America New York

Mangiare a New York: un attentato alla dieta?

sabato, giugno 29, 2013Manuela Vitulli


mega hamburger da 5 napkin burger

Avete mai sentito parlare del video shock Super Size me? Si tratta di un documentario made in USA che condanna i fast food americani come causa dell'alto tasso di obesità tra gli adolescenti statunitensi. 
Vidi questo video durante una lezione di inglese del primo anno di liceo. Ricordo che ne rimasi sconvolta. Non avendo mai amato Mc Donald's e simili, questo documentario non fece che peggiorare il mio ribrezzo nei confronti dei  mega panini tuttora amatissimi dai miei coetanei, vittime di un bombardamento pubblicitario assurdo che in molti di loro ha provocato dipendenza.
Benchè mi piacerebbe soffermarmi nel parlare della scarsa qualità degli ingredienti utilizzati da molte di queste multinazionali, vorrei sfatare un mito
America non è sinonimo di fast food, e il tipico hamburger americano non è sinonimo di porcheria [e se ve lo dico io, acerrima nemica di ketchup e maionese, dovete credermi].


uno degli innumerevoli Mc Donald's a NYC. Qui siamo a Chinatown.

All'inizio di quest'anno sono partita negli Stati Uniti con un'idea del tutto sbagliata di quella che è la loro cucina, per scoprire con immenso stupore che New York è un insieme eterogeneo di personalità e culture differenti miscelate tra loro non solo per strada, ma anche a tavola.
Ristorantini di tutte le etnie si fanno compagnia l'uno accanto all'altro, alcuni anche combinando varie tradizioni culinarie ottenendo la cosiddetta cucina fusion, avviatissima negli USA e sbarcata da non molto in Italia.
E così ho dovuto ricredermi, sentendomi stupidamente vittima di uno degli ennesimi luoghi comuni sull'America.
New York offre un incredibile melting pot culinario, un'orgia di sapori, colori e profumi provenienti da ogni parte del mondo. 
Nella Grande Mela vi sono tantissimi ristoranti giapponesi che non offrono solo il popolare (mio amatissimo) sushi, ma anche altre pietanze tradizionali più ricercate. Tantissimi sono anche i ristoranti cinesi, qui molto raffinati ed apprezzati, ben lontani dal comune stereotipo cui siamo abituati in Italia. Per non parlare della nostra amata cucina italiana che ho ritrovato praticamente ad ogni angolo.
Quel che conta è evitare i calssici ristoranti super turistici [vedi nei pressi di Times Square] se non si desidera rimanere "a bocca asciutta" a causa del cibo deludente.

Partiamo dalla  colazione: un italiano a New York non può perdere l'occasione di assaggiare il vero pancake americano accompagnato da sciroppo d'acero. Inutile descrivere quant'è buono... Per una colazione da campioni

pancakes

Un altro dolce tipico della tradizione americana è la New York Cheesecake. Alta, morbida, dolce al punto giusto. Anche in Italia non ce la facciamo mancare, ma - fidatevi - a New York ha tutto un altro sapore!

New York Cheesecake

Quando si parla di hamburger americano, i più salutari (compresa me fino a pochi mesi fa) storcono il naso. Ma non facciamo di tutta l'erba un fascio: il vero hamburger tradizionale è ben diverso e molto più genuino da quello che troviamo nelle catene sparse in tutto il mondo.
Il mio primo giorno a NY mi è stato consigliato di assaggiare assolutamente l'hamburger in uno dei locali preferiti dai newyorchesi stessi: 5 napkin burger.
A New York ve ne sono due: uno a Union Square e  l'altro, il mio preferito, a Hell's Kitchen, un sobborgo di Manhattan disseminato di ristoranti con specialità provenienti da tutto il mondo. Da Times Square non è  difficile arrivarvi a piedi attraversando Broadway e proseguendo per diversi isolati ( o meglio blocks).

scorcio di Hell's Kitchen

5 napkin burger a Hell's Kitchen

hamburger classico con formaggio e patatine (il colore più arancio è normale in America)


5 napkin burger è un locale abbastanza grande e, vista la quantità di coperti, mi ha stupito il servizio piuttosto rapido. La prima differenza che noterete da un comune fast food sarà nei menu: l'hamburger classico (il mio preferito e fortunatamente anche il più economico) costa "solo" quindici dollari e settanta centesimi circa. I prezzi sono piuttosto alti per trattarsi di hamburger, ma considerando che si tratta di un ristorante e che gli hamburger sono la loro specialità, mi sembra normale.
Qui potete provare anche il classico hot dog all'americana e gli onion rings, i saporitissimi anelli di cipolla.
Appena ho addentato il mio panino, è stato amore. Basti pensare che ci sono ritornata ben tre volte in sei giorni!





ampia scelta di salse

Se siete a Manhattan e volete vedere qualcosa di tipicamente americano, visitate Chelsea Market!
Si tratta di un mercato culinario interno situato sotto la High Line, sulla 9th avenue tra la 15th e la 16th street. Amatissimo dai newyorchesi, è poco frequentato (e forse ancora poco conosciuto) dai turisti.
Dimenticate gli odori cattivi, il caos e le urla dei mercati nostrani: Chelsea Market non sembra neppure un mercato!
Oltre che per una semplice visita immortalata da scatti fotografici, questo mercato è il luogo ideale se siete in cerca di cibo tipico e genuino a buon prezzo.  Potrete scegliere il pesce di vostro gradimento e farvelo preparare al momento, gustare sushi freschissimo, acquistare spezie, vini, prodotti etnici e persino cibo italiano [pensate, c'è persino il ristorante di Giovanni Rana].
Ciò che più ho amato di questo vasto mercato sono stati i dolci: dai coloratissimi cookies alle torte dall'aspetto esilarante preparate con le più innovative tecniche di Cake design, dagli smarties  ai buonissimi cupcakes dalle mille forme e dimensioni.
Diverso dalle solite attrazioni, Chelsea Market è davvero un luogo da non perdere!

Chelsea Market

Smile! :)

cupcakes a Chelsea Market

biscotti a tema

confezioni regalo di biscotti

il trauma dello "sbriciolamento" in aereo mi ha fatto desistere dall'acquistarli!

smarties

non sono adorabili??? :D

enorme torta di compleanno

ancora altri cupcakes

il più bel cupcake! :D

Adesso ditemi se non vi è venuta fame!


You Might Also Like

78 commenti

  1. Quei cupcakes sono assolutamente meravigliosi *_*

    RispondiElimina
  2. che bella New York, è multietnica in tutto :) spero di poterci andare un giorno

    RispondiElimina
  3. Non solo mi è venuta fame.....ma anche voglia di fare una capatina a NYC!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici.. voglio tornarci anche io :)

      Elimina
  4. Oh mamma Manu basta!!! Ahahahahah Tante voglie tutte insieme....voglia di andare a New York, voglia di quei dolci bellissimi e spero altrettanto buoni, di hamburger & patatine *-*
    Io amo questi templi delle porcherie....o meglio fino a poco tempo fa molto di più, ed io e Carlo non ci perdevamo quasi mai una cena a base di hamburger e patatine da mc donalds o burger king...fino a quando (per nostra fortuna) è arrivato il sushi a salvarci lo stomaco! Assaggiato per la prima volta circa 4 anni fa, ma apprezzato un anno dopo grazie al mio amore che mi ha saputa "educare" per bene :D adesso non posso farne a meno e rinuncio a ketchup e maionese molto volentieri basta che mi si porti un onigiri e un piatto di noodles... *-* che fame ragazzi!Lo mangio una volta a settimana circa, ma sono sempre in astinenza :( non lo so cosa succede alle mie papille...vado in estasi ^__^
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serena io sono una fan sfegatata del sushiii! Lo adoro in tutte le sue forme: sushi, sashimi, onigiri, nigiri.. e via dicendo! La prima volta ci sono andata circa cinque anni fa.. ed è stato amore! :D
      Le porcherie mi piacciono meno, ma devo ammettere che l'hamburger fatto bene è davvero eccezionale!!!

      Elimina
    2. Ho cercato la tua e-mail ma nulla. . .vorrei chiederti una cosa magari non pubblicamente :-P
      serena0786@hotmail.it
      Bacii

      Elimina
    3. è subito a destra, tra i gadget :)

      Elimina
  5. Ah e i pancakes??? Li vooogliooo *__*

    RispondiElimina
  6. Mi son segnata tutto, dovessero prima o poi tornarmi utili e mi è venuta anche una gran fame xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pre-pranzo ci poteva anche stare dai :)

      Elimina
  7. Non condivido assolutamente il tuo pensiero positivo sull'alimentazione america, questo paese detiene il più alto tasso di morte per obesità e infarto dovuto ad una cattiva alimentazione ricca di grassi e zuccheri (brutta abitudine che si sta diffondendo in Europa e in Italia) e il film documentario "Super size me" è lo specchio di questa realtà. So che ci sono delle "isole felici" mia sorella vive negli States ma sono veramente in pochi a mangiar sano.
    Leggi l'articolo che ti riporto:

    Le previsioni al 2020 non danno segni di speranza di miglioramenti. Una minima parte della popolazione ancora segue una dieta adeguata, con condizioni peggiori per ispanici e neri. Consumi di pesce più bassi tra i bianchi e in particolare tra le donne.

    Pubblicato sulla prestigiosa Circulation, è ora disponibile un aggiornamento sulle statistiche USA per le malattie cardiovascolari ed i fattori di rischio più comuni. Il report statistico permette inoltre di seguire con attenzione l’evoluzione della dieta entro la popolazione USA, con particolare riferimento anche a specifici sottogruppi (bambini, ispanici, persone di colore) che possono essere soggetti a mutate ed accresciute condizioni di rischio.

    Salute cardiovascolare.

    Negli USA, ogni giorno 2150 persone muoiono in ragione di eventi cardiaci avversi: una ogni 40 secondi.

    L’infarto è responsabile di una morte su 19 totali. Certo i dati sono migliorati: in 10 anni (dal 2000 al 2009) su 100.000 persone l’incidenza di morti per ragioni cardiovascolari è passata da 343 a 237.

    I rischi principali sono poi i seguenti: il 33% degli americani sono ipertesi, circa 78 milioni di persone. Altre 31,9 milioni di persone hanno livelli di colesterolo totale superiori o pari a 240 mg/dL; circa 20 milioni di americani soffrono di diabete mellit (8,3% della popolazione adulta).

    Le persone sovrappeso o affette da obesità negli USA sono pari a 154,7 milioni; tra i bambini e i ragazzi (2-19 anni), 23,9 milioni sono sovrappeso/obesi, mentre 12,7 milioni sono obesi.



    La dieta

    In base all’Healthy Diet Score, che misura quanto la dieta media degli americani porti a risultati di salute desiderabili, si evince che il 70, 9% della popolazione segue una dieta sbagliata (91,5% dei ragazzi tra i 12 ed i 19 anni); e solo un 20,7% (8,5% dei ragazzi tra i 12 ed i 19 anni) una dieta almeno “così così”. Dati sui quali riflettere.

    In base alle proiezioni al 2020, sia per gli uomini che per le donne non ci si attende però un miglioramento della dieta.

    - Solo una percentuale pari al 3%.-5% degli adulti consumano almeno 3 porzioni di cereal integrali al giorno, come raccomandato dalle linee guida (la media è di 0,5-0,8)

    - Solo una percentuale pari circa al 10% dei bianchi, al 6%.7% dei neri, e all’8%-10% degli ispanici copre un consumo tra 1 e 2 porzioni di frutta al giorno. Se si considerano anche i succhi di frutta 100%, le percentuali all’incirca raddoppiano.

    - Solo una percentuale pari circa al 6%-7% dei bianchi, al 3% dei neri, e al 3% degli ispanici consuma almeno 2, 5 porzioni di verdure, come raccomandato dalle linee guida (la medi è di 1,3-2,2)

    - il consumo di pesce è basso. Circa l’80% della popolazione adulta non consuma almeno 2 porzioni alla settimana come raccomandato. Curiosamente, il consumo di pesce risulta in media più basso nelle donne bianche (1,2 porzioni settimanali) e più alto nelle donne nere (1, 7 porzioni settimanali).

    - solo il 13% della popolazione bianca, il 14%15% della nera ed il 12% della ispanica raggiungono i 250 mg di EPA e DHA (omega 3) al giorno.

    - solo il 20% dei bianchi ed il 15% dei neri –il 40% degli ispanici- consumano almeno 4 porzioni alla settimana di frutta secca, come raccomandato dalle linee guida.

    - i soft drink zuccherati sono consumati con maggiore frequenza da ispanici (62%- 76% va oltre le 7 porzioni settimanali da non eccedere stando alle linee guida), neri (65%-73%) e bianchi (50% uomini e 33% donne)



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo tu abbia ben inteso quello che voglio dire col mio post.. Non è un inno alla cucina americana, tutt'altro!
      Come ho scritto, io stessa condanno i fast food, ma credo FERMAMENTE che ognuno sia libero di mangiare dove gli pare e di conseguenza sia responsabile del proprio stato fisico.
      Mi sono laureata in un campo medico e conosco benissimo i dati che mi hai riportato e tutte le conseguenze cardiovascolari, renali e non solo.. ma ripeto che questo post si limita a sfatare il luogo comune che in America ci sono fast food e non si possa mangiare altro. Io a NY ho anche mangiato zuppe ipocaloriche e pesce perchè tengo molto ad una dieta varia ed equilibrata.
      Che i fast food siano causa di obesità è poco ma sicuro, tuttavia oltre ad essi c'è una vasta gamma di ristoranti di ogni genere per coloro che vogliono mangiare sano.
      Questo mi è stato detto da chi vive a NY, non è un'idea che ho partorito da me.

      Elimina
  8. Bilanciamento energetico

    Il bilanciamento energetico, inteso come la differenza tra calorie “in entrata” (col cibo) e calorie “in uscita” (con esercizio fisico) è costantemente peggiorato negli USA negli ultimi decenni, con un aumento di obesità e sovrappeso evidente. Anche se è difficile parlare di trend nelle calorie ingerite, vi è una certa evidenza che negli ultimi 3 decenni vi sia stato un aumento di almeno 200 kilocalorie al giorno in media per persona.

    Europa

    Spesso gli USA negli ultimi decenni sono stati “predittivi” di un peggioramento delle diete nazionali in Europa poi. Certo, i dati non sono immediatamente comparabili, ma in base ai risultati OCSE 2012 sulla salute pubblica, l’Italia va comunque molto meglio sul fronte obesità, nonostante un trend decennale non proprio positivo.

    In ogni caso, sia i rilievi USA che italiani sono basati su dati di “autodichiarazione” da parte dei cittadini.

    RispondiElimina
  9. Tranne per le ultime foto (i cosi troppo colorati mi fanno alzare lo stomaco XD) dico: WAO!
    Oh, qualora andassi lì, io PRETENDO di mangiare male! Junk food a catena, quarti di libbre con formaggio, ecc ecc... che sarà mai?
    Hai sfatato il mito, ma io amo il cliché :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se NY fosse davvero stata solo hamburger e junk food, credo non avrei resistito nemmeno un giorno! Il cibo troppo condito e grasso non lo resisto per troppi giorni di fila! :D
      Però l'hamburger (quello vero) è davvero deliziosooo!!!!

      Elimina
    2. Immagino!
      Però io sogno sempre qualche panino tipo come nel programma Man vs Food XD

      P.s. ti ho spiegato cosa sono i protocuccioli da trovare!

      Moz-

      Elimina
    3. ahah a quanto pare non sono stata l'unica a non capire cosa fosse un PROTOCUCCIOLO! :D

      Elimina
    4. No, infatti :)
      In realtà i protocuccioli sono fumetti di mia invenzione: nel gioco, invece, sono tre disegni da trovare, tutto qui. E' semplicissimo^^

      Moz-

      Elimina
  10. Sono sempre stata dell'opinione che bisogna assaggiare quanto offre il luogo dove in quel momento ci si trova. Cercare similitudini del nostro mangiare oltre che essere poco "turista" si può trovare non di proprio gusto in quanto è ovvio che viene aggiustato per i residenti. D'altra parte anche da noi il vero "hamburger" non si trova è stato adattato malamente ai nostri gusti e sono d'accordo con te bisogna sfatare e provarlo li sul posto una leccornia.
    Non l'ho provato ma ho avuto la fortuna di avere ospite una ragazza americana che si è data da fare per trovare gli ingredienti giusti e fare un hamburger abbastanza simile...
    Belle foto ben raccontata sia visivamente che ad occhio. Grazie di questa bella passeggiata.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido! Per me è fondamentale provare quel che è tipico di un posto, nonostante in un primo momento possa essere piuttosto scettica.
      Sono lieta che tu abbia ben compreso quello che ho voluto "trasmettere" con questo viaggio gastronomico per Manhattan e ti auguro di provare quello strepitoso hamburger sul posto!
      Un abbraccio

      Elimina
  11. io vivrei di pizza e hamburgher con le patatine, ma nonostante questo sono entrate da mcdonald forse 2 volte in 25 anni di vita! lo detesto e non riesco a concepire il successo che ha, il loro cibo è spazzatura, ma non l' hamburgher in se..
    Ne ho mangiati tanti di hamburgher in America, ma solo uno lo ricordo con vero amore,era qualcosa di indimenticabilmente favoloso!!
    Quando ho voglia di hamburger e patatine qua a Milano, vado da Old Wild West, è una catena e devo dire che non sono male!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marzia andiamo proprio d'accordo! Io al Mc Donald's mangio solo le insalate quando non c'è altro posto in cui sfamarmi a distanza di km!!! L'Old Wild West c'è anche da me e in molti mi han detto che è valido, però non ho ancora avuto occasione di testarlo :)
      Ciao, un abbraccio!

      Elimina
  12. Buonasera Manuela,
    passo per ringraziarti dell'attenzione che riservi all'Angolo e lasciarti un cordialissimo saluto.
    A presto!

    RispondiElimina
  13. Che meraviglia questi cupcakes!!! mi hai fatto venire un'acquolina!!! Io a NY ci sono stata e ci tornerei subito! ...però i pancake mi mancano.... e devono essere buonissimi!! é sempre bello rivedere delle foto di New York! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacione a te!!! Chi ci è stato mi capirà alla grande :D

      Elimina
  14. ...forse ti ho scritto 2 volte!!

    RispondiElimina
  15. No no NO !!!!
    Lo sapevo che non dovevo leggerti!!
    Adesso mi è venuta una fame boia e qui mi è rimasta solo una pizza surgelata :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah spero te la sia fatta bastare :p

      Elimina
    2. in effetti l'ho lasciata nel freezer e sono andato al birrificio a farmi fare un hamburgher :-|

      Elimina
  16. Bellissimo post, ben scritto e corredato di foto molto efficaci e esplicative, sei davvero brava!
    Mi piace come esponi e sviluppi gli argomenti, sei una giornalista nata!
    Grande Manuela!
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina sei davvero troppo gentile! Le tue parole mi riempiono d'orgoglio.. GRAZIE MILLE! :)
      Un abbraccio fooorte!

      Elimina
  17. Io credo che una cosa sia lo stile di vita e le abitudini alimentari quotidiane ed un'altra cosa sia il desiderio di mangiare saltuariamente qualche piatto che ci fa particolarmente gola e che ben sappiamo che non sia proprio salutare! In altre parole, se mangio patatine fritte tutti i giorni perché sono buonissime corro un alto rischio di andare incontro a serie patologie, ma se le mangio una volta al mese il fisico è ben attrezzato per smaltirle senza danni. Purtroppo manca una buona cultura alimentare (anche in Italia) e spesso prendiamo abitudini sbagliate. Comunque andare a NY e non mangiare un buon Hamburger di quelli fatti bene non ha senso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattamente! Non si può vivere continuamente pensando a calorie, zuccheri, grassi, malattie.. Ogni tanto uno strappo alla regola ci sta e fa pure bene.. soprattutto se si è in vacanza! Provare il cibo locale è LEGGE! :)

      Elimina
  18. Confermo tutto ciò che dici...io sto scoprendo anche la cucina thailandese che non è niente male! E sto testando hamburger in molti posti diversi! quasi quasi un giorno ci faccio un post, ho un po' di ristoranti da consigliare :) mamma mia mi hai fatto venire fame sì, peccato che abbia cenato un paio d'ore fa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che la cucina thai mi affascina tantissimo? Non l'ho ancora provata perchè da me non ci sono ristoranti thailandesi..

      Elimina
    2. allora ti aspetto a New York per provarne un paio davvero gustosi :D

      Elimina
  19. Va beh, però così mi è venuta fame! D: Ahahah, no comunque io non ho mai pensato che New York fosse tutta fast food, sicuramente sanno cucinare perché c'è gente che viene da tutto il mondo e dev'essere un sogno mangiare uno di quegli hamburger!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Anto :) Infatti è proprio come dici! Il problema è che in molti hanno tutt'altra opinione senza che abbiano mai messo piede a NY!

      Elimina
  20. Si va bene, però nei fast-food manca l'atmosfera un po' rarefatta di un buon ristorante. A tavola al ristorante non si va solo per mangiare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ambra credo che tu non abbia prestato attenzione a quello che ho scritto.. quelle immagini non provengono da fast food!

      Elimina
  21. Sì, l'ho visto Super Size Me! Il punto non è tanto la qualità degli alimenti, ma la quantità di zuccheri presenti nel cibo dei Fast Food. Lo zucchero crea dipendenza e se si comincia ad abusarne dopo un po' non se ne può fare a meno. Però un hamburger di tanto in tanto ci sta, dai :-) (a me personalmente non piace, ma è una questione di gusti)
    Post utilissimo per tutti gli italiani in partenza per gli States... lo consulterò sicuramente se dovessi andare a New York! E ci andrò, perché mi incuriosisce troppo come città :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Vale!
      Non ho voluto dilungarmi, però tu hai ben riassunto il messaggio trasmesso da Super size me! :)
      Del resto nel video si fa riferimento a chi ABUSA dei fast food.. proprio come dici tu :)
      Io provo una sorta di avversione nei confronti dei fast food e del loro cibo, infatti ho provato il VERO hamburger americano in un ristorantino e non nel comune Mc Donald's. Tuttavia non condanno chi saltuariamente si concede un peccato di gola in un fast food.
      Un caro saluto! :)

      Elimina
  22. Più che fame mi è venuta una grandissima voglia di andare a New York! Come se non avessi già abbastanza voglia di viaggiare e troppi pochi soldini per farlo quanto vorrei! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Poupette, io l'ho tantosognata per anni! Finalmente ce l'ho fatta questo Gennaio :)

      Elimina
  23. che meraviglia Manu!! a parte l'acquolina che mi hai fatto venire.. tanta invidia per il tuo viaggio a New York!! spero di andarci anche io prima o poi! *w*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) è stato un sogno nel cassetto per anni..

      Elimina
  24. Tanta voglia di un mega hamburger assolutamente!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem! Ma non un hamburger del Mc Donald's :)

      Elimina
  25. Interessante questo post! Credo che si possa mangiare bene ovunque... alla fine dipende da noi... forse a New York si è maggiormente tentati dalle cose non proprio ipocaloriche ma non credo che gli americani mangino solo quelle! ;) I cupcakes sono stupendi! :D Un bacione! :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sposi perfettamente il mio pensiero! :)
      Un bacione Vale!

      Elimina
  26. Confermo quello che hai detto...il vero hamburger non è quello grasso e prieno di colesterolo delle catene che troviamo in tutto il mondo.
    Negli USA, soprattutto nelle zone rurali, la carne è ottima e gli hamburger sono cucinati in modo eccelso.
    Certo è che se poi si riempiono di salse e salsine il rischio di ingurgitare extra calorie e mettere su qualche kg è scontato....ma si possono avere anche solo con insalata, pomodoro e magari un po' di senape :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente! Io odio le salsine, quindi parto avvantaggiata :)

      Elimina
  27. La risposta è SI. Mi hai fatto venire fame alle 11 di mattina! :)
    E si. Mi hai fatto aumentare la voglia di andare a Ny. Il progetto con i miei amici di andarci ad agosto sta naufragando per ovvi motivi economici (volare ad agosto è sempre troppo caro) però...rimane una piccola flebile speranza! Riguardo al cibo anche io non sono un'amante dei fast food ma credo che mangiare l'hamburger, come dici te, non corrisponde sempre al cibo spazzatura. In fondo è un semplice panino con la carne!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quanto ti capisco! purtroppo Agosto risulta essere il mese meno indicato per viaggiare.. e non solo in aereo! se riesci ad andarci subito dopo le feste natalizie.. ti assicuro che costicchia poco ed è uno spettacolo! :D

      Elimina
  28. oddio quante cose deliziose!!!!!!!!!!!^_^mamma mia...i pancake poi..vorrei proprio assaggiare quelli originali!!!^_^

    RispondiElimina
  29. Quanti ricordi. Il mio essere vegetariana mi ha salvato parecchi kg ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche il mio essere attenta alla dieta :)

      Elimina
  30. Ehhe io ho messo su due chili in 6 giorni :)) notare che il mio peso è sempre lo stesso da anni e non cambia mai! cheesburger e pizze sono le colpevoli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo di essere dimagrita invece.. ho camminato talmente tanto da smaltire tutto! E poi la sera cercavo di compensare mangiando meno che a pranzo :)
      Comunque andare a NY senza condersi il "lusso" di provare hamburger, pancakes e onion rings è da pazzi!

      Elimina
  31. quanto mi piacerebbe andare in America, il cibo non sarebbe ovviamente il motivo principale, ma io sono convinta che troverei sicuramente un sacco di cose buone da mangiare, e quei dolci coloratissimi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantissima roba buona da amngiareee, anche se, come dici te, non è il motivo principale per cui si va nella Grande Mela :)

      Elimina
  32. io sono amante delle schifezze, come le chiamo io, ma non le mangio spesso e soprattutto me le cucino a casa almeno so quello che ci metto :)
    al mc non vado, complice anche la celiachia che ho da quasi 16 anni ho imparato a mangiare regolare fin da piccola, però sai ogni tanto bisogna far lavorare il fegato!
    so che in America ad esempio è molto buona la carne per via dei tanti pascoli che hanno, sarà vero? spero di poter sperimentare di persona!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo.. la carne in America (a meno che tu non scelga un fast food, ma non è il tuo caso) è davvero prelibata! :D

      Elimina
  33. certo che mi è venuta fame!
    adoro tutti i dolci americani..ma i cupcakes sono al primo posto!
    mmmm buoniii

    RispondiElimina
  34. che belli i conversation cookies! io a NY ho mangiato quasi sempre vegano perchè il mio compagno di viaggi è vegan. avrei voluto mangiare più hamburger! Comunque c'era solo l'imbarazzo della scelta e ho mangiato sempre bene spendendo poco, specialmente nelle bettole asiatiche :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. idem! A parte l'hamburger forse! Ma quanta voglia di tornare a NY abbiamo??? :D

      Elimina
  35. Manu questo post mi è utilissimo!! Sto prendendo appunti con tutti i tuoi consigli!!
    Ti farø sapere :)))

    Ps bellissimo post come al solito ♡

    Ps

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniiii non ci credo! Sei tu? :D
      Grazie! Ma quando parti? Domani?
      Un abbraccio!

      Elimina
  36. Ma lo fate apposta con questi post all'ora di pranzo? :D

    I prezzi sono quasi ai livelli dell'Hard Rock... ma da quello che hai scritto e dalle foto che vedo...
    Potrei mettere su una decina di chili da quelle parti :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha sì lo faccio apposta! :D
      Comunque giuro che è molto più buono dell'Hard Rock! Provare per credere (e ingrassare per credere) ahahah

      Elimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: