#Valleditriatour Blog & Social Media Tour

Un ashram... nel cuore di Cisternino

martedì, settembre 03, 2013Manuela Vitulli




Figlia di questa società occidentale continuamente in corsa (verso cosa???) e in cui il miglior biglietto da visita è un aspetto fisico curato, sono sempre stata abituata a vedere il mio corpo come una parte fondamentale della mia persona, alla stregua dei miei pensieri e della mia anima.
Anzichè considerare il corpo come un insieme di tessuti e molecole costituite a loro volta da piccoli e insignificanti atomi, come tantissime altre donne mi ritrovo spesso a fare i conti con doppie punte da eliminare e chili di troppo da smaltire al più presto.


Pochi giorni fa, dopo aver fatto un "terribile" incubo in cui davo un taglio netto ai miei capelli (sono mooolto lunghi),  ci ho riflettuto su. 

Posso essere così legata ai miei capelli? Posso essere così attaccata a qualcosa che inevitabilmente ricrescerà col tempo?

Ho fatto questo sogno pochi giorni dopo aver visitato l'ashram di Babaji di Cisternino e mentre avevo "all'attivo" la lettura di Un altro giro di giostra di Terzani.  
Coincidenze? Risonanze?


 L'ashram di Babaji a Cisternino è uno di quei posti che non mi sarei mai sognata di trovare nel cuore della Puglia, una regione profondamente legata alle tradizioni.. tradizioni così lontane dagli insegnamenti spirituali che si apprendono in un ashram. 

Eppure all'ingresso siamo stati accolti da un messaggio scritto a chiare lettere: "Qui cerchiamo di vivere secondo l'insegnamento di Babaji: in verità, semplicità e amore". 

Si può definire lontano dalla Puglia un messaggio che dovrebbe essere vicino all'umanità intera?

Gli insegnamenti che i discepoli di Babaji si impegnano a trasmettere ai visitatori non offrono una nuova religione, ma cercano di mostrare la giusta via per arrivare alla conoscenza del cuore e della mente.
Sono rimasta affascinata da quest'oasi di pace immersa tra le chiancole dei trulli e la natura della Valle d'Itria.
Durante tutto il tempo della visita mi è sembrato di aver spinto il tasto "reset" eliminado le futilità che mi tediano nella vita quotidiana e ripartendo con un nuovo spirito, in armonia con la natura e con chi mi stava attorno.
Ascoltando la storia di questo posto a partire dalle sue radici in India, mi ha particolarmente affascinato l'annullamento dell'importanza del corpo: "Un giorno il vostro corpo verrà bruciato e ridotto in cenere, non abbiate attaccamento per esso"

Pare che in India venga ancora chiesto a visitatori e futuri discepoli di "liberarsi" dei capelli.
Io non ce la farei mai - è stata la prima cosa che ho pensato.


Al di là delle scelte più estreme e e dell'identità religiosa di ciascuno, visitando posti come questo credo sia possibile riconciliarsi col mondo e fare un viaggio introspettivo dentro di sè.

Stacchiamoci per un attimo dal corpo e dissetiamoci, perchè la sete di potere avvelena l'anima. 
Prendiamoci cura del nostro spirito, dedichiamoci all'anima come se fosse un bonsai da trattare con cura.

Dopo essere cresciuta per anni con degli ideali sbagliati che continuano a bersagliare la mente, mi sento un pò a metà, divisa tra l'Occidente e l'Oriente, tra i falsi miti del successo e dell'estetismo e la ricerca della pace interiore
Gli uni annullano l'altro, e viceversa. 

Mi impegnerò a staccarmi da quel che non mi serve. Di progressi ne ho già fatti e imparerò a fare di meglio.
Promesso.

E il corpo?
A guardare quelli che sbrigativamente venivano mandati in fumo sulle pire
pensavo a quanto noi ci identifichiamo col nostro corpo e a come ci è impossibile staccarcene.
Persino le nostre speranze di immortalità e resurrezione hanno a che fare col corpo.

Tiziano Terzani - Un altro giro di giostra




You Might Also Like

30 commenti

  1. Non dovrebbe poi essere così difficile vivere in verità, semplicità e amore. Ma perché non lo fa quasi mai nessuno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella domanda Andrea! Siamo troppo presi dal lavoro, dall'ostacolare l'altro per raggiungere il successo.. e ci allontaniamo dal vero obiettivo!

      Elimina
  2. Un contrasto che crea davvero una sorta di cortocircuito: di colori, di senso, di tutto! E' bellissimo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì Miki. E chi lo doveva dire che nella mia terra avrei trovato quest'isola di pace e colori immersa nella natura? :)

      Elimina
  3. Forse una via di mezzo è l'ideale, teniamoci i capelli, per quello che sono, capelli appunto.
    Certo che è una bella scoperta trovare un ashram a Cisternino. La Puglia è tutta da scoprire e se fa anche meditare un po', meglio.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i capelli me li tengo.. e cerco una via di mezzo, come dici tu :)
      Ho avuto la tua stessa reazione quando mi hanno portata in questo ashram. Ci vivo a pochi km di distanza e non ne ero a conoscenza! Assurdo!

      Elimina
  4. Un ashram nel cuore della Puglia? Non lo sapevo! Pensa che stranezza: tu ieri pubblichi un pezzo con una citazione su Terzani, mentre lo faccio anch'io sulla mia pagina Facebook. Siamo state in sintonia di pensiero :) Eccolo qui: "Quel che mi è sempre piaciuto del buddhismo è la sua tolleranza, l'assenza del peccato, la mancanza di quel peso sordo che noi occidentali, invece, ci portiamo sempre dietro e che è in fondo la colla della nostra civiltà: il senso di colpa. (...) Il buddhismo non ti chiede mai nulla, tanto meno di diventare buddhista". Tiziano Terzani, Un indovino mi disse.
    Anch'io, come te, sono attaccatissima ai miei lunghi capelli, ma poi faccio un corso di meditazione in Myanmar per imparare il non attaccamento alle cose e alle sensazioni. Siamo sempre in bilico tra materiale e spirituale. Sempre in viaggio interiore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) Terzani è un bel filo conduttore, non ti sembra?
      Cercare il giusto equilibrio tra quel che è materiale e quel che è spirituale mi sembra l'unica soluzione. Il viaggio è anche questo, dentro di noi.

      Elimina
  5. Ciao Manuela, conosco questo ashram, faccio yoga da 10 anni e cerco quotidianamente di portare avanti i principi di distacco e di verità, semplicità, amore ma come dici tu la società occidentale non è pronta ancora ad abbandonare il superfluo, ma ho fiducia che le tante gocce possano formare un oceano di pace e serenità. Il libro che stai leggendo mi è piaciuto molto e mi ha portato a vedere un mondo che non conoscevo. ciao a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sto "centellinando" ogni singola pagina. Non è uno di quei libri da leggere e buttar via sulla mensola. Lo tengo sempre a portata di mano, perchè mi sta facendo scoprire una nuova filosofia di vita che incredibilmente mi fa stare BENE :)
      A presto e grazie per il tuo commento :)

      Elimina
  6. Credo sia più difficile di quanto sembri in apparenza, rinunciare a ogni superfluo condizionamento 'sociale' e farsi forza unicamente su una pace interiore appagante, oserei dire 'felice'. Ma, perciostesso, quanto vivremmo meglio, se riuscissimo a farlo? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trovare il giusto equilibrio credo sia l'unica possibilità per noi occidentali che dovremmo "forzare" queste rinunce! :)

      Elimina
  7. Non penso servano altre parole, oltre quelle riportate nel tuo articolo pieno di spunti di riflessione e di significati, per descrivere verso dove stiamo andando....ma mi piace, comunque, riportare una frase di un libro che ho appena finito di leggere:
    "Da qualche parte c'è qualcuno, per il quale nessuno ha votato, che spinge perché il mondo giri sempre più alla svelta, perché gli uomini diventino sempre più uguali in nome di una roba chiamata "globalizzazione" di cui pochi conoscono il significato e ancor meno hanno detto di volere. (T. Terzani - Un indovino mi disse)."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Antonio :)
      Ho cercato di fare del mio meglio, uscendo un pò dagli "schemi" dei soliti articoli.
      Avevo proprio voglia di scrivere quel che da un pò inizia a incuriosirmi e farmi riflettere su quanto siamo abituati a correre senza soffermarci su quel che davvero conta.
      Grazie ancora! :)

      Elimina
  8. E' stato un piacere conoscere te, il tuo blog e leggere il tuo post. Penso ci sarà pane per i miei denti e tornerò a spulciare ben presto. Mi hai fatto sorridere... anche io non riuscivo a separarmi dai miei capelli fino a che sono andata... decisamente un cambiamento che non mi sta affatto male! In quanto alle tue meditazioni... è vero. Ma intanto fino a che ci viviamo dentro dobbiamo avere cura del contenitore della nostra anima! Intesa come essenza eterea dell'uomo, non come riferimento religioso (che purtroppo non ho!). Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Elly :)
      Hai colto esattamente quello che volevo dire.. non parlavo di spiritualità religiosa, ma di spiritualità interiore :)

      Elimina
  9. Sai che da poco mi sono approcciata a Terzani, il Lui ha letto molti suoi libri e ne è rimasto colpito. Io ho iniziato da uno più difficile (parla di una Cina che già non è la stessa di opggi) e ho fatto difficoltà a continuare... ho divagato un po' troppo.

    Credo la pace interiore la si possa raggiungere indipendentemente da quello che si ha o non ha, e non necessariamente attraverso alla privazione. Ognuno avrà un suo modo, e chissà magari non la si ragigunge mai. Sono comunque riflessioni che è giusto fare, magari senza demonizzare la realtà in cui viviamo ma cercando di migliorarne alcuni aspetti.

    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. apprezzo il tuo punto di vista! A volte alcune cose di questa realtà proprio non mi piacciono, ma come dici tu demonizzare è eccessivo :)
      Per quanto riguarda Terzani.. bisogna leggerlo in periodi particolari della vita, a mio avviso!

      Elimina
  10. Bellissimo questo post, davvero!
    Anche io ho lo stesso "problema" con i capelli e mi sento divisa tra Oriente e Occidente proprio come te.. beh, cerchiamo di continuare a fare passi avanti :)
    Ps: il libro di Terzani sembra molto interessante, lo terrò presente!
    A presto, baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora continuiamo il nostro cammino!
      grazie mille :)

      Elimina
  11. La religione come la politica e aggiungendo anche il potere dato da denaro sono due rovesci di una stessa medaglia. In nome della religione, ragion politica e vile denaro il fanatismo ci va a nozze. Nessuna religione, soffermandoci su questa ti indica di fare del male ma purtroppo la lettura lascia all'interpretazione come le leggi nella politica. Una virgola un punto altro non letti o volutamente ignorati cambiano il senso alla frase poi incontrando in ambi di casi un buon imbonitore il gioco è fatto. Tutte le religioni hanno portate al fanatico male e continuano a farlo in vari modi l'unica che non ha mai predicato il male ma solo subito è il buddismo a mio parere personale. Ne Gesù ne Maometto hanno sicuramente detto uccidete ma tutti si riempiono la bocca di comandamenti mai dati. Nel Caucaso a maggioranza islamica come religione seguono quella cosidetta attinente alle basi non violenta e le donne non sono obbligate a nascondersi, non in tutto ma nella stragrande maggioranza.
    Si conosco questo posto nella Puglia ed è un oasi di pace ci si concilia con quanto ci circonda.
    A proposito dei capelli esiste una credenza antica del famoso codino cinese che se viene tagliato tu nei tuoi viaggi extra corporei non riesci a rientrare nel tuo corpo perchè hai perso la "chiave". E' come Sansone con la sua capigliatura e ancora oggi i capelli inconsciamente anche a noi occidentali il tagliarli e come privarsi di una nostra appendice.
    Scusa il lungo commento puoi sempre eliminarlo ovviamente è un mio pensiero. Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. figurati! Non lo eliminerei mai, anzi.. più un commento è lungo e "sentito", più mi fa piacere! :)

      Elimina
  12. un ottimo proposito, mi impegnerò con te :-)

    RispondiElimina
  13. E' un bellissimo posto, ma non credo lo farei, più che altro la considero un po' un'esperienza che non mi appartiene, com ela spiritualità e la religione, ma chissà... in futuro :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in futuro forse ti ricrederai! :)
      anni fa l'avrei pensata come te!

      Elimina
  14. Mi hanno colpito attimo dopo attimo tutte le parole che ho letto.É molto difficile non farci stritolare psicologicamente nella società in cui viviamo ma é questo il lavoro che ognuno di noi deve cercare di fare su stesso.Cerchiamo di abbandonare i ritmi frenetici e di non farci stritolare da chi ci vorrebbe diversi.Non possiamo certo isolarci su un monte,ma non dobbiamo permettere a ideali sbagliati e falsi miti di distruggere il nostro equilibrio. Essere sereni dentro aiuta ad essere migliori anche con il nostro prossimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Rita! Sei sempre così gentile :)
      L'equilibrio.. ecco cosa dobbiamo trovare!
      Un forte abbraccio!

      Elimina
  15. Ho apprezzato molto questo post. Mi piacerebbe invitarti in Toscana per un giro in alcuni luoghi spirituali della regione. Spero un giorno o l'altro si possa realizzare :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie..
      Mi piacerebbe moltissimo! Tutto si può fare ;)

      Elimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: