riflessioni Thailandia

L'importanza del dire Grazie

lunedì, febbraio 24, 2014Manuela Vitulli


Ko Kun Ka significa grazie in thailandese. Se pronunciato da una donna.
Ko Kun Krap se pronunciato da un uomo.
Il fatto che il modo di ringraziare cambia a seconda del sesso evidenzia l'importanza della gratitudine nella cultura thailandese. 

Fedeli che ringraziano a The Golden Mountain, Bangkok


"Adesso sorride, congiunge le mani
e le porta al petto chinando la testa"

Corrado Ruggeri - Farfalle sul Mekong

Quante volte l'avrò visto fare. Si tratta di una pratica spontanea per questo popolo. Ripetuta decine di volte al giorno. 
All'inizio tutte quelle cerimonie mi hanno lasciata perplessa. 
Le mani giunte. Il capo chino. Gli occhi socchiusi. 
Per questo popolo non bastano le parole per ringraziare.
La gratitudine è nelle palpebre leggermente abbassate, nelle mani che si incontrano, nel capo che sfiora la punta delle dita. 
I loro occhi e i loro gesti mi hanno fatto riflettere. Mi hanno fatto approdare su un'isola di pace di cui ignoravo completamente l'esistenza.

I thailandesi dicono grazie quando acquisti qualcosa. 
I thailandesi dicono grazie quando lasci pochi bath di mancia prima di uscire dal bagno pubblico.
I thailandesi dicono grazie quando stai per tornare in camera dopo la cena. 
Dicono grazie dopo il saluto. Persino dopo averti accompagnato nella casa di Jim Thompson.

Dicono grazie anche se nella loro vita non va tutto a gonfie vele. Anche se il loro sorriso è una maschera e dietro di esso si celano sacrifici e sofferenze.
La chiamano terra del sorriso, ma è anche la terra della gentilezza.

Penso alla nostra arroganza dettata dai pregiudizi.
Un europeo che mette piede per la prima volta in Thailandia è convinto della propria superiorità culturale. Anche dal punto di vista umano.
E magari!
Sarebbe bello se la nostra percentuale di umanità si avvicinasse almeno lontanamente a quella thailandese.
Purtroppo non è così.

Siamo abituati a pensare che tutto ci sia dovuto, al punto tale da non ritenere necessaria alcuna forma di gratitudine.
E pensare che un grazie ti può cambiare la giornata. E soprattutto l'umore.
Un grazie appena svegli, un (utopico) grazie all'ufficio postale, in banca, per strada, al lavoro. 

Anni fa ho lavorato in un bar. I primi tempi un ragazzo che lavorava con me si era gentilmente preso la briga di spiegarmi le varie mansioni. Ed io non facevo altro che ringraziarlo. Quasi ogni minuto. 
Ero così ossessiva con quella smania di essergli grata che lui dovette placarmi.
E francamente ci rimasi un po' male. Dire grazie mi faceva stare bene.
E sono sicura che faceva piacere anche a lui. Anche se lo imbarazzava.

E' bello dire Grazie. E' liberatorio e crea un ponte invisibile con l'interlocutore. Un ponte fatto di rispetto e riconoscenza. Proviamoci.
Io credo nel potere della gratitudine. E voi?  


Buddha, Bangkok


You Might Also Like

57 commenti

  1. Bel post Manuela!
    Anche io ho la fissa del dire grazie, mi sembra una cosa molto educata e allo stesso tempo mi riconcilia col mondo.
    Anche in portoghese si fa la distinzione tra maschi e femmine: obrigado-obrigada.
    Grazie per questo post ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal tuo blog e dalle tue parole si riesce ad evincere la tua gentilezza. Io credo che il blog racconti molto della persona che lo scrive, sai? :)
      Non mi resta che dirti... Grazie Serena! :)

      Elimina
  2. Una sola parola distingue uno stile di vita. Per vivere meglio basta poco: il saluto, quando incontri qualcuno (anche se non lo conosci), ed un bel grazie! Evidentemente il livello culturale di questo paese è molto diverso dal nostro; sicuramente è superiore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, sotto alcuni aspetti è senza dubbio superiore. Lo credo anche io! :)

      Elimina
  3. Credo che avere la cultura del "grazie", del "per piacere" e del sorriso aiuti a stare meglio noi e gli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un dare e ricevere. Pienamente d'accordo :)

      Elimina
  4. Bellissimo Manu..non vedo l'ora di "testare" io stessa la loro gentilezza! Tra l'altro la foto dei bimbi è commovente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Marika! Appena torni mi dirai se è lo stesso per te! :)

      Elimina
  5. Bellissima questa cosa di aver addirittura due modi di dire differenti per uomini e donne, e poi anche tutta la gestualità è qualcosa di sorprendente!
    Io si ci credo e anche molto! Dico grazie per tutto, mi sembra una parola carina da dire ogni volta che qualcuno fa o dice qualcosa di carino nei miei confronti! Questa parola spesso è molto sottovalutata da noi. Un grazie esprime un sentimento positivo, di gratitudine, di piccola gioia. Secondo me è bello enfatizzare le cose positive. In Oriente questa cosa è molto viva. Da noi secondo me un po' meno, a volte certe cose si danno per scontate e si perdono queste piccole emozioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io l'ho trovata bellissima! Evidenzia ancora di più quanto questo popolo tiene alla gratitudine. Anche per le piccole cose.
      E noi non ci accorgiamo di quanto la parolina Grazie possa rendere un momento speciale.

      Elimina
  6. Tesoro mio, queste riflessioni sono piene di verità. In realtà spesso non siamo capaci di renderci conto di quello che abbiamo. La differenza tra la cultura occidentale e quella orientale risiede molto spesso nella concezione olistica, e nell'importanza dell'essere. Noi siamo spesso proiettati verso l'esterno, loro guardano l'interno. Questo gli permette di vivere in equilibrio con tutti (anche loro avranno difetti! :D ), il che non è poco.
    Grazie per svegliarmi il lunedì mattina così.. Ti abbraccio Tesoro mio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando noi abbiamo problemi (noi, inclusa me eh...) tendiamo a sfogarci con l'esterno, a ripercuoterli sulle azioni quotidiane. Loro invece non le mostrano. Hai ragione, quello che cambia è la proiezione del sè.
      Noi ci proiettiamo all'esterno, loro all'interno.
      Io ci sto lavorando, eh... ma dici che ce la farò a proiettarmi verso l'interno?
      Mai Pen Rai!
      Il tatuaggio me lo ricorda ogni giorno, la mente dimentica sempre.
      Un esercizio davvero impegnativo, spero non utopistico per me.
      Grazie per il tuo commento tesoro. M'illumini! <3

      Elimina
  7. "Ko Kun Krap" per questo pensiero di riscoperta del "grazie". bello bello bello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai... così mi fate commuovere! Grazie per essere passato di qui Simone :)
      Ko Kun Ka!

      Elimina
  8. Grazie per queste parole :)
    Sono belle e luminose come il cielo di questa mattina.

    Norma

    RispondiElimina
  9. Pensieri che fanno viaggiare, ma soprattutto riflettere su come ci poniamo di fronte al mondo.. Grande, bellissimo post!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te! Hai sperimentato anche tu quel tipo di VERA gratitudine :)

      Elimina
  10. Ci credo molto anche io, e anche nella gratitudine espressa senza parole.
    Alla fine, se una persona ti è grata, lo percepisci. Perché ha una propensione positiva verso di te, ne puoi quasi sentire l'energia (oddio, lo so che queste cose spirituali si addicono poco ad un materialista come me... ma fammela tirare ogni tanto^^)
    Sì, quindi, sono d'accordo con te... si crea qualcosa di positivo :D

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma tiratela pure! Sai che mi piace ;)
      Comunque hai ragione… grazie non è solo una parola che va pronunciata. La gratitudine si evince anche dai comportamenti.
      p.s. Mi piace Moz più sentimentale! :)

      Elimina
  11. Cavolo è vero, questa cosa della distinzione nei modi di dire fra uomo e donna non la scorderò mai! E quel rispetto che percepisci sempre e ovunque. Indimenticabile e tu me l'hai fatto rivivere! Grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te per la tua bellissima foto di stamattina :)

      Elimina
  12. Hai ragione: ringraziare ti dà uno sguardo più onesto sul mondo, e fa stare bene.
    Un abbraccio, Manu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. può essere una medicina :)
      Un abbraccio a te Vale!

      Elimina
  13. Il grazie si è perso nella notte dei tempi ora purtroppo tutto è dovuto e siamo causa, non sempre, anche noi genitori (io ormai sono fuori sono nonna), perchè per mancanza di tempo sopra tutto e per cercare di dare quello che noi non abbiamo avuto il dare era ed è diventato scontato, Non si dice e non ci si chiede chi riceve cosa si è dovuto fare..lavorare!!!!
    Il discorso del perchè sarebbe lungo e già come ospite mi sono permessa troppo...scusami.
    Io dico sempre prego e grazie e mi guardano come una bestia rara.
    Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quale scusami! Grazie a te per questo commento costruttivo :)

      Elimina
  14. Quante volte non lo diciamo e non siamo grati di quello che ogni giorno la vita ci mette a disposizione..bellissima la loro cultura, dovremmo prenderne spunto ^_^
    Buon lunedì tesoro <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la gratitudine spesso passa in secondo piano… dovremmo dare una scossa alla società, partendo da noi.
      ciao Consu :)

      Elimina
  15. sai che forse questo è il mio post preferito tra quelli che hai postato? anche io dò un'importanza particolare al ringraziamento perchè, fin da piccola, dicendo "grazie" leggevo la contentezza negli occhi della commessa, del cameriere, del barista che lo riceveva! ricordo benissimo che qualche anno fa io e il mio ragazzo andammo a cena con alcuni conoscenti che non vedevamo da tempo, e uno di questi, che poi non ho fortunatamente più visto, con arroganza mi riprese perchè continuavo a dire grazie al cameriere che ci stava servendo, giustificandosi dicendo che il cameriere stesse facendo il suo lavoro e non serviva gratificarlo. ci rimasi male e... continuai a ringraziare il cameriere XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo confesso… anche per me è uno dei migliori partoriti finora :)
      Son come te.. io ringrazio sempre! Per me è naturale!
      E continuiamo a farlo :)

      Elimina
  16. Della Thailandia ho adorato anche io la gentilezza e la "necessità" di ringraziare per ogni cosa. Un grazie non costa nulla e fa bene al cuore ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Federica per essere passata di qui :)
      Sì, un grazie fa bene al cuore! :)

      Elimina
  17. 6 lettere così difficili da pronunciare, a volte. La nostra infinita presunzione nel credere che i piccoli gesti ci siano "dovuti", il nostro eGosistema che ci fa dimenticare che non siamo superiori, a nessuno. Certi viaggi ti restano dentro perché ti sbattono in faccia comportamenti e culture lontane che ti aprono un mondo, un panorama su piccole cose che ogni giorno ci sfuggono.
    Le piccole cose... quanto sono importanti?
    GRAZIE manu per questo post, è davvero bello.

    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. piccole cose. La felicità è fatta di piccole cose.
      Grazie a te tesorino <3
      Sai apprezzare davvero le piccole cose!

      Elimina
  18. Grazie per aver scritto questo post! Tutti lo dovrebbero leggere e mettere in pratica. (Intanto comincio io ;-)
    Cris

    RispondiElimina
  19. Tutti dovrebbero leggere questo post e metterlo in pratica! Intanto comincio io: Grazie per averlo scritto! :-)

    RispondiElimina
  20. che bello questo post, mi è piaciuto tanto :)
    anche io sono solita riempire di grazie, perché ci tengo, ci tengo tantissimo.
    E infatti non sopporto quando (scusa se cito anche io il bar) non si ringrazia nemmeno per il caffé e si fa tutto come se fosse dovuto "un caffé." Ma un ciao, un per favore e un grazie costano caro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche al bar, hai ragione!
      No, per me i grazie sono fondamentali! Anche nelle giornate NO! :)

      Elimina
  21. ricordo la loro gentilezza e i loro sorrisi.. riconoscere che non è tutto scontato ci fa essere più ricoscenti con gli altri ed apprezzare maggiormente anche le piccole cose. 'Grazie' per questo post :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Cri per questo dolce commento :)

      Elimina
  22. Purtroppo l'arroganza fa da padrona. Proprio qualche giorno fa ero in ospedale per una visita e a un certo punto, dopo aver assistito alla scortesia di un'infermiera, mi sono voltata verso mio padre e gli ho chiesto: "ma come mai negli ospedali alla gente girano sempre le scatole?". E lui mi ha risposto: "solo negli ospedali?". Concordo con te, un grazie cambierebbe la giornata. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh… l'ospedale… ne so qualcosa!
      Proprio in ospedale ci dovrebbe essere la percentuale di gratitudine più alta!

      Elimina
  23. è probabilmente la prima parola che si impara in thailandia insieme al benvenuto :)) oltre ad essere la terra del sorriso è anche quella della gentilezza, cosa che da noi è scomparsa da un bel po' di tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per questa bellissima frase :)
      Grazie!

      Elimina
  24. Grazie per questo post! Una riflessione non banale su una parola, che diventa un gesto e un modo di essere da recuperare e rivalorizzare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe bello se riuscissimo davvero a ridare valore al grazie :)
      Grazie a te!

      Elimina
  25. assolutamente d'accordo con te Manuela, ringraziare è qualcosa che noi europei/occidentali non sappiamo più fare perchè convinti che tutto ci è dovuto e che siamo superiori a tutto e tutti..non c'è cosa più sbagliata.
    Io credo nel potere del grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io ci credo! che bella cosa :)

      Elimina
  26. Lo credo anche io, e in fin dei conti la gratitudine la vedo connessa al pensar che nulla nella vita è da dare per scontato e nulla è dovuto. Bel post Manuela!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Enrica!
      Dici bene: nella vita nulla è scontato! :)

      Elimina
  27. Ben detto! Anch'io dico spesso grazie quando qualcuno mi aiuta in qualcosa (come dicevi tu sul posto di lavoro) e sono così tutti a corto di gentilezza oggi che mi vien ancora più voglia di ringraziare, magari a qualcuno potrebbe tornare....la voglia di dire grazie ;) o per favore. . .. anche questo estinto ormai! Baciuzzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io lo dico troppo spesso... fino alla nausea :) ma trovo che i grazie non siano mai troppi!

      Elimina
  28. Ciao Manuela, bel post!
    Hai ragione, ringraziare fa star bene e non dovrebbe bastare mai!
    Pensa che un giorno ero in un'agenzia e dico a mio marito: per favore, non è che vai in macchina e mi prendi quel plico che c'è sul sedile? Grazie!
    La ragazza d fronte a me mi dice: ma gli hai detto grazie... che bello!
    Io son rimasta basita, forse perchè tra di noi è normale ringraziarsi per ogni gesto, ma a quanto pare non per tutti è così!
    L'unico vantaggio di quella chiacchierata è stato il suo sorriso!
    Ciao e a presto!!
    -Alwy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ebbene sì, molti pensano che tra parenti e amici non ci sia bisogno di un "grazie", ma non è affatto così. Non è mai scontato ringraziare, anzi! :)

      Elimina
  29. Ecco un bel post di travel blogging, che parla di cultura e valori, al di là delle info pratiche...brava e direi anche grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto ci vuole. Anzi, spesso ci vuole più questo dei "semplici" post sulle info pratiche che si trovano anche nelle guide.
      Grazie mille :)

      Elimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: