Asia koh samui

Perchè non andare (solo) a Koh Samui

sabato, gennaio 25, 2014Manuela Vitulli


Un titolo provocatorio, lo so.
Prima che possiate pensare che Koh Samui sia un'isola da depennare per un eventuale tour thailandese, mi spiego meglio.
Per quella che è la mia filosofia di viaggio e di scoperta, non esiste posto che non meriti di esser visto.
E se anche esistesse, Koh Samui non sarebbe uno di questi.
Il compromesso ideale sarebbe andare Koh Samui senza escludere il soggiorno nelle altre isole vicine, ecco.


Koh Samui, Wat Plai Laem, Buddha dalle 18 braccia

Sono arrivata a Koh Samui dopo due notti a Koh Tao e altre due a Koh Nang Yuan, due isole che ancora oggi si possono definire incontaminate. Tanta natura selvaggia, spiagge favolose, tramonti mozzafiato, strade sterrate e nemmeno un fast food. L'ideale per chi cerca quei posti da favola che fanno sognare anche da casa.

Molte guide turistiche (cartacee e non) parlano allo stesso modo di Koh Samui, definendola un paradiso terrestre, il luogo migliore per fare snorkeling e staccare la spina. 
Non me ne vogliate, ma non è affato così.
Sin dal principio, da appena sono scesa dal traghetto stracolmo di gente, ho avuto la sensazione che l'isola sarebbe stata decisamente affollata. 
E guardando il paesaggio dal finestrino, mentre il taxi mi conduceva dal porto all'hotel a Lamai Beach, quella sensazione è diventata una certezza. 
Strade affollate, traffico, rinomate catene di fast food, negozietti, ristoranti, cambiavalute, "affitta-una-moto".

E tanti saloni di massaggi (che avevo già visto e provato nelle altre isole, ma senza la dozzina di ragazze dagli abiti succinti che fanno così tanto Thailandia - o almeno quella concezione della Thailandia che è così diffusa qui da noi). 
Pensare che prima di arrivare a Koh Samui stavo per convincermi che fossero solo una leggenda metropolitana!
Dopo aver già sperimentato il massaggio thai sia a Koh Tao che a Koh Nang Yuan, ho deciso di provarlo anche qui.  
Piccola premessa: il massaggio tradizionale thai non è proprio una goduria. O meglio, lo diventa solo alla fine del massaggio. Si tratta di un massaggio caratterizzato da manovre abbastanza forti e se si ha una soglia del dolore piuttosto bassa potrebbe risultare molto fastidioso, addirittura tremendo.
Nel mio caso il massaggio è stata un'esperienza fantastica e rigenerante, una manna dal cielo.
A Koh Samui è stato molto più difficile scegliere il centro massaggi più "consono" alle mie esigenze. Insomma, di centri massaggi ce ne sono tantissimi, ma mentre a Koh Tao e Nang Yuan tutto è "trasparente" già dall'esterno e le ragazze indossano sempre camici professionali, a Samui gran parte dei saloni di massaggi espongono le loro donne avvenenti come biglietto di visita. 
Quando finalmente ho trovato un centro massaggi più professionale, alla fine del trattamento mi sono accorta che anche loro erano provvisti di un "retrobottega". Eheh.
Ma poco male. La donnona (il doppio di me!) che ha camminato sulla mia schiena ha saputo farmi rinascere!
I prezzi dei massaggi (veri e propri) sono sempre molto bassi. Pensate, 300 bath (meno di 8 euro) per un'ora!
 

Koh Samui

Per la sua frenesia, per il traffico, per la varietà di ristoranti e locali, Koh Samui mi è sembrata una piccola Bangkok, ma molto molto più turistica.
Già una quindicina di anni fa in Un altro giro di giostra Terzani parlava di Koh Samui come un'isola snaturata dal turismo. Ci era già stato e la ricordava con la sua foresta tropicale, le cascate d'acqua, il mare color giada e le palme di cocco.
Non oso immaginare cosa direbbe se potesse vederla oggi!
Negli anni son cambiate tantissime cose. Moltissimi chef europei (tra cui molti italiani) hanno scelto proprio Samui per esportare la loro cucina raffinata. Infatti l'isola è piena zeppa di ristoranti di classe in stile europeo.
Mentre a Koh Nang Yuan e Koh Tao la cucina thai è l'unica opzione per i pasti, pare che a Koh Samui la tradizione venga meno e la cucina sia esclusivamente fusion o internazionale.

C'è qualcosa che ho apprezzato di Samui?
Certo che sì! Il giro dell'isola è un'esperienza da fare. Ma non col bus, con la moto!
Affittare una moto non solo è davvero molto conveniente, ma è anche il modo ideale per andare da una parte all'altra dell'isola senza spendere troppo con i taxi (che a Samui hanno tariffe non troppo convenienti).
Alcuni ragazzi americani ed altri italiani che abbiamo incontrato sul posto ci hanno definito pazzi perchè le strade di Samui non sono proprio le più sicure: scarsa illuminazione, molte curve e troppa poca prudenza.
Il numero di incidenti stradali è infatti altissimo e persino una commerciante thailandese con cui abbiamo chiacchierato ci ha messo in guardia sui pericoli della strada. 
Il casco è un optional e gli unici che scelgono di indossarlo siamo noi, gli stranieri. 
Per non parlare del numero indefinito di persone che possono salire a bordo di un'unica moto. Ho visto intere famiglie (parlo di 4-5 persone, bambini inclusi) sfrecciarmi davanti su un unico veicolo. 
Non ci credete? Niente è impossibile su una moto a Samui!
Al di là dei pericoli, la moto è il miglior mezzo per spostarsi, per non dipendere dai taxi e per assporare quel senso di libertà che DEVE essere gustato in viaggio.


Koh Samui, luoghi e oggetti sacri

I posti più belli sono i luoghi sacri. Poco battuti, perchè a Samui la gente viene soprattutto per divertirsi, specialmente di notte.
Wat Plai Laem, il Buddha dalle 18 braccia è qualcosa di sensazionale. Così come il grande Buddha cinese. Entrambi così grandi e colorati da risultare anche un tantino kitsch. Ma meravigliosi, davvero.
Peccato solo per la sporcizia. Fare lo slalom a piedi scalzi tra gli escrementi di cani e piccioni non è proprio il massimo!


Koh Samui, Buddha cinese

Koh Samui, locale

Un'altra stranezza di Samui? Le tante bottiglie di benzina in vendita per strada come se fossero piene d'acqua. Che se qualcuno per "gioco" lancia un fiammifero esplode tutto.
Ho trovato un bell'espositore di una ventina di bottiglie di benzina a bordo strada a due metri da questo localino raggae interamente fatto di legno. Appena ho letto su un cartellone "Stasera spettacolo coi fuochi" ho tolto il disturbo. Finire abbrustolita a Samui non dev'essere il massimo, no. 


bimbo a Koh Samui

Koh Samui, giardini cinesi

Koh Samui, scatti per strada

GrandFather Rock & GrandMother Rock, Koh Samui

Se non avessimo avuto la moto di certo lo "spettacolo" delle formazioni rocciose a forma di genitali me lo sarei perso.  Sì, avete capito bene. Queste due rocce sono state chiamate Grandfather Rock e Grandmother Rock e la cosa assurda è che si trovano una accanto all'altra!

Il posto più affascinante a Samui è sicuramente il Grande Buddha.
Un'ampia scalinata conduce a questo gigantesco Buddha thailandese circondato da un'infinità di campane e dal mare. Decisamente poetico.

Koh Samui, The Big Buddha

Ripeto, Koh Samui è un'isola che va vista, ma ben consapevoli che l'essenza della Thailandia non è questa.
Vi lascio con le parole del buon Terzani, che come sempre sa spiegare certe cose molto meglio di me.

"L'Oriente diventava sempre più una brutta copia di casa nostra
e quel tesoro di diversità che ci aveva attratto stava rapidamente scomparendo
soffocato dal progresso."


You Might Also Like

53 commenti

  1. Quanto amo i tuoi post sulla Thailandia! Purtroppo, a parte qualche luogo ancora incontaminato, anche questa terra bellissima sta diventando un prodotto del turismo di massa.. che tristezza :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Eli :D
      Purtroppo credo che ogni angolo della Terra prima o poi sia destinato a fare questa fine. Stiamo snaturando tutto col turismo di massa, ahimè.

      Elimina
  2. Io vado a Phuket perchè a marzo è più indicata, però 3 notti le passo alle phi phi, in un bungalow sull'albero privo di acqua calda :D ma sti cavoli, sono in vacanza e voglio stare a contatto con la natura! :) Già mi immagino a camminare beata mentre centinaia di spogliarelliste fanno i loro spettacoli ahahaha :) un bacio Manu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io a Nang Yuan e Koh Tao sono stata in bungalow senza acqua calda. Se cerchi qualcosa di autentico, l'acqua calda te la sogni! :D

      Elimina
    2. Ma tanto come dici tu: siamo gggiooovani :P che ce ne frega tesoro!

      Elimina
    3. esatto! :) ci stava tutta anche l'iguana e l'uccellino in camera :)
      Curiosa di sapere che animali troverai tu. Che meraviglia *.*

      Elimina
  3. Pure a Napoli puoi vedere 4 persone su un motorino :p
    Comunque, sarà anche un finto posto per rilassarsi, ma dalle foto sembra comunque bello...
    Certo, resta l'amaro in bocca dell'aspettarsi qualcosa che poi non è, io per esempio avrei sterminato tutti godendomi il paradiso XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahaha dici che Samui è come Napoli? :)
      Cominque non è impossibile rilassarsi a Samui, ma non è certo un paradiso. Bella, ma non troppo. Il paragone con le altre isole vicine ancora incontaminate la "distrugge" :)

      Elimina
  4. Come sempre un resoconto che ci rende partecipi di un viaggio che magari non faremo mai, le foto sono meravigliose! Caterina www.imieioutfit.blogspot.com

    RispondiElimina
  5. Ho veramente una passione viscerale per i buddha giganti, è per questo che DEVO andare in quelle zone quest'anno, devo finalmente poterli vedere con i miei occhi!
    Un bel post Manu, come sempre, pieno del tuo modo di vivere i viaggi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a chi lo dici! io adoooro i Buddha, soprattutto giganti! Ale aspetto il tuo viaggio in Thai allora :) Ti ci vedo, immagino saprai apprezzare le bellezze di questa bellissima terra.
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Ecco, io sono una di quelli che ha trovato il massaggio thai decisamente massacrante!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah una delle tante! Io l'ho amato. A tratti snervante durante il trattamento, poi diventa una goduria! :)

      Elimina
    2. Uno dei pochi vantaggi del turismo di massa che anche i massaggi thai si sono un po' addolciti.

      Elimina
  7. Molto bello mi godo il viaggio assieme a te sono luoghi che a meno di fare una vincita oggi non me lo posso permettere perchè data l'età non più giovane per intraprendere viaggi tipo al sacco, necessitiamo di molte comodità almeno dopo lunghe passeggiate per vedere i luoghi, che certamente hanno il suo costo. Dopo un infartino 12 anni fa ci devo pensare.....Grazie del viaggio e buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Edvige!
      Spero di farti viaggiare un pò con i miei post :)

      Elimina
  8. Le tue citazioni di Terzani sono sempre molto pertinenti :)
    Un abbraccio Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Vero!
      Terzani è un maestro. Riesce a parlare di qualsiasi come pochi altri riuscirebbero a fare.

      Elimina
  9. mamma mia, che brutta cosa il fatto che l'oriente si stia occidentalizzando così tanto, mi chiedo fra tanti anni come diventerà e se riuscirò mai a vederlo prima che deteriori del tutto :(
    ps: pensa che quando ho visto le due rocce ho detto "ma!!! no ma forse sono io che penso male" e invece.. ahahhaaha

    ciauu cara, è sempre un piacere leggere i tuoi viaggi ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah e invece no! Avevi capito benissimo!
      Grazie Eli per i bei commenti. Un abbraccio!

      Elimina
  10. Grazie Manu x aver condiviso luoghi, emozioni e consigli! Penso davvero che la Thailandia sia un luogo incantevole da vedere almeno una volta nella vita ma partendo sempre dal presupposto che il turismo probabilmente distruggerà la vera essenza del suo cuore..
    Un bacio e buona domenica <3
    la zia consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci sono ancora zone molto autentiche. Purtroppo Samui non è una di queste.
      Un bacione a te Consu!

      Elimina
  11. Le foto scattate per strada sono favolose!

    RispondiElimina
  12. anche a Catania famiglie intere sul motorino! ahahah a parte i fast food abbiamo qualcos'altro in comune con la Thailandia :) comunque hai ragione, purtroppo il turismo di massa sta per rovinare tutti i luoghi naturali e incontaminati..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah bel paragone! :D
      Eh purtroppo sì. Il turismo di massa è letale.

      Elimina
  13. che strano posto questo che descrivo. Dalle foto vedo tante sfumature diverse e le tue parole ne sono la perfetta cornice.
    Una cosa che mi ha colpita molto: il colore. Vedo colori brillanti e accesi, sicuramente il tutto risulta un po' kitsch come dici tu... ma ogni luogo merita di essere visto :)
    Ti abbraccio tesoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni luogo merita. Di certo Samui lascia brillare gli occhi davanti a enormi Buddha, spiagge e mercati locali. Ma c'è molto di meglio :)

      Elimina
  14. Bel posto davvero :)

    www.aloverofgossip.blogspot.it

    RispondiElimina
  15. Quanti colori nelle tue foto! Bellissime! Ma quanto sono grandi i Buddha!?! Davvero giganti e affascinanti. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. enormi! soprattutto l'ultimo, il più bello :)

      Elimina
  16. hai fatto delle foto meravigliose, la visitai nel 1989 era ancora sconosciuta ai più un vero paradiso, mentre mi sono persa le altre isole :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. immagino. Sicuramente nel 1989 era molto più vera.
      Grazie Enrica. Grazie anche per la preziosa testimonianza :)

      Elimina
  17. il fascino orientale è davvero irresistibile, spero continuino a mantenerlo ancora, almeno fino a quando potrò visitare anche io questi magnifici posti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo spero tanto anche io! mi piange il cuore...
      Un abbraccio Sara!

      Elimina
  18. queste foto sono talmente belle che sembrano irreali !!! <3
    che ne dici di seguirci a vicenda? mi farebbe molto piacere!
    ti aspetto da me :*
    bacibaci
    veronica

    RispondiElimina
  19. Bellissimo report di viaggio!!!

    Grandmather e Grandfather??? In Sardegna ci sono Il Rapace e il suo Nido ... cerca e troverai!!!

    Ciao!

    RispondiElimina
  20. condivido la tua filosofia, amo viaggiare e andrei ovunque, ogni posto merita di essere visto... Samui sembra un posto stupendo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo è, anche se preferisco decisamente altre isole thailandesi!

      Elimina
  21. Ecco "assaporare quel senso di libertà che DEVE essere gustato un viaggio" è una frase che condivido totalmente; se c'è una cosa bella è quella di muoversi liberamente (senza restrizioni su come/dove - nei limiti possibili).

    Tu comunque mi stai facendo impazzire per questo oriente; sono cresciuta con una madre innamorata persa dell'Africa, quindi non ho mai badato a ciò che si trova più ad est.
    All'università mi sono appassionata di cinema ed un corso era su quello orientale; i film da studiare erano logicamente di registi orientali, girati in Oriente, con attori orientali e paesaggi orientali. Sono rimasta affascinata da quelle culture.
    Poi c'è stato Pechino Express che, banalmente, ha fatto aumentare quest'attrazione.
    Ora ci sei tu, con i racconti e le foto di un mondo lontano che ormai mi ha fatta innamorare.
    Riuscirò mai a vederlo non solo tramite delle immagini?
    Intanto con i tuoi post sogno!
    Un abbraccio.

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te lo auguro con tutto il cuore, cara Ali <3

      Elimina
  22. io sono stata in Thailanda più di dieci anni fa... credo sia il momento di ritornarci!
    Nameless Fashion Blog
    Nameless Fashion Blog Facebook page

    RispondiElimina
  23. Beh le tue foto sono sempre stupende... spiace sempre sentire che un luogo sia "snaturato" dal turismo, dato che il turismo dovrebbe invece essere la cartina tornasole di un amore e un rispetto per i luoghi che si visitano e che diventano parte di noi... purtroppo non tutti hanno questa idea di "viaggio" e i risultati si vedono... detto ciò io una visita a Koi Samui me lo farei molto volentieri! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, una visita ci vuole eccome! :)
      Come dici tu stessa, però, il turismo non dovrebbe snaturare l'essenza di un Paese. Eppure è quello che sta accadenedo un po' ovunque...

      Elimina
  24. Purtroppo il turismo di massa ha questi effetti. Io sono stato a Phuket e in certe zone sembrava davvero di essere a rimini, per fortuna però basta noleggiare un motorino e si può andare alla scoperta di spiagge ancora bellissime e quasi intatte.

    RispondiElimina
  25. Bellissime foto, Samui sembra un bel posticcino.
    Prima o poi inizierò pure a io a viaggiare. Dici che ce la posso fare?
    Un bacio
    Miky

    RispondiElimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: