatri. Prima il Teatro Margherita, costruito appositamente sul mare, e poi lo splendido Teatro Petruzzelli

Nel pomeriggio ci vuole un gelato da gustare rigorosamente sul lungomare aspettando che il sole inizi a calare e che il cielo regali uno dei suoi meravigliosi tramonti. 
Mentre i lampioni che sfilano sul lungomare pian piano si accendono timidamente.

Di bei tramonti ne ho visti tanti ma posso giurare che i tramonti baresi sono fra i più belli in assoluto. 



Non è un caso se la giornata barese inizia e finisce con lo sfondo del mare. 
Nessun barese riuscirebbe a vivere senza. 
L'ho detto prima, il mare ci scorre nelle vene.

Il mare fa da cornice anche durante la vita notturna. 
Che tu decida di fare tappa al Faros, di provare uno degli ottimo cocktail dei ragazzi di Speakeasy o di prendere una birra al Chiringuito, ci sarà sempre lui ad accompagnarti. Il mare


Concludo con una piccola riflessione personale.
Spesso mi imbatto in forum online in cui chi non conosce Bari si preoccupa per la sicurezza.
Fare domande e avere timore di una città in cui non si è mai stati è lecito, per carità.
E aggiungo che la microcriminalità esiste ovunque. In tutte le città del mondo. 
Ma abbassiamo le barriere con Bari. 
Bari ha fatto grandissimi progressi. Oggi accoglie tantissimi turisti, molti nemmeno italiani. 
Turisti che passeggiano per la città senza problemi, visitano il borgo antico, s'innamorano dei colori, dei sapori, delle tradizioni locali.  
Che aggiungere? Bari ti aspetta.


Con questo post ho vinto la Battaglia delle Nazioni di HRS. 
Il successo più grande? Finalmente sono riuscita a parlare della mia città! :)


You Might Also Like

82 commenti

  1. Non ci sono mai stata, ma come sempre quando i leggo i tuoi post, mi viene voglia di salire sul primo aereo per visitarla :)
    Un bacione e scusa se sono stata tanto assente dal tuo meraviglioso blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille per essere tornata con questo meraviglioso commento! Sei mancata :)

      Elimina
  2. Bari è anche un po' la mia città, ci bazzico sempre causa fidanzato barese doc ahuahuahua
    Oltre ai posti da te menzionati aggiungerei tappa A San Francesco alla Rena per pizza al nero di seppia o pizza al
    pistacchio "eh che ti mangi!!!" ah, ovviamente gelatino nel centro storico in quel nuovo bar spettacolare, adoro la loro
    cucina a vista ;)
    Tante volte è difficile apprezzare il posto nel quale viviamo ma quando dobbiamo parlare della nostra città riaffiora il
    sentimento e l'attaccamento che proviamo per quei posti che ormai sono nostri. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione! Ottimi consigli Audrey! :)
      Il nuovo bar è Martinucci, giusto?
      Sono stata anche a quello a Lecce ... e che spettacolo!

      Elimina
    2. Si, sono grandi !!! Troppo buono e poi hanno anche il gelato senza glutine :)

      Elimina
  3. Ho fatto leggere l'ultimo pezzo a Diego, perchè tante volte la gente non va a Napoli, un'altra bellezza italiana, per questo motivo. Per me è ignoranza: in tutte le città, come hai detto tu, trovi gente per bene e gente che non lo è.
    Grazie per avermi fatto conoscere la tua Bari, non vedo l'ora di venire tesoro *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che tesoro sei?
      Sì, io penso spesso che Napoli e Bari abbiano molte cose in comune: il mare, la gente allegra, il buon cibo e la fama - spesso non buona.
      Questi pregiudizi vanno abbattuti. Venite, poi giudicate. No? :)
      Vieni presto qui... tanto io da te arrivo. Tu lo sai :*

      Elimina
  4. Carissima non so se ricordi ma io sono nata ad Altamura, ahimè ci sono stata veramente poco ma ci tornavo ogni anno dai miei nonni appena finivano le scuole...Bari era la passeggiata della domenica, quando si andava sul lungomare a mangiare il gelato...come non ricordare il profumo di salsedine e di mare appunto...
    Nella così detta BariVecchia ci abitava una zia ed era davvero suggestivo passeggiare per quelle strade piene di profumi e di sole...
    E ora invecchiando, non immaggino quanta nostalgia abbia per questa terra nonostante ci sia vissuta davvero poco, i miei ricordi più belli sono lì!
    Bellissimo reportage...grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ricordo bene! Grazie a te per questo bel commento sulla mia città.
      Bello sapere che qualcuno conserva bei ricordi dei nostri viottoli :)
      Un abbraccio!

      Elimina
  5. Bellissimo post, Bari mi fa l'occhiolino da un pò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm il momento giusto :) fosse per me farei un viaggio a settimana!

      Elimina
  6. Una città che mi manca e che mi hai fatto venir voglia di scoprire...
    Un viaggio dalle tue parti è nei programmi futuri! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. me ne parlava Letizia alle Cinque Terre. Allora non vi resta che passare da qui.. dalla Basilicata alla Puglia il passo è davvero breve :)

      Elimina
  7. Bellissimo questo post e bellissima la frase di Renzo Piano. A Bari non sono mai stata (ho già confessato;)), ma in questo momento più che in redazione mi sento su quel Lungomare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piacerebbe molto scoprire il vostro punto di vista sulla mia città. Spero di vederti presto lì, su quel lungomare :)
      Grazie mille Letizia!

      Elimina
  8. Un atto d'amore verso Bari, che è una città magica.
    La conosco poco, ci sono stato pochissime volte ma la ricordo bella :)
    Bel post, cara!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai! Allora Bari ti piace! Credevo tifassi solo per il Gargano :p
      Grazie mille Miki :)

      Elimina
  9. Renzo Piano ha detto parole molto sagge! Io a Bari ci sono stato una sola volta una trentina di anni fa e ricordo solo un gran traffico (peggio che a Roma), ma ero praticamente di passaggio e non ho visto niente. Dovrò tornarci con un po' di calma... e magari fare anche un giro nel Salento che non conosco! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la Bari di 30 anni fa era molto diversa. Il traffico c'è sempre, magari un po' più civile, ma c'è :)
      Devi tornare.. e poi mi dirai cosa pensi!
      Grazie Andrea!

      Elimina
  10. Ho avuto modo di conoscere Bari per motivi di lavoro; e, come sempre, il lavoro ti fa odiare le cose! Fin quando un giorno, un amico barese, mi ha fatto fare il "giro turistico" che hai descritto.....ecco: in quel momento ho visto la città in maniera diversa.....Ed ho imparato ad apprezzarla!
    Inutile dire che i tuoi post, i tuoi "racconti" colpiscono sempre nel segno :)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. passeggiare per Bari con chi conosce meglio la città? Un'esperienza unica. E l'unico modo per comprendere fino in fondo, assaporare le nostre tradizioni e non gironzolare senza meta.
      Grazie Antonio! I tuoi commenti sono sempre molto costruttivi e ovviamente anche molto gentili.
      Grazie di cuore

      Elimina
  11. mamma mia cosa non è quella focaccia!!! *___*
    avevo letto anche il post scorso e posso dire che DEVO andare in Puglia, prima o poi!
    in realtà avevamo progettato di passarci un giorno o due, quando siamo stati giù in Calabria, ma alla fine non siamo più andati.. vedremo di rifarci alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, DEVI! La Puglia sa sorprendere chiunque :D
      Grazie Eli!

      Elimina
  12. che bel post!!!!!..non sono mai stata a Bari....ma sarebbe da visitare..^_^

    RispondiElimina
  13. Una splendida guida da tenere a portata di mano per tutti coloro che desiderano andare a Bari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Antonietta! Non mi definisco una guida (mi sembra un po' troppo pretenzioso), ma magari posso essere d'aiuto a chi non conosce la città. Grazie!

      Elimina
  14. Ho origini di Bari mio padre, ho bei ricordi di quando ero piccola di questa splendida città! Adoro le orecchiette e sai mia nonna mi insegnò a farle da bambina è da allora non ho mai disimparato e ogni tanto le faccio... Sono brava! Mi piacerebbe andare a vedere la via delle orecchiette non ci sono mai stata! Baci Elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagina che io non ho mai imparato a farle! Che vergogna eh! :D
      Grazie per questo bel commento Elisabetta!

      Elimina
  15. Mi hai fatto piangere dall'emozione! Sono di Terlizzi, nel nord barese, e amo anche io Bari. <3 Condivido con piacere sulla mia pagina facebook, mi è piaciuto troppo questo post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no ma davvero? Piangere?
      Sei troppo carina! Grazie davvero!
      Io conosco bene il nord barese. Terlizzi un po' meno, ci sono stata solo una volta.
      Grazie per la condivisione :)

      Elimina
  16. Splendido post! *_* anche io sono di Bari (o meglio della provincia) e mai come in questo periodo sto riscoprendo il nostro bel territorio e le nostre tradizioni, semplici ma estremamente uniche!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Alessandra :)
      anche io sto riscoprendo il nostro territorio. Anni fa preferivo andare fuori sottovalutando le nostre bellezza.
      Finalmente ho capito che abbiamo tantissime ricchezze a portata di mano.
      Perchè non iniziare da queste? :)

      Elimina
  17. Sono innamorata persa della tua Puglia. Sarà anche perché sono innamorata persa di un pugliese (poco più a nord di Bari). Da qualche anno la sto scoprendo e non immagini quante volte fantastico di mollare tutto e trasferirmi a vivere con quella vista mare, quei colori, quei profumi a riempirmi la vita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. immagino bene! Io da qui non voglio andar via proprio per questo!
      Il mare, il sole, la bella gente, i profumi... amo la mia terra.
      Grazie :)

      Elimina
  18. Basta, la devo smettere di leggere il tuo blog se no continuo ad allungare la lista dei luoghi da vedere!! :)
    Quest'anno non penso riuscirò a passare durante la mia breve vacanza in Puglia, ma sicuramente rimedierò!!
    E poi voglio proprio assaggiare quella focaccia ;)
    Ti ho nominata per una cosa, un modo per ringraziarti per l'impegno che metti in questo bellissimo spazio http://tripvillage.wordpress.com/2014/06/22/lovely-blog-award/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah mi sa che 15 giorni non basterebbero! Ci vuole almeno un mese! ahahah
      Grazie mille per la nomination. Sei stata davvero dolce.. <3

      Elimina
  19. "Il mare ci scorre nelle vene" da Siciliana per me è lo stesso. . .sono sicura che le nostre città sono molto simili, un giorno forse ci faremo un giro insieme ;)
    baci !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari Sere! Magari un giro insieme! Io spero di capitare presto nella tua bella Siracusa! :*

      Elimina
  20. Io credo che la riqualificazione di Bari Vecchia sia una delle migliori riscoperte del proprio territorio fatte... ogni volta che vengo a Bari, finisco per apprezzarla sempre di più... e la focaccia, mamma mia, che bontà! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la pensiamo allo stesso modo! Ogni volta che passeggio per Bari mi dico: "ma quanto è bella!" :D

      Elimina
  21. Sono stata a Bari più di una volta, in passato e di recente. Hai proprio ragione, la città è splendida e quelle orecchiette, avrei voluto comperarne a chili e portarmele a casa, ma non ho potuto farlo. E poi l'atmosfera di questa città, mi è piaciuta moltissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magia delle orecchiette! :D Capisco benissimo!
      Che bello leggere queste parole.. fanno bene al cuore!
      Grazie Ambra :)

      Elimina
  22. Viaggiando ho imparato a pesare i timori della gente nel visitare le grandi città. Ho imparato che ci sono grandi città dove ti senti più sicuro e sereno di girare rispetto a certe più piccole. Persino la mia città che è una piccola provincia non la sento così sicura, come quando ho passeggiato lungo china town di notte per tornare in albergo o quando ho visitato la zona dei mercati ed i vicoli del centro storico di Palermo. L'importante è prestare sempre attenzione e non ostentae le proprioe ricchezze materiale, ma questo è così dappertutto.
    Mi è piaciuto molto questo post. Visitai Bari un sacchissimo di tempo fa, credo che non fosse così bella come adesso. Quelle orecchiette e quella focaccia mi hanno fatto sognare!! Sono cose che conosco bene visto le mie origini molfettesi.

    un bacio
    Enza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "L'importante è prestare sempre attenzione e non ostentae le proprioe ricchezze materiale, ma questo è così dappertutto."
      Esatto. Quello che ripeto sempre.
      Sempre prestare attenzione, ovunque.
      Beh, Bari ultimamente diventa sempre più bella :D Devi tornare.. anche per addentare la focaccia! :D
      Grazie Enza! Un abbraccio

      Elimina
  23. Bari è bella (ma ricordatevi di mettere la macchina in garage..), e poi una pizza a Santo Spirito.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santo Spirito? Io la conosco benissimo! :D

      Elimina
  24. Quando si parla dei propri luoghi escono fuori le parole più belle, vere, profonde. L'ho scoperto di recente e lo vedo anche con te tesoro... adoro questo post con tutto il cuore, adoro la citazione di Renzo Piano e adoro quando dici che questi sono i post più difficili da scrivere. Perché è una verità assoluta.
    Bravissima cuore <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu sei bravissima. Adoro il tuoi post sulla Calabria e spero che sia solo il primo di una lunga serie!
      Grazie tesoro <3

      Elimina
    2. Mi è venuto in mente che noi ragazze di Sud e isole, quando parliamo della nostra terra, ne parliamo sempre con molto romanticismo, lo stesso di chi è nato in luoghi dove il lavoro scarseggia, da cui bisogna separarsene spesso e anche se ci si resta si rimane sempre con le ambizioni in panchina; tutto questo, ci fa come avvicinare di più alla nostra terra con lo stesso pathos di chi la sta per abbandonare o sente premere su di sè questa possibilità. Non so come mai, ma questo modo di descrivere la propria terra come misto di attaccamento, malinconia, romanticismo e nostalgia, lo trovo molto più spesso nelle persone del Sud!

      Elimina
    3. no Vale, non devi spiegarmelo. Io trovo che tutto quello che dici sia vero. Le ambizioni (spesso) in panchina, l'idea che forse altrove ci aspetta un futuro diverso, l'attaccamento alla propria terra e alle proprie radici. Nel bene e nel male.
      Forse al nord danno tutto per scontato, forse amano la propria terra senza il nostro pathos, senza enfatizzare, senza dichiarazioni d'amore plateali.

      Elimina
  25. splendido questo post dove ti ho conosciuta un po' di piu! bellissima la via delle orecchiette

    RispondiElimina
  26. Venite a Bari ragazziiiiiiiiiiiii...Bellissimo articolo che descrive altrettanto bene la nostra città e, per chi non fosse ancora venuto, consiglio anche di vedere la puntata di Chef Rubio...PS: stupende le foto!!!!! Complimenti :)

    RispondiElimina
  27. Grazie mille! Ma sai che quasi quasi condivido la puntata di Chef Rubio? Ottima idea ;)

    RispondiElimina
  28. Hai centrato a pieno....BAR JIE BAR!! E io la amerò sempre....♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo ci conosciamo? :) Ad ogni modo, hai proprio ragione: Bari nel cuore! ;)

      Elimina
  29. sicuramenti non è una città di santi!!! chi è senza peccato scagli la prima pietra!!! la mia Bari, la nostra Bari!!! sono cresciuto in una strada vicino la Basilica di San NICOLA, è bella la nostra città... è come la descrivi te!!! ogni qual volta lascio alle spalle la porta del automatica dell'aereoporto già mi manca!!! Se mi permetti a tutti coloro che non sono mai stati a Bari visitatela la settimana che va dal 4 dicembre.... vivete la notte tra il 5 e il 6 dicembre notte del nostro santo patrono anche se poi festeggiamo a Maggio... andrete vie con una voglia immensa di tornare!!! la città vecchia apre le porte, la gente offre cioccolata calda... poi vi lascio nel mistero, così non perderete occassione per il prissimo dicembre!!! Ora vi lascio torno alla vita reale basta a navigare tra i ricordi!!! complimenti per il blog!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una città di santi, dici bene!
      Eppure bisogna vivere Bari per capirla, per poterla giudicare. E tu l'hai fatto benissimo, anzi, meglio di me! Ottimo consiglio per tutti coloro che vogliono vivere Bari nel migliore dei modi.
      Grazie mille per il commento e per i complimenti ;)

      Elimina
  30. Ho scoperto questo blog per caso... e non potevo che iniziare da Bari... per me che sono una barese trapiantata (purtroppo) al nord è stato stupendo leggere la tua descrizione... tutto semplicemente VERO!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore Alessandra... e benvenuta! :)

      Elimina
  31. Brava la mia ex studentessa! :-) hai curato i dettagli e sei riuscita a descrivere Bari in modo realistico, puntando sulla subsidiary appeal. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è stato il primo commento che ho letto stamattina. Davvero un bel buongiorno! :)
      Grazie mille prof... adesso però vorrei anche scoprire la sua identità per ringraziarla con un messaggio privato :)

      Elimina
  32. Che meraviglia questo post! La Puglia è sempre il TOP! Io ho parlato di Taranto, tu di Bari...sono felice che abbia vinto tu la battaglia!

    RispondiElimina
  33. già il desiderio di vedere Bari vecchia era forte, ora strilla più che mai e necessita di essere soddisfatto.. uno splendido racconto, molto vero e penetrante. non vedo l'ora di essere lì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Mary :) La sorpresa più grande? Leggere gli apprezzamenti dei baresi. Questo è stato il post che mi ha fatto più emozionare in assoluto :)

      Elimina
  34. da barese, di nascita e di "abitazione"…bello!!! io mi innamoro di bari ogni volta che la percorro in bicicletta, che cammino lungo il mare e ne ammiro il profilo…:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se me lo dice una barese doc, beh, posso gongolare? :)
      Grazie mille Gabriella!
      Sono felice che Bari stia vivendo un periodo di rinascita, di bellezza, di (ri)fioritura. Ed è anche merito dei social e della condivisione!

      Elimina
  35. Ciao Manuela per caso ti ho incontrata come spesso accade con queste tecnologie mi chiamo Giuseppe Lorusso (su Google + e su face book mi trovi come (Pino. Loru) sono barese di S. Spirito per essere precisi anche se la mia vita lavorativa mi ha costretto a svolgerla in provincia di Alessandria dove tuttora risiedo. Vengo spesso a Bari dove risiedono i miei parenti. Detto questo voglio aggiungere che visitando queste pagine sono rimasto affascinato di quanto scrivi e tramite Google + mi sono permesso di aggiungerti. Se avrai occasione di visitare la mia home page vedrai che abbiamo qualcosa in comune. Infatti sia io che mia moglie Maria Romito (Maria R) che ha creato diversi video sulla Puglia e su Bari in particolare cerchiamo di promuovere le nostre delizie pugliesi a livello turistico in quanto crediamo fermamente che la nostra terra con i nostri luoghi la nostra storia la nostra cucina ecc. potrebbe ospitare un turismo transnazionale con sbocchi significativi nel campo di posti lavoro questo vuole essere il nostro piccolo contributo. Ti saluto sperando in una prossima chiacchierata. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Pino! Condivido fortemente ogni singola parola. Si può fare molto per la nostra terra, ma tutto deve partire da chi la conosce meglio, da chi ci vive, da chi ha qui le sue radici :)

      Elimina
    2. D'accordo, io e mia moglie diamo un piccolo contributo, a te che hai la fortuna di viverci in quel luogo e (hai armi più efficaci delle nostre) e la "la situazione costantemente sotto gli occhi" a te spetta l'onere più grande. Insomma ognuno combatte con le armi che la sorte ha messo a sua disposizione. È stato un piacere conoscerti un abbraccio e buona serata. Ciao.

      Elimina
  36. garzie mille ero proprio alla ricerca di una descrizione come la tua di Bari...a Giugno verrò solo epr un week end dalle tue parti e non vedo l ora di visitare Bari!Non avrò motlo tempo perchè in realtà vengo x un matrimonio a Cisternino ma non voglio lasciarmi sfuggire l occasione di visitare questa città!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Bari ti basterà una sola giornata. Breve ma intensa. Lasciati conquistare :)
      Per qualsiasi info contattami via mail.. ci sono :D

      Elimina
  37. Buoni gli allievi.....
    Quanto mi mancano..

    RispondiElimina
  38. Io sono di Bari e provo le tue stesse sensazioni, sono follemente innamorato della mia città..Ieri l'ho mostrata ad una persona, e nel leggere le tue parole ho trovato esattamente quelle che erano le sue impressioni e le sue sensazioni. È inutile, Bari è Bari! :)

    PS. Secondo me la miglior focaccia è del Panifico Santa Rita a Bari Vecchia :D Ciao!

    RispondiElimina

  39. Wow. Ecco quello che cercavo, parto tra una settimana.
    Non sto nella pelle, per me è un viaggio importante di "riconciliazione" addirittura.

    Dalla Toscana partirò in direzione Puglia dopo poco meno di trent'anni che non ci metto piede..
    Sono andata via piccolissima, non ricordo niente di niente..
    Sono tornata poche volte d'estate finché era in vita la mia nonnina e poi più nulla..
    Anche se io di girarla non se ne parlava ero piccola e al seguito di mamma nella visita ai parenti vecchi a dir poco noiosi..
    Direi che in quegli anni non amavo e non apprezzavo il rientro alla città d'origine..
    Non esagero se l'ho persino odiata, visto che mi ammalavo SEMPRE ogni volta, con febbre altissima anche a 40°, con le allucinazioni.. Che peccato.
    In quel periodo è cominciata la mia fobia alle inniezioni, specie sul culetto, sdraiata moribonda scappavo alla vista, tanto che mi dovevano acchiappare in 4 per farmela..
    Non mi è passata crescendo, se posso evito, ma non scappo più.. ahahah!

    Ma eccoci sono pronta a ricollegare la spina con la mia terra e il mio passato dimenticato,
    un passato che mi chiama da tempo... ed ora è arrivato il momento..

    Voglio dare un senso a tutto il mio essere solare che non rivedo nella gente che mi circonda, riscoprirmi parte di un posto meraviglioso e parte di una comunità che mi rappresenta e mi appartiene.

    Io sono Alessandra Mele, nata a Modugno a Marzo 1975.
    -"Modugno come il cantante?
    - Ecco, si!" Precisamente..
    Allora dico Bari così evito il tricché è tracché..

    Cercavo un itinerario per conoscerla, scoprirla ed innamorarmi di lei, direi che sono stata fortunata a trovarti!
    Pugliesi miei arrivo presto, non avrò parenti ad accogliermi perché non li conosco
    (salvo che riesca a ritrovare qualche zio o cugino)
    voglio conoscervi, abbracciarvi, stringervi, entrare nella vostra anima e portarmene via un pezzetto con me per quando faro rientro in Toscana.

    Non vorrei venire da semplice turista, ma anche io sentirmi a finalmente a casa!
    Sarò a Noci dal 16 al 24 all Hotel Corallo, così sono centrale e spero di visitare più città possibili.
    Ho un sogno possibile, andare a trovare i miei nonni (anche se al cimitero)
    Magari tornare nelle case in cui ho vissuto, luoghi dei miei annebbiati ricordi..
    Sono pronta a venire a suonare è a chiedervi se mi lasciate entrare a guardare casa vostra!
    Poi uno impossibile, trovare Angela, la mia migliore amica dell'asilo, mai dimenticata.
    (come se di Angela ci fosse solo lei in tutta Modugno) <3
    Un bacio Pugliesi, arrivo!

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: