Berlino Europa

Berlino Est tra storia e graffiti

giovedì, marzo 21, 2013Manuela Vitulli




Fino a pochi anni fa non ero affatto attratta dalla capitale tedesca, forse perché la ritenevo troppo algida e dal passato (recente) poco felice. Eppure è proprio quel passato ancora così fresco ad aver fatto di Berlino la grandiosa città che è adesso, una città che non può permettersi di dimenticare gli orrori del nazismo né le false speranza del comunismo.
Guidata dagli utilissimi itinerari scovati sul web, ho scoperto la Berlino più autentica, meno turistica, lontano dalla Torre della televisione, dagli edifici moderni e dalle piazze affollate del centro. Sto parlando del lato Est della capitale, con un riferimento particolare a Rosenthaler Strasse.
Confesso di essere stata parecchio scettica quando ho visto che l'itinerario scaricato appositamente sul mio cellulare mi conduceva dinanzi a un varco buio all'interno di strutture alquanto fatiscenti, tuttavia è bastato il tempo che i miei occhi si abituassero alla scarsa illuminazione per notare i numerosi graffiti sui muri e le indicazioni dei piccoli musei che si affacciano sul cortile all'interno.




Sono rimasta davvero affascinata da questo cortile nascosto con i suoi graffiti tutt'altro che scontati. Alcune di queste opere pare siano state create quasi come segno di protesta e sicuramente celano un significato ben lontano dalla semplice trasgressione dell'imbrattare un muro.
Il cortile dà accesso a tre piccoli musei dall'ingresso gratuito e una galleria di arte contemporanea.
Com'è possibile notare dalle foto, ho un ricordo molto piacevole di questo posto anche per l'assenza di turisti, poiché nessuno (a meno che non sia istruito) si immaginerebbe mai che dietro un varco improvvisato si possa nascondere un angolo così autentico e particolare.
Immaginate che pace e che concentrazione nel visitare un museo praticamente deserto, senza bambini che strillano o maniaci di foto che si piazzano davanti all'espositore!
Partiamo dal museo di Otto Weidt, una fabbrica in cui l'omonimo proprietario nascose i suoi operai ebrei. Una storia toccante, ancor più se si immagina che circa settant'anni fa quest'uomo con i suoi dipendenti ebrei vivevano nel terrore percorrendo proprio i miei stessi passi.




Ma sicuramente il museo dove ho lasciato il mio cuore è quello di Anna Frank. Non si tratta della casa originale di Anna (che invece si trova ad Amsterdam), difatti è presente una riproduzione del celebre diario. Tuttavia, si tratta di un museo multimediale molto innovativo e rivolto soprattutto ai ragazzi. Dopo aver letto il diario e aver visto il film da piccola, è stato un colpo all'anima rivivere la storia della famiglia Frank tramite il filmato proiettato in un'apposita sala (è possibile contattare l'addetta e selezionare la propria lingua per l'audio). Molto molto toccante.








Graffiti che parlano di storia, graffiti che strillano, urlano per la pace


You Might Also Like

52 commenti

  1. Tutto refelesso della sofferenza i liberazione de un popolo c'è o dramma a dolore e per fine c'è la gioia la felicità...

    RispondiElimina
  2. La mia sorella ci vive a Berlino, e ormai una parte del mio cuore è in quella città che ha sempre tanto da dare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Casa lisa, sono perfettamente d accordo con te!

      Elimina
  3. E' una delle capitali europee che mi mancano, e non sono molte, anch'io forse poco attratta, come sempre sei riuscita a sollecitare la mia curiosita'.
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille laura!sai che anche io non ero mai stata colpita dalla germania?!!!
      Eppure. . È bello ricredersi :)

      Elimina
  4. Ciao Manuela! Questa parte di Berlino mi mancava, quando ci tornerò non mancherà una visita in questa parte della città così caratteristica! :)
    Federico

    lavaligiasottosopra.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie fede!è davvero imperdibile!!!
      Ho saputo della futura collaborazione, sarà un piacere!

      Elimina
  5. mi hai fatto venire voglia di annullare la prenotazione per Parigi e correre alla scoperta di Berlino! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena possibile, facci un salto perché non può non piacerti (in più a berlino est persino h & m ha uno stile più underground!)
      Ma paris est paris! :)

      Elimina
  6. Bhe, sicuramente una città affascinante, nonostante il suo recente passato un po'... buio.

    I murales sono stupendi! *__*

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono le nostre amate targhe. . Ma Sapevo che avresti apprezzato!!!:)

      Elimina
    2. Il mio preferito è quello della foto prima che citi Anna Frank.
      Bellissimo l'effetto "retino" dato al vestito-cappuccio.

      Anche quello "a piccole pennellate" mi piace un sacco :)

      Moz-

      Elimina
    3. Ah, p.s. volevo dirti: non è mio l'articolo sulla nostalgia, ossia: lo Scoiattolo non sono io, lo disegno io ma lui è un'altra persona :)

      Moz-

      Elimina
    4. Anche a me piace un sacco quello effetto retino come dici tu :)))

      Elimina
  7. Io a Berlino c'ho lasciato il cuore e la parte est è quella a cui sono rimasta più legata! Questa via piena di graffiti però me la sono persa :( va bhè mi toccherà recuperare con un altra visita :) un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio come me. Avevo lasciato il mio cuore a londra. . Prima di vedere berlino!molti sottovalutano questo splendore di città. .

      Elimina
  8. Città affascinante.
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  9. Bellissima Berlino!! Mia sorella è là adesso in gita e la invidio!! :)

    Un bacione!

    NUOVO POST!

    Babi
    www.voguebuster.net

    RispondiElimina
  10. ... e intanto accumulo info su berlino, per il mio viaggio di maggio... se poi ti capitasse di scrivere un post su barcellona... :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah continuerai ad accumulare info fino a Maggio (fino ad allora cliccando sull'etichetta BERLINO in basso, credo che avrai info a sufficienza per un'intera settimana! )

      Ciao Paolo!

      Elimina
  11. caspita, viaggi tantissimo!!
    Ti dirò, anche a me Berlino a primo acchito non dice niente, ma son sicura che una volta lì sia tutto il contrario, soprattutto in quei posti che appunto non sono pullulanti di turisti!
    ti seguo volentieri, leggere questi post sembra un po' come viaggiare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Elisha.. sono lieta di riuscire a trasmettere le mie sensazioni in viaggio :D
      Un abbraccio!

      Elimina
  12. Ciao! Grazie per il tuo commento nel mio blog, il tuo mi piace moltissimo e da oggi ti seguo, spero vorrai fare lo stesso con me! Caterina www.imieioutfit.blogspot.com

    RispondiElimina
  13. Buona sera Manuela è un piacere vedere un' infinità di arte e colore,
    Una vera meraviglia!
    complimenti per le foto!
    ma tutto il post e le descrizioni da te fornite sono eccellenti!
    Buona Primavera Gabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Gabry! Sei di una gentilezza infinita! :D
      Buona primavera a te :*

      Elimina
  14. Stesse tue sensazioni. FIno a pochi anni fa non mi interessava come viaggio, o meglio non era tra le città in Europa che più mi attiravano. Quando poi ci sono stata me ne sono innamorata e spero di tornarci presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia così perché non è ancora diventata un MUST come Londra o Parigi.E siamo ancora in pochi ad apprezzarne la bellezza! :D

      Elimina
  15. Ma sei stata ovunque!
    Grazie a te sto scoprendo tante cose nuove! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha ovunque non proprio. Non esageriamo :)

      Elimina
  16. Very nice series! I love it :-)

    Greetings from the Netherlands,
    DzjieDzjee

    RispondiElimina
  17. sono "sbarcata" sul tuo blog casualmente!
    mi presento: sono Anna e condividiamo una passione comune.. viaggiare!
    sono un'archeologa e sono spesso in giro tra scavi e mostre!
    ho un diario di cucina, se ogni tanto ti andrà di leggere qualche ricetta, ti aspetto da me ;)

    http://ildiariodellamiacucina.blogspot.it/

    RispondiElimina
  18. ciao !! rispondo qui al commento che hai lasciato sul mio blog ..
    scrivimi privatamente a aliceatticroom@gmail.com e ti spiego tutto ..
    baci

    RispondiElimina
  19. Io amo i graffiti e Berlino mi attira già da un po'. L'ultimo è bellissimo *---*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stesso vale per me! tE LA CONSIGLIO!!! :)

      Elimina
  20. artisticamente bello e colorato il tuo viaggiare, complimenti!
    ps. onorato dal tuo gentile pensiero, ricambio di gran lunga
    antonio

    RispondiElimina
  21. Complimenti per le foto e il tuo commento.Berlino è una città bellissima che visito sempre volentieri.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fulvio. Eppure ancora in molti ignorano la bellezza di questa città...

      Elimina
  22. Berlino é splendida.
    Io la amo!
    www.lasnoblovesberlin.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo Claudia! Io me ne sono innamorata!!!!
      Un bacione!

      Elimina
  23. Adoro i graffiti, un motivo in più per tornare in quella città! :)
    Berlino per chi è della mia generazione e per chi ha fatto parte di una certa sottocultura significa 3 cose: Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino (ebbene sì); gli Einstürzende Neubauten; il gothic-industrial. In una parola: la mecca. Per questo (e tante altre cose in realtà...) un viaggio a Berlino ha sempre rappresentato non tanto una visita a una città come le altre, per quanto bellissime e interessantissime, ma una specie di pellegrinaggio al Santo Grahal! C'è anche una canzone italiana degli anni 80 più profondi che rappresenta bene quel sentimento dell'epoca: " A berlino va bene" di Garbo...se hai voglia di sentire qualcosa un po' di new wave italiana ;)
    Poi una riflessione: parli di "falsa speranza del Comunismo", una visione spesso condivisa, ma si tende a dimenticare quale sia stato l'iter che ha portato il Socialismo in Germania e a omettere il fatto che l'URSS occuppante l'area tedesca aveva in mente tutto tranne regalare prosperità a quella Germania che aveva minacciato la Russia invadendola e che le si trovava ancora accanto. Dunque la prima volontà del regime sovietico in Germania fu quella di impedire con tutte le forze che i tedeschi potessero rialzare la testa. Credo che non bisognerebbe mai dimenticare questo passaggio che spiega alcuni degli aspetti più rigidi della gestione della Germania est e della stessa divisione del Paese. Naturalmente poi la questione si è fatta più complessa di così, tant'è che oggi si parla di Ostalgie "Nostalgie nach dem Osten" per la DDR. E su questo ti consiglierei, se non l'hai già visto, il divertente film "Goodby Lenin".:) Ecco, con questo non voglio dire che nell'Est si viveva bene o cose del genere,ma soltanto che parlare di "Falsa speranza" per un popolo che non ha scelto un determinato regime politico, ma lo ha tremendamente subito come conseguenza del conflitto appena terminato e dell'aggressività bellica dimostrata, sia poco fedele alla realtà.
    Ad ogni modo,grazie per lo stimolante post! ;)
    Dai un'altra possibilità alla Germania! ha tanti luoghi incantevoli e una storia ricchissima :)

    RispondiElimina
  24. Adoro i graffiti, un motivo in più per tornare in quella città! :)
    Berlino per chi è della mia generazione e per chi ha fatto parte di una certa sottocultura significa 3 cose: Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino (ebbene sì); gli Einstürzende Neubauten; il gothic-industrial. In una parola: la mecca. Per questo (e tante altre cose in realtà...) un viaggio a Berlino ha sempre rappresentato non tanto una visita a una città come le altre, per quanto bellissime e interessantissime, ma una specie di pellegrinaggio al Santo Grahal! C'è anche una canzone italiana degli anni 80 più profondi che rappresenta bene quel sentimento dell'epoca: " A berlino va bene" di Garbo...se hai voglia di sentire qualcosa un po' di new wave italiana ;)
    Poi una riflessione: parli di "falsa speranza del Comunismo", una visione spesso condivisa, ma si tende a dimenticare quale sia stato l'iter che ha portato il Socialismo in Germania e a omettere il fatto che l'URSS occuppante l'area tedesca aveva in mente tutto tranne regalare prosperità a quella Germania che aveva minacciato la Russia invadendola e che le si trovava ancora accanto. Dunque la prima volontà del regime sovietico in Germania fu quella di impedire con tutte le forze che i tedeschi potessero rialzare la testa. Credo che non bisognerebbe mai dimenticare questo passaggio che spiega alcuni degli aspetti più rigidi della gestione della Germania est e della stessa divisione del Paese. Naturalmente poi la questione si è fatta più complessa di così, tant'è che oggi si parla di Ostalgie "Nostalgie nach dem Osten" per la DDR. E su questo ti consiglierei, se non l'hai già visto, il divertente film "Goodby Lenin".:) Ecco, con questo non voglio dire che nell'Est si viveva bene o cose del genere,ma soltanto che parlare di "Falsa speranza" per un popolo che non ha scelto un determinato regime politico, ma lo ha tremendamente subito come conseguenza del conflitto appena terminato e dell'aggressività bellica dimostrata, sia poco fedele alla realtà.
    Ad ogni modo,grazie per lo stimolante post! ;)
    Dai un'altra possibilità alla Germania! ha tanti luoghi incantevoli e una storia ricchissima :)

    RispondiElimina
  25. Ti ringrazio molto per questo commento così dettagliato e ricco di fonti da cui attingere nuove nozioni su Berlino e non solo. La canzone non la conoscevo, il film invece sì (molto molto bello).
    Ad ogni modo per me Berlino è splendida, come tutta la Germania! :)

    RispondiElimina
  26. Anzitutto complimenti per il report e le foto, bellissime.
    Berlino mi manca ma è nella lista delle capitali che devono essere visitate. Alcuni sono rimasti molto affascinati da questa città, preferendola addirittura a Londra.... Non mi resta che andare a constatare di persona ed esprimere il mio personale giudizio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire la verità? Per quanto mi piaccia Londra, ho preferito Berlino. Quindi ti consiglio assolutamente di andarci :) grazie mille per i complimenti :)

      Elimina

Lasciami un segno del tuo passaggio,
fammi sapere cosa ne pensi :)

[rispondo sempre, amo l'interazione]

recent posts

Labels

#caprai4love #esplorandoarbataxpark #instameetLe15 #invasionidigitali #leinvasionimurgiane #nonpartosenza #TipicaMenteRimini #Traveldreams #Valleditriatour #WeLevanto Abruzzo Africa Alberobello altro Amalfi America Amsterdam Asia Assisi Atlantic City AUE austria Bangkok Barcellona Bari Basilicata Baviera Belgio Berlino Bernalda Blog & Social Media Tour blogtour Bologna Bruxelles Budapest Calabria cambogia Campania Can't Forget Italy Cappadocia Cartoline dal mondo castelmezzano Castro Cilento Cinque Terre Cisternino Corfù Coriano Corsica Cortina Costa Rica Craco Croazia deserto Disney Disneyworld DIY donna Dubai Dublino Egitto Europa eventi Everglades Fasano featured Fiandre Firenze Florida food Frammenti di viaggio Francia Francoforte Friuli Venezia Giulia Gallipoli Gandoli Gargano Gent Germania Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grottaglie hotel instagram intervista Irlanda Ischia Istria Italia jamaica Key West Koh Nang Yuan koh samui Koh Tao Lampedusa Latopositivo Lecce Levanto lifestyle Liguria Locorotondo Lombardia Londra Lonely Planet Luxor Mantova Marsa Alam Martina Franca Matera Messico Miami Milano Misurina Molise Monaco Monopoli montefalco myperception Napoli Nepal New York Olanda Orlando Ostuni Otranto Parigi Petra philadelphia Plan de Corones Polignano Porto Cesareo Portogallo Portovenere Positano Praiano premi puglia Radio Capital riflessioni Rimini Roma Romania Salento Sardegna Savelletri Sicilia snapchat snorkeling Sorrento Spagna storytelling Sudafrica svezia Svizzera Taranto tartarughe TBEXAsia telefilm ThaiExperience Thailandia Toscana tradizioni Trani Trentino tunisia Turchia umbria Ungheria Valencia Valle D'Itria Vallonia varie Veneto Venezia Verona viaggiare Vico del Gargano video Vietri sul mare Vinitaly weekend wellness wine

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Pensieri in Viaggio" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2013 - 2016 Pensieri in Viaggio by Manuela Vitulli. All rights reserved

Scrivi a manuvitulli@gmail.com oppure qui: