Asia Bangkok

The Golden Mountain, equilibrio tra mente e corpo a Bangkok

venerdì, maggio 09, 2014Manuela Vitulli


Tempo fa mi è stato detto che se è vero che la Thailandia lascia il segno avviando un processo di cambiamento interiore, è anche vero che il suo effetto non è eterno e col tempo tende a sbiadire.
Al ritorno dal Sud-Est asiatico ci si sente diversi, pronti ad affrontare il mondo positivamente, ad abbandonare preoccupazioni eccessive e rancori. 

The Golden Mountain, Bangkok


Ma dopo il ritorno a casa è inevitabile essere pian piano risucchiati dalla frenetica routine della società occidentale. Ci si ritrova nuovamente imbottigliati nel traffico di automobili, di informazioni, di appuntamenti, di idee, di rumori. 
E l'effetto del Mai Pen Rai svanisce. 

Quindi l'effetto della Thailandia ha una scadenza?
Non si tratta certo di una deadline, ma non è eterno.
Probabilmente affinchè gli insegnamenti appresi in un Paese siano duraturi occorre necessariamente rinnovarli con un nuovo viaggio. Una nuova immersione nella cultura orientale per essere inondati da vibrazioni positive che fanno bene all'anima e al corpo.
Perchè quando siamo carichi di ansia e preoccupazioni tendiamo a somatizzare, è normale.
Sarà per questo che in Thailandia ho avvertito un equilibrio tra mente e corpo?

Mi basta pensare a Wat Saket, meglio conosciuto come The Golden Mountain, il tempio buddista situato sulla vetta di una collina di Bangkok, per ritrovare in parte quell'omeostasi perduta.
Benchè questo posto sia frequentanto dai turisti, non è caotico nè finto. La Montagna d'Oro conserva la sua autenticità. 
L'ho percepito già all'ingresso, percorrendo lentamente la scalinata panoramica e lasciandomi ammaliare dal dolce tintinnio delle campane thailandesi, così diverse dai nostri terribili "soprammobili" di porcellana.
Le campane thailandesi incantano: sono eleganti e di tutte le forme. E sono legate al lato spirituale della cultura di questo popolo. 
Mi sono ovviamente chiesta quale fosse la funzione di tutte quelle campane in un tempio buddista. E la risposta è stata estremamente affascinante.
 Pare che con il loro tintinnio esse assolvono a funzioni protettive ed evocative delle divinità, con lo scopo di allontanare le forze del male ed avvicinare quelle del bene.


lungo la scalinata, Bangkok, Golden Mountain

The Golden Mountain, Bangkok, campane

The Golden Mountain, Bangkok

lungo la scalinata, The Golden Mountain, Bangkok

E non sono solo le campane ad allietare i gradini da percorrere lungo la salita.
Per chi - come me - ha il cuore debole e non è abituato all'avvistamento di vesti arancio brillante all'orizzonte, non è facile riuscire a staccare lo sguardo dai monaci buddisti.
In fondo questi monaci non sono mica degli alieni! Non solo percorrono la stessa strada di noi "comuni mortali" (chissà perchè mi aspettavo volassero! :D ), ma possiedono persino uno smartphone di ultima generazione. Quando si dice che l'abito non fa il monaco!

Bangkok, The Golden Mountain, monaco

E infine, una volta giunti alla sommità della collina, il grande premio: il fascino dei fedeli raccolti in preghiera e il panorama di Bangkok con i tetti variopinti dei templi del quartiere.
Se questa non è pace...

Sì, la Montagna d'Oro è un luogo dell'anima. 
Un luogo di fratellanza, di incredibile comunicazione anche senza proferire parola, un bagno di umanità.

panorama dall'alto, Bangkok, The Golden Mountain


You Might Also Like

32 commenti

  1. favoloso!! anch'io ci voglio andare!

    http://thefashionprincessblog.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia!!! io penso che ogni viaggio ci cambi un po' perchè essenzialmente, viaggiando, si cambiano le proprie prospettive e il modo di vedere le cose. Andare in giro per il mondo arricchisce. Naturalmente visitare certi posti come la Thailandia porta una certa serenità interiore.
    Buon week end a presto ;D

    RispondiElimina
  3. anche io sinceramente mi sono sentita un po' stranita la prima volta che ho visto un monaco con un cellulare di ultima generazione!!! ahaha chissà perchè ma nel nostro immaginario comunque c'è sempre questa cosa di dimenticarci che anche loro sono persone come noi, che hanno genitori, parenti e amici a cui telefonare :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai Marti, ti aspetti i monaci tutti spirituali e fuori dal mondo tecnologico... e invece son più avanti di noi! Di me sicuramente :)

      Elimina
  4. Se la voglia di andare in Thailandia era fortissima, dopo aver letto questo racconto lo è ancora di più!!
    Non ho ancora avuto tempo di leggere tutti gli altri tuoi post sul questo bellissimo posto...quando ci sei stata tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah la Thailandia è contagiosa, lo so!
      Ci sono stata tra fine Settembre e inizio Ottobre dello scorso anno :)

      Elimina
  5. Chissà se anche un materialista convinto come me sarebbe toccato nel profondo da queste cose... :)

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Ciao tesoro! Quando ho letto "smartphone" mi è scappata una risata, perché magari tu i monaci te li immagini tutti seri seri e invece arrivi lì..Ed eccoli giocare con l'ipad! Ha sorpreso anche me questa cosa :D infatti ne ho fotografati tantissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha e invece no! Son più tecnologici di noi!
      Per fortuna che la cosa non ha stupito solo me! :D

      Elimina
  7. Bellissimi i tuoi repotage come al solito sembra di avere viggiato con te grazie e buona serata.

    RispondiElimina
  8. pensa che io ho qui un amico Thailandese e spesso mi dice che lui non si sente integrato in questa società...non a caso tornerà a casa il prossimo anno scaduto il suo permesso lavorativo. penso che crescere in Paesi del genere ti dia una visione della vita completamente diversa e tutta questa materialità e confusione occidentale sia destabilizzante (New York, che è già destabilizzante per me che sono Europea!!). affascinante Thailandia comunque, mi piacerebbe proprio andarci!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ci credo.... come può un thailandese ambientarsi a NYC? La vedo dura...
      Te la consiglio la Thailandia, è una fetta di mondo che merita di essere vista :)

      Elimina
  9. Certi posti ti rilassano ma soprattutto ti cambiano dentro! Non vedo l'ora di visitare la Thailandia :-) buona serata Manu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giuro che cambiano davvero :)
      Buona serata a te Dani! Smack!

      Elimina
  10. Non ho ancora visitato questo tempio, ma dopo questo post lo metterò fra le cose da vedere nel prossimo weekend a Bangkok. Sperando che torni un po' di tranquillità dato che da ieri la situazione è di nuovo tesa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho saputo... ma quanto mi dispiace! Non riesco a immaginare Bangkok violenta :(

      Elimina
  11. MI lasci sempre senza parole... non deve essere facile, in effetti, conservare quelle sensazioni e quell'equilibrio in un contesto come il nostro, così lontano per storia e cultura alla mentalità orientale... ma i tuoi racconti ti aiutano a rivivere quelle emozioni e a ritrovare quel quid che hai trovato in Thailandia, regalandocene un pezzetto anche a noi... grazie! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quanto sei carina! :)
      grazie mille a te, davvero!

      Elimina
  12. se decido di andare tra ottobre e novembre mi dai qualche dritta? :)

    RispondiElimina
  13. ho un bellissimo ricordo del wat saket! non appena varcato l'ingresso si entra in pace con i sensi, il caso del traffico di bangkok sembra solo un ricordo. sicuramente da non perdere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. proprio così, ecco.. tu puoi ben capirmi Andrea :)
      Il Wat Saket è un must imperidibile secondo me

      Elimina
  14. Che meraviglia di foto! Il monaco con lo smartphone non me l'aspettavo, proprio no XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille :) Ebbene sì, i monaci sono proprio come noi! :)

      Elimina
  15. Che voglia di scoprire questo Paese che, ahimé, mi manca. Hai già scritto diversi post sulla thailandia eppure riesci sempre a mettere a fuoco un aspetto o un particolare diverso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Patrick :)
      Io ti consiglio di fare un salto nel sud-est asiatico, magari passando anche per Laos e dintorni. Sono sicura che non rimarresti deluso!

      Elimina
  16. Ciao Manuela, sto progettando un viaggio in Thailandia e il tuo blog è un piacere da leggere e una fonte di informazioni utili! Hai qualche libro o guida da consigliarmi prima della partenza?
    Grazie mille
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, grazie mille :)
      Beh, io mi sono lasciata ispirare da "Un altro giro di giostra" di Terzani. Ti direi anche "Farfalle sul Mekong", ma non è all'altezza dell'altro libro :)

      Elimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: